Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Inseguimento del sogno evasivo di una maturazione di COVID

Sebbene gli scienziati e le borse valori abbiano celebrato l'approvazione in caso d'urgenza di remdesivir per trattare COVID-19, una maturazione per la malattia che ha ucciso quasi 260,000 persone rimane un modo lungo fuori e potrebbe non arrivare mai.

Le centinaia di droghe stanno studiande intorno al mondo, ma “non vedo molti fuoricampi ora,„ ha detto il del Rio, un professore del Dott. Carlos delle malattie infettive al banco di Rollins di Emory University della salute pubblica. “Vedo molti strikeout.„

I ricercatori hanno lanciato più di 1.250 studi di COVID-19. Le ditte farmaceutiche stanno investendo miliardi per sviluppare le efficaci droghe e vaccini per contribuire a cessare la pandemia.

Il Dott. Anthony Fauci, Direttore dell'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive, era prudente quando annunciare i risultati di un test clinico di remdesivir la settimana scorsa, notante la non è “un'espulsione.„ Sebbene i pazienti ospedalizzati aiutati remdesivir COVID-19 recuperino più rapidamente, non si è rivelato salvare le vite.

“Questo [droga] sta aprendo la porta,„ Fauci ha detto. “Mentre più società ed investitori ottengono implicati, sta andando migliorare e migliorare.„

I ricercatori già hanno annunciato che combineranno il remdesivir con una droga antinfiammatoria, baricitinib - ora usato per trattare artrite reumatoide - nella speranza di migliorare risulta.

Ma COVID-19 è un nemico evasivo.

Medici che curano i pazienti di COVID dicono che stanno combattendo una guerra con parti anteriori multiple, combattenti un virus che batte gli organi in tutto l'organismo, i coaguli di sangue dell'uccisore di cause e le richieste una reazione eccessiva del sistema immunitario chiamata “una tempesta di citochina.„

Con tante parti del corpo nell'ambito dell'assediamento immediatamente, gli scienziati dicono, migliorare i tassi di sopravvivenza richiederà gli itinerari multipli dell'attacco - e più di una droga. Mentre alcuni dei farmaci sperimentali mirano al virus, altri mirano ad impedire il sistema immunitario infliggere il danno collaterale.

“Ci sono tanti pezzi di questo e tutti richiederanno le terapie differenti,„ ha detto il Dott. Lewis Kaplan, Presidente della società della medicina critica di cura, di cui medici forniscono la terapia intensiva.

Gli approcci alta tecnologia includono facendo uso delle cellule staminali, delle celle di T virus-specifiche e degli anticorpi sintetici per neutralizzare il coronavirus.

Gli scienziati egualmente stanno dando un'occhiata fresca ai farmaci attuali che potrebbero essere repurposed per combattere COVID-19. Questi includono i antivirals per influenza, le droghe di artrite, le toppe dell'estrogeno e perfino gli antiacidi. Se le droghe repurposed riescono, potrebbero raggiungere relativamente rapidamente i pazienti, perché medici hanno una conoscenza di già con i loro effetti secondari e preoccupazioni della sicurezza.

Alcuni medici sono scettici che le droghe per bruciore di stomaco o le vampate di calore hanno tutta la probabilità di trattamento dell'uccisore come COVID-19.

Il Dott. Steven Nissen, presidenza di medicina cardiovascolare alla clinica di Cleveland, ha detto che teme che la campagna pubblicitaria sopra i prodotti infondati nocesse ai pazienti, anche se temporaneamente amplifica i prezzi delle azioni della società. Pazienti che richiedono gli antiacidi o le droghe antimalariche che sono studiate in COVID-19 potrebbero essere danneggiate dagli effetti secondari, per esempio. Coloro che accumula le droghe - sulla speranza di protezione da COVID-19 - potrebbero privare altri pazienti dei farmaci che devono restare in buona salute. Qualche gente può rifiutare di partecipare ai test clinici perché temono essere date un placebo.

“Questa attività  per entrare ogni trattamento immaginabile in uno studio, non è prudente,„ Nissen ha detto. “Non è buona medicina. È un atto di disperazione.„

Altri esperti dicono che gli scienziati dovrebbero fondere un ampio netto.

“Non penso che vogliamo regolare qualche cosa fuori perché sonda dall'ordinario,„ abbiamo detto il Dott. Walid Gellad, Direttore del centro per polizza farmaceutica e di prescrizione all'università di Pittsburgh.

Antivirals nel riflettore

I Antivirals quale remdesivir mirano ad impedire ai virus di ripiegare, hanno detto il Dott. Peter Hotez, un professore all'istituto universitario di Baylor di medicina a Houston.

Quello non funziona sempre. Un piccolo studio cinese su remdesivir, pubblicato il mese scorso in The Lancet, non ha trovato vantaggio ai pazienti severamente malati COVID-19. Remdesivir precedentemente era venuto a mancare una volta provato contro Ebola.

I Antivirals tendono ad essere più utili nelle fasi iniziali di infezione, quando la maggior parte del danno al paziente è causato dal virus stesso, piuttosto che il sistema immunitario, Hotez ha detto.

Remdesivir è appena uno di molti antivirals che sono provati contro COVID-19.

I ricercatori internazionali stanno studiando il favipiravir antivirale, sviluppato per combattere l'influenza.

Le droghe antimalariche la clorochina e l'idrossiclorochina - che sono state sollecitate molto da Presidente Donald Trump - egualmente hanno effetti antivirali. Sebbene Food and Drug Administration approvi i moduli quelle droghe in caso d'urgenza contro COVID-19, l'agenzia successivamente ha avvertito che potrebbero causare i problemi pericolosi del ritmo del cuore.

Uno studio in New England Journal di medicina non ha trovato similarmente vantaggio nel dare due antivirals usati per trattare il HIV - una combinazione di lopinavir e di ritonavir, venduta sotto il nome di Kaletra- in adulti ospedalizzati con COVID-19 severo.

Sfruttamento del sistema immunitario

Una delle terapie che generano l'eccitazione è egualmente una dei più vecchie: di sangue ricco d'anticorpo dai superstiti di COVID.

Il sistema immunitario produce gli anticorpi in risposta agli invasori quali i virus ed i batteri, permettendo che l'organismo li riconosca e neutralizzi. Gli anticorpi egualmente riconoscono e neutralizzano il virus la prossima volta che la persona è esposta.

Cura la speranza che i pazienti che sviluppano gli anticorpi contro il coronavirus novello diventeranno immuni, almeno per alcuni anni, sebbene questo non sia stato provato.

Gli scienziati che sviluppano questo “plasma convalescente„ stanno studiando se i superstiti COVID-19 possono dividere questa immunità con altre donando il loro plasma, la parte liquida di sangue che contiene gli anticorpi, hanno detto il Dott. Shmuel Shoham, un professore associato di medicina alla scuola di medicina di Johns Hopkins University.

Oltre a curare la gente che è già plasma malato e donato potrebbe potenzialmente impedire la gente esposta al virus - quali i lavoratori di sanità - i sintomi svilupparsi.

Gli anticorpi donati - e tutta l'immunità potrebbero fornire - non durano per sempre, hanno detto il Dott. William Schaffner, un professore al centro medico di Vanderbilt University. L'organismo distrugge gli anticorpi di invecchiamento come componente della sua manutenzione programmata, ha detto. La metà degli anticorpi donati si elimina generalmente in circa tre settimane.

L'uso di plasma convalescente ritorna più di un secolo. È stato usato durante l'influenza 1918 pandemica ed è stato indicato per migliorare la sopravvivenza durante la pandemia 2009-10 H1N1.

Medici non sanno ancora se il plasma convalescente avvantaggierà la gente con COVID-19.

Il plasma convalescente si pensa che generalmente sia più efficace nell'impedire la malattia che nel trattamento. Può essere meno probabile aiutare qualcuno nella terapia intensiva, Shoham ha detto.

I ricercatori egualmente stanno studiando l'uso di plasma preimballato, chiamato immunoglobulina endovenosa, nei pazienti di COVID. Questo prodotto, conosciuto come IVIG, è catturato dai donatori in buona salute nella popolazione in genere e lungamente è stato usato per aiutare i pazienti con i sistemi immunitari indeboliti a combattere fuori le infezioni. Gli ospedali lo tengono in azione ed alcuni già stanno usandola per curare i pazienti di COVID.

Sebbene gli anticorpi in IVIG preimballato specificamente non mirino al coronavirus, i ricercatori sperano che tamp giù la risposta immunitaria.

In un terzo modulo della terapia immune, i ricercatori stanno provando ad identificare gli anticorpi specifici che sono i più importanti per la neutralizzazione del coronavirus, quindi a riprodurrli mentre le droghe hanno chiamato gli anticorpi monoclonali. Gli anticorpi monoclonali già sono usati per trattare vari termini, da cancro all'artrite reumatoide ed alle emicranie.

“Quando diamo alla gente un anticorpo, sono immediatamente almeno parzialmente immuni a quel virus specifico,„ ha detto il Dott. James Crowe, Direttore del centro vaccino di Vanderbilt, che spera di avere anticorpi pronti per un test clinico in alcuni mesi. “Stiamo muovendo il sistema immunitario da una persona verso un altro.„

Nel migliore dei casi, medici svilupperebbero un anticorpo monoclonale molto potente o un cocktail degli anticorpi per i pazienti COVID-19, assicurare la migliore possibilità di successo, Crowe ha detto. Ma fabbricare queste droghe può essere complicata, costosa e che richiede tempo.

“Preparare due anticorpi sarebbe almeno due volte più complicata facendo uno,„ Crowe ha detto. “Un cocktail potrebbe essere preferito, ma i cocktail sono più duri da muoversi rapidamente.„

Calmare il sistema immunitario

Nella maggior parte dei casi di COVID-19, il sistema immunitario neutralizza il coronavirus ed i pazienti recuperano senza andare all'ospedale.

Per le ragioni per cui medici completamente non capiscono, il sistema immunitario dei pazienti qualche COVID-19 diventa iperattivo, attaccando celle del paziente ma non appena del virus le proprie. “Una tempesta di citochina,„ in cui il sistema immunitario sommerge l'organismo dai prodotti chimici infiammatori, può fare più danno che il virus stesso.

In uno sforzo per calmare il sistema immunitario, i ricercatori stanno provando immune-sopprimendo le droghe, compreso gli anticorpi monoclonali già usati per trattare le malattie autoimmuni quale l'artrite reumatoide, hanno detto il Dott. Amesh Adalja, uno studioso senior al centro di Johns Hopkins per obbligazione di salubrità.

Il gigante che di sanità Roche sta conducendo i grandi test clinici della sua droga, Actemra, nella speranza di impedire la citochina infuria, che può causare l'errore dell'organo e uno stato pericoloso chiamato sepsi. Actemra è progettato ai livelli più bassi di un prodotto chimico infiammatorio, interleukin-6, che è stato trovato per essere elevato in pazienti qualche COVID-19.

Gli scienziati egualmente stanno studiando le simili droghe, anakinra e siltuximab.

Un altro suppressant immune da Regeneron e da Sanofi, chiamati Kevzara, ha avuto risultati deludenti nei test clinici. I produttori pianificazione continuare a studiare la droga per vedere se può aiutare determinati tipi di pazienti.

Dott. Anar Yukhayev, New York OB-GYN che è stato ospedalizzato con COVID-19 il 16 marzo, acconsentito per unire un test clinico di Kevzara.

“Stavo avendo così tanto difficoltà respirare che ero disperato affinchè qualche cosa aiutassi,„ ho detto Yukhayev, 31, che è stato curato al centro medico ebreo di Long Island.

Circa 36 ore dopo la ricezione dell'infusione, come Yukhayev stavano trattande nella terapia intensiva, i suoi sintomi hanno cominciato a migliorare. Poteva evitare essere messo su un ventilatore. Medici gli non hanno detto se ricevesse Kevzara o un placebo, ma i suoi enzimi del fegato egualmente hanno cominciato ad aumentare, suggerendo che l'organo fosse nell'ambito dello sforzo. Gli enzimi elevati del fegato sono un effetto secondario conosciuto di Kevzara.

Yukhayev ha fatto un ripristino completo ed è ritornato per lavorare il 13 aprile a tempo pieno. Ha donato il suo plasma ai ricercatori.

Fino ai vaccini e ad altre medicine preventive sono diventati, il migliore modo impedire le infezioni di coronavirus è di mantenere distanziare sociale, Adalja ha detto.

“Distanziare del sociale è uno strumento smussato,„ ha detto, “ma è tutto che abbiamo.„

Notizie di salubrità di KaiserQuesto articolo è stato ristampato da khn.org con l'autorizzazione delle fondamenta di Henry J. Kaiser Family. Le notizie di salubrità di Kaiser, un servizio di notizie editorialmente indipendente, sono un programma delle fondamenta della famiglia di Kaiser, un organismo di ricerca indipendente di polizza di sanità unaffiliated con Kaiser Permanente.