Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra la vasta dispersione geografica ed evolutiva dei betacoronaviruses dai pipistrelli africani

Un gruppo di ricerca dalla Nigeria ha trovato la prova della trasmissione e della dispersione interurbane fra i coronaviruses del pipistrello isolati in Africa e quei Europa e l'Asia, come descritto in un nuovo documento disponibile sul bioRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare.

La pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19), causata dal coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, si è trasformata nella crisi di salute pubblica globale di definizione del nostro tempo. Questo virus appartiene al vasto gruppo di coronaviruses, che sono conosciuti per avere un potenziale zoonotico di diffusione dagli animali agli esseri umani.

Novello questa immagine del microscopio elettronico a scansione di Coronavirus SARS-CoV-2 mostra SARS-CoV-2 (giallo) - anche conosciuto come 2019-nCoV, il virus che causa COVID-19-isolated da un paziente negli Stati Uniti, emergente dalla superficie delle celle (rosa) coltivate in laboratorio. L
Novello questa immagine del microscopio elettronico a scansione di Coronavirus SARS-CoV-2 mostra SARS-CoV-2 (giallo) - anche conosciuto come 2019-nCoV, il virus che causa COVID-19-isolated da un paziente negli Stati Uniti, emergente dalla superficie delle celle (rosa) coltivate in laboratorio. L'immagine ha catturato e colorized ai laboratori della montagna rocciosa di NIAID (RML) a Hamilton, Montana. Credito: NIAID

La fauna e la biodiversità ricche in Africa hanno creato un hotspot per le malattie virali emergenti. L'opportunità supplementare per i virus è un assortimento di pipistrelli che possono servire da bacini idrici e che possono spargere efficientemente l'agente patogeno (per esempio, pipistrelli di frutta africani sono conosciuti per riguardare migliaia di miglia durante i loro cicli di migrazione).

La prova si dirige verso i pipistrelli africani come bacino idrico potenziale per parecchi betacoronaviruses che possono causare gli eventi seri di scoppio. Alcuni studi egualmente hanno suggerito che il SARS-CoV-2 probabilmente traboccasse nella popolazione umana da un evento zoonotico che comprende il betacoronavirus in relazione con SAR.

Di conseguenza, un gruppo di ricerca dal centro medico federale in Abeokuta, l'università della convenzione in Otta e l'università di Ibadan in Nigeria hanno deciso di valutare la diversità filogenetica e la dinamica evolutiva dei betacoronaviruses africani fra i pipistrelli come pure la loro dispersione possibile attraverso il continente.

Analizzare l'albero evolutivo

Tre insiemi di dati sono stati generati dai database delle risorse dell'agente patogeno del virus allo scopo di questo studio. Più specificamente, gli autori hanno ottenuto le sequenze del gene RNA-dipendente parziale (RdRP) del RNA polimerasi dei coronaviruses del pipistrello da sette Africani, quattro europei e da tre paesi asiatici.

Le informazioni quali le specie ospite, il pæse d'origine e le date della raccolta sono state riunite con i dati di sequenza per condurre esattamente la determinazione filogenetica. L'analisi per gruppi è stata effettuata con il software specifico per identificare la similarità di sequenza e per diminuire la duplicazione di dati.

Gli alberi filogenetici sono stati arguiti con l'uso di software MEGA per manuale e l'allineamento di sequenza automatica, l'analisi di distribuzione (entrambe geograficamente ed evolutivo) è stato condotto utilizzando la catena di Markov Monte Carlo applicato nella BESTIA (una piattaforma per analisi molecolare filogenetica bayesana di sequenza) e visualizzato con la piattaforma interattiva SpreaD3.

Un virus che salta i continenti

Le specie del pipistrello più prevalenti campionate in questo studio erano pipistrello di frutta epauletted nano di Peters (pusillus di Micropteropus). Allo stesso tempo, il Camerun era il paese con il più alta distribuzione delle specie del pipistrello campionata in questo studio. Tuttavia, le lacune riconosciute di dati dovrebbero essere considerate quando valuta i risultati di studio.

Pipistrello di frutta di Epauletted del nano di Peter (pusillus di Micropteropus). Credito di immagine: Dave Montreuil/Shutterstock
Pipistrello di frutta di Epauletted del nano di Peter (pusillus di Micropteropus). Credito di immagine: Dave Montreuil/Shutterstock

“Questo risultato necessariamente non rappresenta la maschera vera di diversità di specie del pipistrello in Africa, mentre alcuni paesi mancano delle informazioni di sequenza per mancanza dovuta dei pipistrelli di sorveglianza,„ autori di studio di avvertenza.

Realmente, finora, soltanto una manciata di studi è stata intrapresa in Africa sui coronaviruses fra i pipistrelli, che lascia una considerevole spaccatura nelle informazioni epidemiologiche per quanto riguarda i beta coronaviruses del pipistrello in Africa.

Questo studio aggiunge la conoscenza supplementare sulla filogenesi di beta sequenze di coronavirus, che hanno rivelato che una maggioranza degli sforzi africani fa parte dello stirpe la D - consistere degli sforzi dal Camerun, dalla repubblica democratica del Congo, dal Kenya, dal Madagascar e dalla Nigeria. Conferma i rapporti precedenti che hanno identificato un singolo clade che circola in tutto il continente africano.

Inoltre, i ricercatori hanno suggerito verso la trasmissione di inter specie fra i betacoronaviruses di stirpe D, tenendo conto l'evoluzione potenziale della rapida e di ricombinazione di questo stirpe. Inoltre, la circolazione di due stirpi distinti B e la C fra le specie africane del pipistrello sono state dimostrate.

Per concludere, la dispersione phylogeographic dei coronaviruses del pipistrello ha rivelato una pletora di eventi intercontinentali e intra-continentali di diffusione. La dispersione virale di precedenti manifestazioni dalla Cina e Hong Kong la centrale e nell'Africa meridionale, mentre l'ultimo dimostra la diffusione fra il Cameroun, la repubblica democratica del Congo ed il Sudafrica come pure direttamente dal Camerun in Madagascar.

Imperfezioni e conclusioni di studio

Sebbene queste comprensioni siano chiave per ulteriore tenere la carreggiata dei coronaviruses, una limitazione principale di studio era l'incapacità di analizzare i dati di sequenza della proteina della punta di questi virus. Un tal approccio avrebbe fornito i dati più pertinenti sulla loro evoluzione riguardo alla trasmissione ed all'infettività.

Inoltre, la demografia della popolazione riferita in questo studio non potrebbe descrivere realisticamente la popolazione virale poiché la dimensione del gruppo di dati utilizzato è limitata e non potrebbe rappresentare la vera popolazione demografica dei coronaviruses del pipistrello in Africa.

“Abbiamo, tuttavia, indicato l'importanza di sorveglianza molecolare dei virus con potenziale zoonotico quali i coronaviruses,„ dica gli autori di studio. “Sosteniamo per i più vasti studi transcontinentali che comprendono le sequenze complete del genoma dei betacoronaviruses più ulteriormente per capire i driver per la loro emergenza e gli straripamenti zoonotici nella popolazione umana„, concludono.

Comunque, dobbiamo essere informati che i coronaviruses in relazione con SAR del pipistrello continueranno a traboccare alla popolazione umana. Le probabilità di un'altra pandemia micidiale sono effettivamente rare; tuttavia, quelle probabilità aumentano con la frequenza di tali straripamenti. Così la comunità scientifica deve restare vigilante.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2020, May 17). Lo studio mostra la vasta dispersione geografica ed evolutiva dei betacoronaviruses dai pipistrelli africani. News-Medical. Retrieved on September 23, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200517/Study-shows-broad-geographic-and-evolutionary-dispersal-of-betacoronaviruses-from-African-bats.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Lo studio mostra la vasta dispersione geografica ed evolutiva dei betacoronaviruses dai pipistrelli africani". News-Medical. 23 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200517/Study-shows-broad-geographic-and-evolutionary-dispersal-of-betacoronaviruses-from-African-bats.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Lo studio mostra la vasta dispersione geografica ed evolutiva dei betacoronaviruses dai pipistrelli africani". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200517/Study-shows-broad-geographic-and-evolutionary-dispersal-of-betacoronaviruses-from-African-bats.aspx. (accessed September 23, 2021).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2020. Lo studio mostra la vasta dispersione geografica ed evolutiva dei betacoronaviruses dai pipistrelli africani. News-Medical, viewed 23 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20200517/Study-shows-broad-geographic-and-evolutionary-dispersal-of-betacoronaviruses-from-African-bats.aspx.