Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca esplora come gli enzimi umani potrebbero essere usati per esacerbare COVID-19

I ricercatori centenari dell'istituto hanno esaminato il ruolo critico degli enzimi umani e il coronavirus in una recensione scientifica recentemente pubblicata che esplora le strategie potenziali per il trattamento e la gestione di malattia COVID-19.

La ricerca esplora come gli enzimi umani potrebbero essere usati per esacerbare COVID-19

La recensione pubblicata nel giornale prestigioso del ` del diabete', cerca di spiegare come la peptidasi umana di dipeptidyl degli enzimi (DPP4), che è un driver della severità del diabete, potrebbe esacerbare COVID-19.

COVID-19 è più severo nella gente che ha il diabete di tipo 2, l'obesità e malattie croniche relative. Inoltre vediamo più DPP4 fatto nella gente con il diabete, l'obesità e le malattie croniche riferite. Le droghe che mirano all'attività dell'enzima DPP4 sono catturate regolarmente da molta gente per il diabete di tipo 2. Tali droghe possono avere il sistema immunitario ed effetti cardioprotective che potrebbero essere utili nei casi COVID-19.„

Il professor Mark Gorrell, testa degli enzimi centenari del fegato dell'istituto nel programma di infiammazione e del metabolismo e dell'autore senior della recensione

La recensione nota che DPP4, che è conosciuto per essere il ricevitore chiave per il MERS-coronavirus (sindrome respiratoria di Medio Oriente) potrebbe anche essere una porta d'ingresso supplementare o alterna per SARS-CoV-2 nelle cellule umane.

“COVID-19 è causato dal coronavirus SARS-CoV-2, che è simile a SAR-Co'e a MERS-CoV. Ciascuna dell'attaccatura di questi virus a e registra le cellule umane legando agli enzimi umani specifici,„ dice il professor Gorrell.

La ricerca recente suggerisce che SARS-CoV-2 possa legare sia a DPP4 che all'enzima ACE2 ed in modo da ha due modi infettare i nostri polmoni ed intestino. Una volta che completamente capiamo questo trattamento, possiamo potere sviluppare una droga che può contribuire ad interrompere questa attività virale.„

Il professor Mark Gorrell

Il professor Gorrell, un esperto in proteasi umane (enzimi che ripartono le proteine) recentemente ha varato un nuovo programma di ricerca in risposta alla pandemia crescente COVID-19.

“TMPRSS2 (la proteasi del Transmembrane, la serina 2) è essenziale per l'infezione SAR-CoV e SARS-CoV-2. Questa proteasi attiva la proteina virale sul coronavirus necessario per l'entrata delle cellule del virus all'inizio dell'infezione virale nel corpo umano,„ dice.

“Stiamo guardando per sviluppare un inibitore selettivo TMPRSS2 che è sia efficace che molto sicuro facendo uso della nostra competenza e di un approccio unico della selezione della droga. Il riuscito sviluppo di un tal inibitore ha potuto essere utilizzato come una terapia innovatrice per gli entrambi esperienza e corrente e possibilmente il futuro, i coronaviruses SAR-CoV.„

“Sono ottimista che la nostra ricerca contribuirà chiaramente alla risposta globale di salubrità COVID-19,„ lui dico.

Source:
Journal reference:

Bassendine, M.F., et al. (2020) Covid‐19 and co‐morbidities: a role for Dipeptidyl Peptidase 4 (DPP4) in disease severity?. Journal of Diabetes. doi.org/10.1111/1753-0407.13052.