Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'università di Valencia file la richiesta di brevetto per il vaccino COVID-19

L'università di Valencia file una richiesta di brevetto per un candidato vaccino contro COVID-19, sviluppata da un gruppo di ricerca dal dipartimento di microbiologia. È un tipo vaccino (quelli dell'sottounità progettati dalle componenti dei virus o dei batteri) ed è basato SARS-CoV-2 su proteina S.

Per questo brevetto, l'immunogeno proposto (qualsiasi molecola non Xeros all'organismo che provoca una risposta immunitaria) è ottenuto dalle celle dell'insetto con la tecnologia del baculovirus, una tecnica che egualmente è stata scelta dalle grandi ditte farmaceutiche per lo sviluppo del loro vaccino contro COVID-19„

Jesús Rodríguez, membro del gruppo di ricerca, Asociacion RUVID

Rodriguez era insieme a Roberto Gozalbo Rovira ed a Javier Buesa.

“La registrazione di brevetto è stata fatta il 12 maggio e rappresenta una pietra miliare per la lotta contro SARS-CoV-2. Sebbene sia vero che ci sono molti vaccini in via di sviluppo dalle entità pubbliche e private, i candidati più vaccino sono sviluppati, maggiori le probabilità di ottenere un vaccino efficiente in un corto periodo di tempo„, Jesús spiegato Rodríguez, anche un ricercatore di Ramón y Cajal.

La ricerca propone, oltre a sviluppare un vaccino, per creare i sistemi diagnostici rapidi basati SARS-CoV-2 su proteina S e lo sviluppo degli anticorpi con potenziale terapeutico contro COVID-19.

Il gruppo già ha prodotto una prima versione del vaccino nel sistema delle cellule e del baculovirus dell'insetto e corrente sta migliorando il sistema di depurazione e di produzione per cominciare presto la sperimentazione animale. Per quanto riguarda finanziamento, il gruppo ha presentato i progetti alla chiamata dell'istituto di salubrità di Carlos III (in attesa di) ed al programma di CaixaImpulse, di cui il progetto ha fornito la seconda fase.

Il gruppo egualmente ha fatto parte appena di un consorzio composto dell'altro personale di ricerca dall'università di Valencia e dell'istituto di CSIC della biomedicina per presentarsi alla chiamata lanciata da CRUE e da Banco Santander.

Una funzionalità di questo sviluppo è che il ricercatore principale non ha aspettato per ottenere i fondi di ricerca per sviluppare il vaccino. In considerazione dell'esigenza di un vaccino contro SARS-CoV-2, Jesús Rodríguez ha assegnato i fondi di ricerca ottenuti dalle sorgenti di finanziamento compatibili (contratti con le società) per pagare gli esperimenti necessari per raggiungere questo risultato della ricerca.

Ecco perché un vaccino brevettato è stato raggiunto così rapidamente. Tuttavia, osservazioni di Rodríguez: “ci sono ancora molti esperimenti da effettuare per verificare la loro efficacia e la sicurezza in animali prima di potere accendere all'essere umano studia„.