Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra come la musica avvia i diversi effetti sul cuore

Giochi lo stesso pezzo di musica a due genti ed i loro cuori possono rispondere molto diversamente. Quella è la conclusione di uno studio novello presentato oggi sugli elementi essenziali 4 di EHRA voi, una piattaforma scientifica della società europea della cardiologia (ESC).

Questa ricerca aprente la strada rivelatrice come la musica avvia i diversi effetti sul cuore, un primo punto vitale a sviluppare le prescrizioni personali di musica per i disturbi comuni, o aiutare la gente a restare attenta o rilassata.

Abbiamo usato i metodi precisi per registrare la risposta del cuore a musica e trovare che che cosa sta calmando per una persona può destare per un altro,„ ha detto il professor Elaine Chew del centro nazionale francese per ricerca scientifica (il CNRS).

Gli studi precedenti che studiano le risposte fisiologiche a musica hanno misurato i cambiamenti nella frequenza cardiaca dopo avere ascoltato le registrazioni differenti categorizzate semplicemente come “tristi„, “felici„, “la calma„, o “violento„.

Questo piccolo studio ha adottato un approccio più preciso, caratterizzante vari aspetti unici. Tre pazienti con infarto delicato che richiede uno stimolatore cardiaco sono stati invitati ad un concerto classico in tensione del piano. Poiché tutte hanno indossato uno stimolatore cardiaco, la loro frequenza cardiaca potrebbe essere tenuta costante durante la prestazione.

I ricercatori hanno misurato l'attività elettrica del cuore direttamente dai cavi dello stimolatore cardiaco prima e dopo 24 punti nel punteggio (e nella prestazione) dove c'erano cambiamenti rigidi nel tempo, nel volume, o nel ritmo.

Specificamente, hanno misurato il tempo che cattura il cuore per recuperare dopo un battito cardiaco. “La frequenza cardiaca pregiudica questo tempo di recupero, così tenendo che la costante noi potrebbe valutare i cambiamenti elettrici nel cuore basato su una risposta emozionale alla musica,„ ha detto il professor Chew.

“Siamo interessati nel tempo di recupero del cuore (piuttosto che frequenza cardiaca) perché è collegata alla stabilità elettrica ed alla predisposizione del cuore ai disordini pericolosi del ritmo del cuore,„ abbiamo spiegato il professor medico Pier Lambiase del cavo del progetto dell'University College di Londra.

“Qualche gente, i disordini pericolosi del ritmo del cuore possono essere avviati dallo sforzo. Facendo uso di musica possiamo studiare, in un modo a basso rischio, come lo sforzo (o tensione delicata indotta da musica) altera questo periodo di ripristino.„

I ricercatori hanno trovato che il cambiamento nel tempo di recupero del cuore era significativamente differente da personale alle stesse giunture nella musica.

Il tempo di recupero diminuito vicino fino a 5 millisecondi, indicando ha aumentato lo sforzo o il risveglio. E tempo di recupero allungato vicino fino a 5 millisecondi, significanti maggior rilassamento.

Commentando la natura determinata delle reazioni, il professor Chew ha detto: “Anche se due genti potrebbero avere statisticamente cambiamenti significativi attraverso la stessa transizione musicale, le loro risposte potrebbero andare nelle direzioni opposte. Così per una persona, la transizione musicale sta rilassandosi, mentre per un altro è destante o sforzo-inducente.„

Per esempio, una persona che non prevede una transizione dalla morbidezza a musica rumorosa potrebbe trovarla stressante, piombo ad un tempo di recupero accorciato del cuore. Per un'altra persona ha potuto essere la risoluzione ad un'accumulazione lunga nella musica e quindi in una versione, con conseguente tempo di recupero allungato del cuore.

Il professor Chew ha detto: “Capendo come il cuore di una persona reagisce ai cambiamenti musicali, pianificazione progettare gli interventi adattati di musica per suscitare la risposta desiderata.„

Ciò ha potuto essere di diminuire la pressione sanguigna o ridurre il rischio di disordini del ritmo del cuore senza gli effetti secondari del farmaco.„

Pilastro Lambiase, il professor medico del cavo, University College di Londra

Il professor Chew ha notato che mentre il numero dei pazienti nello studio è piccolo, i ricercatori hanno raccolto i gigabyte dei dati. I risultati corrente stanno confermandi in complessivamente otto pazienti.