Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia “di Senolytic„ smussa la progressione del tumore del fegato nei modelli animali

“Senotherapy,„ un trattamento che usa la piccola molecola droga per mirare alle celle “senescenti„, o a quelle celle che più non subiscono la divisione cellulare, smussa la progressione del tumore del fegato nei modelli animali secondo la nuova ricerca da un gruppo piombo da Celeste Simon, il Ph.D., un professore della cella e della biologia dello sviluppo nella scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania ed al Direttore scientifico dell'istituto di ricerca sul cancro della famiglia di Abramson. Lo studio è stato pubblicato in biologia cellulare della natura.

Questo genere di terapia non è qualcosa che sia stato provato prima con il cancro di fegato. E nei nostri modelli, la cosiddetta terapia “senolytic„ notevolmente ha diminuito il carico di malattia, anche nei casi con la malattia avanzata.„

Celeste Simon, Ph.D., il professor della cella e della biologia dello sviluppo, scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania

La perdita dell'enzima FBP1 in celle di fegato umane aumenta significativamente la crescita del tumore. La ricerca precedente ha indicato che livelli FBP1 sono diminuiti nei tumori della fase 1 ed in più ancora diminuito mentre la malattia progredisce. In questo studio, Simon ed il suo gruppo hanno usato l'RNA-ordinamento dei dati per identificare FBP1 come sotto-espresso universalmente nel modulo più comune del cancro di fegato, carcinoma hepatocelluar, indipendentemente dalle cause fondamentali come l'obesità, l'alcolismo e l'epatite.

La perdita di FBP1 in celle di fegato attiva vicine epatiche “le celle stellari„--quale compongono dieci per cento della massa del fegato--causando fibrosi (tessuto che sfregia) e senescenza stellare successiva delle cellule, di cui tutt'e due promuovono la crescita del tumore. I ricercatori hanno trovato che queste celle stellari senescenti possono essere mirate a selettivamente dal senolytics, compreso Navitoclax (già nei test clinici per altre malattie, come le malignità ematologiche), per smussare la progressione del tumore determinata da perdita cella-specifica FBP1 del fegato.

Il gruppo fornisce la prima prova genetica per FBP1 come soppressore metabolico autentico del tumore nel fegato e che la sua perdita in celle di fegato promuove la crescita dei tumori a causa degli effetti su altre celle all'interno del microenvironment del tumore.

Facendo uso dei modelli geneticamente costruiti del mouse, il FBP1and eliminato gruppo ha trovato che la malattia ha progredito più rapido e carico del tumore notevolmente aumentato di moduli agente-mediati, dietetici ed altri di carcinoma epatocellulare.

“Il caso con il cancro di fegato è molto terribile, una volta che ottenete oltre una determinata fase là siete limitato, all'occorrenza, trattamenti disponibili,„ Simon ha detto. “Mentre le tariffe dell'obesità continuano ad aumentare e le infezioni virali continuano ad essere un problema, sta andando essere un impulso aumentante del cancro di fegato che corrente ha poche opzioni del trattamento. E poiché l'attività FBP1 egualmente è persa nel cancro renale, lo svuotamento FBP1 può essere generalmente applicabile ad una serie di cancri umani. Che cosa è unico circa il nostro approccio senotherapy è che specificamente stiamo mirando ad altre celle nell'ambiente del tumore del fegato piuttosto che le cellule tumorali stesse.„

I punti seguenti, secondo i ricercatori saranno di cominciare a verificare questi trattamenti in una regolazione clinica.