Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esame trova la tendenziosità maschio persistente nella ricerca di dolore

È sempre più chiaro che gli esseri umani ed i roditori maschii e femminili elaborano il dolore nei modi diversi. E quella là è differenze importanti nei meccanismi di fondo in questione ai livelli genetici, molecolari, cellulari e fisiologici. Malgrado questo fatto, secondo una rassegna dalla McGill University pubblicata oggi in natura esamina la neuroscienza, la maggior parte della ricerca di dolore rimane in modo schiacciante basato sullo studio dei roditori maschii, continuante a verificare le ipotesi derivate dagli esperimenti più iniziali sui maschi. Ciò indica un angolo morto importante nella ricerca di dolore, specialmente poichè si riferisce a ricerca d'avanzamento sui nuovi farmaci di dolore. Ciò è particolarmente importuno poichè è ben documentato che la maggior parte delle vittime croniche di dolore sono femminili.

La letteratura di dolore è influenzata tali che, a causa dell'uso in modo schiacciante degli animali maschii negli esperimenti, sempre più stiamo imparando circa la biologia di dolore in maschi. E scorrettamente concludendo che questa è la biologia di dolore. È soltanto la biologia di dolore in maschi.„  

Jeffrey Mogil, l'autore del documento, un professore nei dipartimenti di McGill della psicologia e dell'anestesia, il E.P. Taylor Chair negli studi di dolore e Canada ricerca la presidenza nella genetica di dolore

Tendenziosità maschio persistente nella ricerca di dolore… malgrado l'inclusione recente delle femmine

Le agenzie canadesi di finanziamento hanno cominciato a riconoscere il sesso come ricercatori variabili e chiedenti biologici di dolore per includere i roditori femminili nei loro esperimenti nel 2006. Negli Stati Uniti, un simile spostamento ha avuto luogo nel 2016. Effettivamente, dei più di 1000 articoli da studioso che Mogil esaminato pubblicato fra gennaio 2015 e dicembre 2019 nel dolore, il giornale principale nel campo, iniziante nel 2016 sempre più i documenti ha caratterizzato la prova sia dei roditori femminili che maschii, con gli studi solo maschio che cadono da 80% del totale nel 2015 a soltanto 50% del totale nel 2019.

A prima vista, la presenza di questi articoli può rappresentare una variazione di promessa nel disegno della ricerca. Ma quando Mogil ha osservato più molto attentamente le differenze attuali del sesso in letteratura di dolore, ha trovato la chiara prova di una tendenziosità maschio persistente.

“Le idee stesse forniamo per gli esperimenti, siamo basati sugli esperimenti in maschi e quindi funzionano in maschi e non in femmine. Ho scoperto che in quei documenti in cui entrambi i sessi realmente sono stati provati ed i risultati sono stati riferiti sulle differenze dal sesso, gli esperimenti “risolti„, significando l'ipotesi scientifica che è provata sono risultati veri, in maschi 72,4% del tempo ed in femmine soltanto 27,6%,„ ha detto Mogil. “Se non ci fosse tendenziosità nella letteratura e c'fossero una serie di documenti fossero l'esperimento lavorato in un sesso e non l'altro, dovrebbe lavorare altrettanto spesso in femmine quanto in maschi. Perché ha questo è accaduto? Poiché l'ipotesi che quell'esperimento provato fuori è stato generato in base ai dati priori dagli esperimenti soltanto sui maschi. Così, naturalmente, ha funzionato soltanto in maschi.„

Analgesici di sviluppo che funzioneranno per le donne

Secondo Mogil, la conclusione che può essere raggiunta da questa generalità è che i ricercatori sono ancora un certo modo a partire dagli analgesici di sviluppo che funzioneranno in donne.

“Questa ricerca suggerisce che i lotti di che cosa sono nella conduttura ora, se funzionano in chiunque affatto, in gran parte siano uomini. Considerando che la chiara maggioranza dei pazienti cronici di dolore è stata e continua ad essere donne.„

Source:
Journal reference:

Mogil, J.S. (2020) Qualitative sex differences in pain processing: emerging evidence of a biased literature. Nature Reviews Neuroscience. doi.org/10.1038/s41583-020-0310-6.