Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le scoperte genetiche mostrano la promessa per sviluppare i nuovi obiettivi del trattamento per la schizofrenia

Negli ultimi anni, gli studi genoma di ampiezza di associazione (GWAS) hanno identificato molte varianti genetiche differenti connesse con la schizofrenia.

Queste scoperte genetiche sollevano la promessa di sviluppare urgentemente i nuovi trattamenti necessari che mirano alla biologia ed alla patofisiologia di fondo della schizofrenia, secondo un articolo speciale nel giornale della psicofarmacologia clinica. Il giornale è pubblicato nel portafoglio di Lippincott da Wolters Kluwer.

In un aggiornamento di scienza, in una Rebecca di traduzione Birnbaum, MD, della scuola di medicina di Icahn al monte Sinai, a New York ed a Daniel R. Weinberger, MD, dell'istituto di Lieber per sviluppo del cervello, la scuola di medicina di Johns Hopkins University, Baltimora, sforzi di rassegna per colmare la lacuna fra i nuovi risultati genetici ed i trattamenti innovatori per schizofrenia.

Nessuno delle medicine utilizzate nella psichiatria inizialmente sono state scoperte basate su una comprensione delle cause o dei meccanismi di base delle malattie psichiatriche.„

Dott. Daniel R. Weinberger, MD, istituto di Lieber per sviluppo del cervello

Il Dott. Birnbaum aggiunge: “La scoperta dei fattori di rischio genetici per la schizofrenia ed altre diagnosi psichiatriche rappresentano le bugne importanti a cambiare questa cronologia, a scoprire i trattamenti basati sui meccanismi biologici di causa.„

Le associazioni genetiche possono piombo ai nuovi trattamenti per la schizofrenia

I primi farmaci per la schizofrenia sono stati scoperti serendipitously negli anni 50, con successivo “me-troppo„ droghe che mirano allo stesso numero limitato dei neurotrasmettitori. Mentre queste droghe antipsicotiche hanno vantaggi nell'indirizzo degli alcuni dei sintomi della schizofrenia, necessariamente non mirano a tutte cause fondamentali potenziali.

Con gli avanzamenti in GWAS, i ricercatori stanno identificando i numeri aumentanti delle varianti genetiche - qualche relativamente comune, altri rari - connesse con la schizofrenia. Sebbene gli effetti di diverse varianti genetiche sul rischio della schizofrenia possano essere secondari, ulteriori studi sui geni e sulle vie che pregiudicano potrebbero piombo a nuova comprensione della neurobiologia della schizofrenia.

Gli studi su espressione genica possono fornire le nuove comprensioni nei meccanismi da cui la schizofrenia si sviluppa, il meglio possibile “obiettivi druggable„ per i nuovi farmaci. I geni o le vie implicati sia dalle varianti comuni che rare hanno potuto essere particolarmente forti candidati per le nuove droghe.

Gli approcci di biologia di sistemi - mirando alle reti funzionali del cervello o ai moduli biologici influenzati dai geni di rischio di schizofrenia - potrebbero essere promettenti del provando a sviluppare le droghe che mirano a tutto il gene determinato.

Gli studi di Neurodevelopmental indicano che i trattamenti che piombo alla schizofrenia cominciano molto presto, suggerendo che i trattamenti possano essere più efficaci nella vita in anticipo o persino nel periodo fetale.

Le associazioni genetiche recentemente scoperte hanno potuto anche avere implicazioni per “la psichiatria di precisione„ - facendo uso dei marcatori genetici per valutare le diverse differenze nel rischio, o per selezionare il trattamento più efficace per i diversi pazienti.

Malgrado la promessa degli avanzamenti nella comprensione della genetica della schizofrenia, le sfide difficili si trovano avanti nella traduzione delle queste scoperte negli avanzamenti reali del trattamento per i pazienti con la schizofrenia ed altri disordini psichiatrici.

“Tradurre i geni di predisposizione nei nuovi interventi terapeutici richiederà l'estesa ricerca e probabilmente una certa fortuna,„ dice il Dott. Weinberger. “Tuttavia, siamo alla soglia di un'opportunità della profonda trasformazione in farmacologia clinica.„

Source:
Journal reference:

Rebecca, B., et al (2020) Translational Science Update. Pharmacological Implications of Emerging Schizophrenia Genetics Can the Bridge From ‘Genomics’ to ‘Therapeutics’ be Defined and Traversed? Journal of Clinical Psychopharmacology. doi.org/10.1097/JCP.0000000000001215.