Trapianti del rene: Il volume di servizi ha correlato con qualità dei risultati del trattamento

Nelle operazioni complesse, c'è una correlazione fra il volume di servizio fornito per ospedale e la qualità del risultato del trattamento? Questo problema è indirizzato in otto commissioni sui volumi minimi che il comitato misto federale (G-BA) ha pubblicato all'istituto per qualità ed al risparmio di temi nella sanità (IQWiG). Il rapporto di IQWiG ora è disponibile affinchè il quinto intervento sia provato, trapianto di rene.

Secondo questo rapporto, nel caso di trapianto di rene c'è una correlazione fra il volume di servizi e la qualità del risultato del trattamento: In ospedali con i più grandi numeri di caso, le possibilità di sopravvivenza sono più alto fino a un anno dopo trapianto. Per la cifra da raggiungere “errore di trapianto„ nessuna correlazione fra il volume di servizi e la qualità del trattamento può essere dedotta.

Il trapianto dell'organo più frequente in Germania

Nei casi di insufficienza renale cronica, nella maggior parte dei casi causata dal diabete o dall'ipertensione, il trapianto di rene è la sola opzione del trattamento oltre a dialisi. La donazione di organo poi è fatta come donazione post mortem o come donazione vivente dai parenti diretti o dalla gente molto vicini al paziente. 5 anni dopo trapianto, 78 per cento dei reni donati post mortem e 87 per cento dei reni donati in tensione ancora funzionano nel nuovo organismo (figure per Europa).

Il trapianto di rene è il trapianto dell'organo più comune in Germania: Nel 2018, medici in Germania hanno trapiantato 1.671 rene dopo donazione di organo post mortem e 638 reni dopo donazione vivente. La lista di attesa per un rene erogatore ha incluso più di 7.500 pazienti durante lo stesso anno. Il tempo di attesa medio per un trapianto del rene è corrente di più di 8 anni.

Corrente, un minimo dei 25 trattamenti per posizione dell'ospedale e l'anno è richiesto per i trapianti del rene (donazioni viventi comprese) in Germania. Contrariamente al regolamento sul volume minimo annuale per i trapianti del fegato, le rimozioni dell'organo non sono contate come componente del numero degli interventi richiesti per raggiungere le quantità minime.

Correlazione positiva fra il volume di servizio e la possibilità di sopravvivenza

La domanda di se gli ospedali con i più grandi numeri di caso raggiungono i migliori risultati del trattamento per trapianto di rene che gli ospedali con i più piccoli numeri di caso può essere risposta affermativamente da IQWiG per le probabilità di sopravvivenza dei pazienti in base ad un periodo di osservazione a breve termine: Per mortalità di tutto causa fino a 12 mesi dopo trapianto, due dei tre studi valutati in questa manifestazione di contesto una probabilità più bassa di morte con un più in grande quantità dei servizi, sebbene il significato dei risultati sia basso. I ricercatori di IQWiG non possono derivare una tal correlazione per la mortalità a medio termine di tutto causa dopo 36 mesi, per cui uno studio degli Stati Uniti aveva raccolto i dati. Dopo la valutazione dei dati da due studi pertinenti, l'istituto inoltre non vede connessione globale fra il volume di servizi e la qualità del trattamento per il valore obiettivo “errore di trapianto„. Non ci erano dati utilizzabili disponibili per le variabili di obiettivo “effetti contrari della terapia„, “della qualità di vita correlata con la salute„ e “della lunghezza della degenza in ospedale„, di modo che nessun'istruzione può essere rilasciata su questa.

Poiché nessuno degli studi inclusi hanno compreso le diverse quantità di servizio dei chirurghi, non è egualmente possibile da valutare se il trapianto di rene più sistematico piombo per migliorare i risultati di trattamento.

Non ci sono studi sugli effetti dei numeri minimi di caso specificamente introdotti nel sistema di cura per i trapianti del rene. Di conseguenza, IQWiG non può rilasciare un'istruzione su questa.

Il trattamento del preparato di rapporto

Nel febbraio 2019, il comitato misto federale ha incaricato IQWiG per preparare il rapporto sulla relazione fra il volume di servizi e la qualità nel trapianto di rene in una procedura accelerata come “rapporto rapido„. I prodotti intermedi quindi non sono stati pubblicati e non sono stati presentati per consultazione. Il lavoro su questo rapporto rapido iniziato nell'agosto 2019 e dopo che il completamento è stato inviato all'agenzia di contratto, il G-BA, nell'aprile 2020.