Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I livelli elevati del glucosio di pre-gravidanza si sono collegati ai risultati avversi anche in donne non diabetiche

Un'emoglobina elevata A1c di pre-gravidanza--quale concentrazione media nel glucosio di sangue di misure--è associato con un elevato rischio dei risultati avversi di gravidanza anche in donne senza diabete conosciuto, secondo un nuovo studio pubblicato questa settimana nella medicina di PLOS dalla razza di Joel ICES e l'università di Toronto, il Canada ed i colleghi.

I diabeti melliti e l'obesità sia sono associati con i risultati avversi di gravidanza ma la relazione fra la pre-gravidanza A1c che la mortalità materna materna severa o del morbosità è sconosciuta. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno usato i dati dalla provincia canadese di Ontario che misura fino al 2015 2007. Lo studio ha compreso i dati su 31.225 donne invecchiate da 16 a 50 anni con un nato vivo o un feto nato morto dell'ospedale e chi ha avuto un A1c misurato nei 90 giorni prima della concezione. 28.075 delle donne (90%) non hanno avuti una diagnosi conosciuta del diabete mellito.

In generale, il rischio di morbosità materna severa (SMM) o morte dalla gestazione di 23 settimane successivo al parto a 6 settimane erano 2,2%. Per ogni 0,5% aumenti assoluti in A1c, il rischio relativo di SMM o la morte era 1,16 (ci 1.14-1.19, p<0.001 di 95%) dopo avere registrato per ottenere l'età materna, la gravidanza multifetal, la regione del mondo di origine ed il tabacco/farmacodipendenza. Rispetto a quelli ad un preconcetto sano A1c (inferiore a 5,8%), il rischio relativo di regolato di SMM o la morte era 1,31 (ci 1.06-1.62, p=0.01 di 95%) in quelli con un preconcetto A1c di 5.8-6.4% e di 2,84 (ci 2.31-3.49, p<0.001 di 95%) in quelli con un preconcetto A1c maggior di 6,4%. Fra le donne senza una diagnosi del diabete che ha avuta un A1c oltre 6,4%, il rischio relativo di regolato era 3,25 (ci 1.76-6.00, p<0.001 di 95%).

Gli autori notano che la maggior parte delle donne non subiscono la prova di A1c, che possano piombo a tendenziosità di selezione fra il gruppo. Ulteriormente, l'indice di massa corporea di pre-gravidanza era sconosciuto per 77% dei partecipanti. Di conseguenza, l'interazione potenziale fra BMI, A1c ed il rischio di SMM dovrebbe essere studiata più a fondo. Eppure, questi risultati hanno implicazioni per la selezione di salubrità di pre-gravidanza.

“Dato il suo uso conveniente e molto diffuso, prova di A1c può identificare quelle donne con i diabeti melliti preesistere a rischio della mortalità materna severa, in un modo simile al suo uso corrente nel riconoscimento dei quelli all'elevato rischio delle anomalie fetali, nascita prematura e pre-eclampsia,„ gli autori dicono. “Poichè non c'è raccomandazione corrente circa la prova nelle donne incinte nondiabetic, in particolare quelle di A1c con l'obesità e/o l'ipertensione cronica, i nostri risultati possono migliorare la ricerca circa i vantaggi della selezione di A1c in queste donne.„

Source:
Journal reference:

Davidson, A.J.F., et al. (2020) Risk of severe maternal morbidity or death in relation to elevated hemoglobin A1c preconception, and in early pregnancy: A population-based cohort study. PLOS Medicine. doi.org/10.1371/journal.pmed.1003104.