Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La resistenza dell'eparina fra i pazienti COVID-19 ha ammesso a ICU

Un nuovo studio ha indicato che i pazienti COVID-19 ammessi all'unità di cure intensive possono essere resistenti all'eparina naturale dell'anticoagulante. Lo studio nominato, “la resistenza dell'eparina nei pazienti del ‑ 19 di COVID nell'unità di cure intensive,„ è stato pubblicato nell'ultima edizione del giornale di trombosi e di Thrombolysis.

Micrografo falso del microscopio elettronico della trasmissione di colore di un mastocita (mastocyte) con il citoplasma (verde) in pieno dei granuli dell

micrografo del microscopio elettronico della trasmissione (TEM) di Falso-colore di un mastocita (mastocyte) con il citoplasma (verde) in pieno dei granuli dell'eparina (blu scuro). © Jose Luis Calvo/shutterstock.com.

Che cosa era questo studio circa?

C'è un'alta incidenza di infiammazione in modo schiacciante fra quelle infettate con il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo e spesso un rischio di coagulazione coagulopathy o aumentata del sangue. Ciò è comunemente - veduto fra i pazienti che sono criticamente malati ed ammessi al ICU per COVID-19. I ricercatori hanno scritto che l'incidenza di tale “trombosi arteriosa e venosa„ è intorno 30 per cento fra i pazienti criticamente malati COVID-19. In questi casi, un anticoagulante come l'eparina o l'eparina a basso peso molecolare (LMWH) è usato generalmente per i thromboprophylaxis o la prevenzione di coagulopathy.

I ricercatori hanno trovato che parecchi rapporti indicano che i pazienti dati LMWH per i thromboprophylaxis primari possono essere insensibili e possono continuare a sviluppare il tromboembolismo venoso (VTE). L'incidenza di VTE fra i pazienti che sono stati dati LMWH anche alle dosi elevate è intorno 56 per cento, essi ha scritto. Questi studi sono stati intrapresi per vedere che “la prova del laboratorio e clinica per la resistenza dell'eparina in pazienti con COVID-19„ ha ammesso all'unità di cure intensive.

Che cosa è stato fatto?

Per questo studio il gruppo ha esaminato un gruppo di 69 pazienti con COVID-19 che sono stati ammessi dal 1° marzo 2020 nel ICU all'ospedale di Addenbrooke fino al 21 aprile 2020. Fra i pazienti, COVID-19 è stato confermato dal tampone di reazione a catena (PCR) della polimerasi delle vie respiratorie.

La resistenza dell'eparina è stata esaminata fra i pazienti che la hanno ricevuta per anticoagulazione. Fra i partecipanti allo studio, 15 hanno ricevuto l'anticoagulazione terapeutica con l'eparina (eparina non frazionata o UFH) o LMWH (dalteparina). L'informazione dettagliata era disponibile su 14 di questi 15 pazienti.

I pazienti che hanno sviluppato VTE sono stati dati l'anticoagulazione terapeutica. La resistenza dell'eparina è stata valutata facendo uso delle misure dell'eparina richieste. È stata definita come “richiedendo il   > le unità del   35.000 dell'eparina al giorno per quelle su UFH„. Fra quelli che hanno ricevuto LMWH, i livelli anti-XA (fattore di coagulazione XA) sono stati misurati. Anti-XA prevista quando su LMWH è stata definita come i due al livello di punta di quattro ore di attività anti-XA di 0.6-1.0 IU/mL per quelle due volte al giorno sul dosaggio di LMWH e del   > del   1,0 IU/mL per quelli sul dosaggio una volta-giornalmente di LMWH. Per vedere se la coagulazione livella poichè desiderato fosse raggiunta, il rapporto parziale attivato della tromboplastina (APTR) definito come il tempo parziale attivato della tromboplastina (APTT) è stato misurato. L'intervallo desiderato era 1.5-2.5 quando UFH è stato usato.

Che cosa è stato trovato?

I risultati hanno indicato che la resistenza dell'eparina è stata veduta in 8 di 10 pazienti (80 per cento) e fra i 5 facendo uso di LMWH, l'omissione di raggiungere il livello desiderato di attività anti-XA è stata veduta in tutti i pazienti (100 per cento). Il gruppo ha scritto, “in vitro chiodare dei campioni COVID-19 dai pazienti in unità di cure intensive con l'eparina a basso peso molecolare non riuscita per recuperare il livello anti-XA come sarebbe stato preveduto.„ Lo studio egualmente ha rivelato che i pazienti COVID-19 hanno livelli elevati del fattore VIII e fibrinogeno e livelli più bassi di antitrombina. Ciò è responsabile dei coagulopathies e della resistenza all'eparina.

Conclusioni ed implicazioni

I ricercatori hanno scritto, “in questo studio riflettere l'effetto dell'eparina con anti-XA per i pazienti su UFH non è sembrato aggiungere il vantaggio al video via il APTR.„ Hanno trovato che le dosi elevate dell'eparina erano necessarie assicurare l'attività anti-XA di 0.3-0.7 IU/mL. Il ripristino in vitro di attività anti-XA era egualmente basso fra questi pazienti, il gruppo ha scritto. Richiamano dagli studi più iniziali che “dopo 2500 unità della dalteparina, l'attività anti-XA è nei pazienti di ICU è approssimativamente metà del valore di quella in volontari sani.„ Ciò è stata confermata nello studio presente, essi ha scritto.

Il gruppo accetta che questo sia stato un piccolo studio e sia uno studio del unico centro. Ciò ha significato che i risultati non potrebbero essere accurati per le grandi popolazioni. Più ulteriormente, tutti i dettagli dei pazienti erano non disponibili ed i punti finali ed i risultati clinici del laboratorio non sono stati trovati per tutti i pazienti. Questo studio egualmente non riesce a valutare la ragione dietro la resistenza dell'eparina veduta fra i pazienti di ICU.

Il gruppo ha scritto in conclusione che la resistenza dell'eparina è stata trovata fra i pazienti criticamente malati COVID-19. Hanno scritto, “dato la resistenza all'eparina veduta; poi questo potrebbe offrire alcune comprensioni in perché i tassi alti di errore di thromboprophylaxis sono stati veduti in COVID-19 quando le dosi thromboprophylactic standard di LMWH sono usate.„ Egualmente hanno richiesto ulteriori studi per esaminare questo e per determinare “i thromboprophylaxis ottimali in COVID-19 e nella gestione degli episodi trombotici.„

Journal reference:
Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2020, May 26). La resistenza dell'eparina fra i pazienti COVID-19 ha ammesso a ICU. News-Medical. Retrieved on October 17, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200526/Heparin-resistance-among-COVID-19-patients-admitted-to-ICU.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "La resistenza dell'eparina fra i pazienti COVID-19 ha ammesso a ICU". News-Medical. 17 October 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200526/Heparin-resistance-among-COVID-19-patients-admitted-to-ICU.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "La resistenza dell'eparina fra i pazienti COVID-19 ha ammesso a ICU". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200526/Heparin-resistance-among-COVID-19-patients-admitted-to-ICU.aspx. (accessed October 17, 2021).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2020. La resistenza dell'eparina fra i pazienti COVID-19 ha ammesso a ICU. News-Medical, viewed 17 October 2021, https://www.news-medical.net/news/20200526/Heparin-resistance-among-COVID-19-patients-admitted-to-ICU.aspx.