Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il modello transgenico del mouse di HLH può svolgere il ruolo chiave nei salvandi vite durante il COVID-19

Un mouse transgenico sviluppato ai bambini di Cincinnati per modellare la malattia immune HLH (lymphohistiocytosis hemophagocytic) di infanzia micidiale può svolgere un ruolo chiave nei salvandi vite durante la pandemia del virus COVID-19.

Uno degli inventori della razza geneticamente costruita del mouse--Gruppo Huang, PhD del patologo del cancro dei bambini di Cincinnati-- è il co-ricercatore su un piccolo test clinico che ha provato con successo una droga usata per trattare a HLH (ruxolitinib) per invertire drammaticamente l'infiammazione di sistema multiplo e respiratoria in pazienti severamente malati COVID-19. I dati dallo studio clinico di fase II sono pubblicati nel giornale dell'allergia e dell'immunologia clinica.

Lo studio ha fatto partecipare 43 pazienti ospedalizzati diagnosticati con COVID-19 severo fra il 9 febbraio ed il 28 febbraio a Wuhan, Cina, creduta di essere ground zero per la pandemia. Lo studio multicentrato piombo da Jianfeng Zhou, MD, PhD, dipartimento dell'ematologia all'ospedale di Tongji, istituto universitario medico di Tongji ed università di Huazhong di scienza a Wuhan.

Zhou è un collaboratore da molto tempo di Huang e dei colleghi al centro di eccellenza del HLH dei bambini di Cincinnati, parte del Cancro ed istituto delle malattie del sangue.

Ruxolitinib dà segni del vantaggio

I pazienti che catturano il ruxolitinib sono stati selezionati a caso ricevere due dosi orali quotidiane 5mg della droga antinfiammatoria, più il livello del trattamento di cura per COVID-19. Un gruppo di controllo a caso selezionato di 21 paziente ha ricevuto un placebo con il livello del trattamento di cura.

“I destinatari di Ruxolitinib hanno avuti un miglioramento clinico numericamente più veloce,„ gli autori di studio scrivono nel loro rapporto. “Il miglioramento significativo di CT del torace, un ripristino più veloce dalla linfopenia ed il profilo favorevole di effetto collaterale nel gruppo del ruxolitinib erano incoraggianti ed informativi alle prove future verificare l'efficacia di ruxolitinib in una più grande popolazione.„

I pazienti hanno trattato con ruxolitinib hanno veduto un più breve tempo mediano a miglioramento clinico confrontato al gruppo di controllo. I ricercatori hanno riferito che 90 percent% dei pazienti del ruxolitinib hanno mostrato il miglioramento di scansione di CT entro 14 giorni, rispetto a 9 per cento dei pazienti dal gruppo di controllo. Tre pazienti nel gruppo di controllo finalmente sono morto di arresto respiratorio. Tutti i pazienti severamente malati che hanno ricevuto il ruxolitinib sono sopravvissuto a.

La prova più clinica della droga è necessaria. Un più grande test clinico RUXCOVID di fase III da Incyte e da Novartis ora sta esaminando fino a 400 pazienti severamente malati COVID-19 con la droga, secondo Huang. I dati clinici preliminari dallo studio sono preveduti durante l'estate, lui hanno aggiunto.

Ciò è la prima terapia che conosciamo di quello sembriamo lavorare efficacemente per acquietare la tempesta e l'infiammazione di citochina nella malattia severa COVID-19 e non ci sono le tossicità significative ai pazienti che catturano la droga da due pillole un il giorno. Ciò è critica finché non possiamo sviluppare e distribuire abbastanza efficace vaccino per contribuire ad impedire alla gente di essere infettata.„

Gruppo Huang, Ph.D., patologo del cancro dei bambini di Cincinnati

Calmando “la tempesta di citochina„

La cosiddetta tempesta di citochina che inonda gli organismi dei pazienti severamente malati COVID-19 con le celle infiammatorie prodotte dal sistema immunitario è una caratteristica comune dei bambini che combattono HLH secondario, che accade in pazienti in cui il trattamento di iniziale HLH non ha funzionato. Huang, che con una grande parte della comunità scientifica del mondo era occupato provare a studiare e trovare le soluzioni a COVID-19, ha notato questa funzionalità clinica comune di entrambe le malattie.

Egualmente ha notato che le manifestazioni cliniche di malattia severa COVID-19 sono molto simili a quelle vedute in mouse transgenici del laboratorio creati per imitare fedelmente HLH secondario umano in laboratorio. Che ricerca preclinica del laboratorio, alcuna di in collaborazione con i ricercatori a Wuhan, Cina, contribuita ad identificare il ruxolitinib della droga per il trattamento del HLH secondario. La droga antinfiammatoria egualmente è usata per trattare altre malattie del sangue compreso la leucemia.

“Mi sono avvicinato ai nostri colleghi della ricerca a Wuhan ed ho spiegato le nostre osservazioni ed ho raccomandato questa droga sono provato per acquietare la tempesta di citochina nell'infiammazione di sistema multiplo in pazienti con la malattia severa COVID-19,„ Huang ha detto. “La malattia stava spargendo molto rapido e molta gente stava morendo. Abbiamo creduto che la droga clinica attuale contribuisse a salvare le vite. Così, abbiamo lavorato per farlo avanzare prima che ci fosse un efficace vaccino per ognuno.„

Huang ha detto che i lavori con i colleghi in Cina sono stati ultimati su un calendario compresso mentre gli scienziati intorno al mondo sono andato sull'alta allerta combattere la pandemia a gennaio. Durante il loro lavoro, Huang ed i ricercatori in Cina hanno scoperto che altri studi clinici comprendono altre malattie dove il ruxolitinib egualmente aveva funzionato bene ad acquietare l'infiammazione e provano sui pazienti COVID-19 sono continuato.

Source:
Journal reference:

Cao, Y., et al. (2020) Ruxolitinib in treatment of severe coronavirus disease 2019 (COVID-19): A multicenter, single-blind, randomized controlled trial. Journal of Allergy and Clinical Immunology. doi.org/10.1016/j.jaci.2020.05.019.