Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'università di Friburgo riceve 30 milione euro per la ricerca eccellente

Le fondamenta di ricerca tedesche (DFG) hanno approvato una nuova proposta di centro di ricerca di collaborazione (CRC) sotto il comando dell'istituto per medicina cardiovascolare sperimentale (IEKM) al centro Friburgo del cuore dell'università · Cattivo Krozingen.

Il CRC 1425 “la natura heterocellular delle lesioni cardiache: Le identità, interazioni, le implicazioni„ saranno costituite un fondo per dal DFG con 11 milione euro per quattro anni, comincianti il 1° luglio 2020. Il DFG egualmente ha approvato l'estensione due centri di ricerca di collaborazione all'università di Friburgo - centro medico.

Questi sono gli SFB 992, che mettono a fuoco sulle basi e sulle applicazioni terapeutiche dei meccanismi epigenetici e gli SFB TRR 179, che stanno studiando il corso delle infezioni virali. Nel totale, l'università di Friburgo - il centro medico riceverà i fondi che ammontano a circa 30 milione euro.

Gradirei a sia mi congratulo i nostri scienziati su questo successo che li ringrazio per i loro risultati ed impegno della ricerca, senza cui questo non sarebbe stato possibile.„

Dott. Norbert Südkamp, il professor e decano della facoltà di medicina, università di Friburgo

Il nuovo CRC studia il cuore

Tradizionalmente, la ricerca del cuore ha messo a fuoco sulle celle di muscolo. Questi miociti sono i motori che sono alla base del pompaggio cardiaco. La loro attività determina le letture cliniche classiche quali pressione sanguigna o l'elettrocardiogramma. Cardiomyocytes occupa circa due terzi del volume del muscolo di cuore.

Ma: i non miociti significativamente più piccoli - quali il tessuto connettivo e le celle immuni - formano una maggioranza, rappresentante più di due terzi delle celle nel cuore. Dopo il tessuto che lesioning, per esempio sopra l'infarto miocardico, i non miociti svolgono un ruolo chiave nella riparazione e nella ricostruzione del tessuto.

Supportano l'integrità strutturale del cuore - senza, tuttavia, contribuendo alla funzione della pompa del cuore. La loro presenza può anche interrompere l'attività elettrica normale che precede ogni battito cardiaco.

Secondo prof. Peter Kohl, coordinatore del CRC 1425, “la nostra conoscenza delle identità cellulari dei non miociti, le loro interazioni e la loro utilità per la riparazione di guida del tessuto, è ancora nella sua infanzia. Il CRC, quindi, obiettivi “fa le migliori cicatrici!„

Lavorando con i propri processi di riparazione della natura

A lungo termine, il CRC 1425 mira a mettere a punto i nuovi metodi per la diagnosi e la terapia della malattia di cuore. In tal modo, i ricercatori soprattutto non stanno mirando alla prevenzione o al retransformation della cicatrice nel tessuto funzionale del muscolo, ma piuttosto stanno perseguendo un nuovo e approccio complementare: lavorando con i propri processi di riparazione della natura per permettere che le cicatrici compiano la loro riparazione meccanica importante funziona con gli effetti secondari minimi.

Il CRC 1425 riunisce 26 scienziati dal centro Friburgo del cuore dell'università? Cattivo Krozingen, l'ospedale universitario Friburgo, le facoltà mediche, biologiche e tecniche dell'università di Friburgo, il Max Planck Institute del Immunobiology e di Epigenetics a Friburgo come pure dalle università di Heidelberg, di Bonn e di Francoforte.

Un'estensione di due riuscite collaborazioni

CRC 992" Epigenetics medico - dai meccanismi di base alle applicazioni cliniche„, finanziamento di circa 14 milione euro per quattro anni

Epigenetics è un campo della ricerca che studia i meccanismi dell'eredità che vanno oltre la determinazione genetica all'interno di DNA. Questi meccanismi sono modifiche dinamiche, che possono cambiare con le influenze esterne, quale la dieta, sforzo, o farmaco e, lasciano le alterazioni epigenetiche che hanno il potenziale di essere ereditato.

L'analisi e l'interpretazione di questi reticoli epigenetici possono contribuire ad una migliore comprensione dello sviluppo delle malattie e potrebbero rivelare i nuovi modi per la diagnosi ed il trattamento.

L'altoparlante del CRC 992 è prof. il Dott. Roland Schüle, Direttore scientifico del dipartimento dell'urologia e del capo della ricerca clinica centrale al centro medico Friburgo.

Altri scienziati dagli istituti differenti dell'università e del centro medico Friburgo ed il Max Planck Institute del Immunobiology e di Epigenetics egualmente stanno partecipando al CRC.

Il CRC 992 continuerà il gruppo di formazione integrato della ricerca che fornirà agli studenti di laurea conoscenza specialistica ed i metodi in epigenetics.

Il consorzio della ricerca egualmente è supportato dai due progetti della tecnologia che permettono all'analisi dei reticoli epigenetici ordinando il genoma e, identifica le sostanze attive contro le proteine epigenetiche, che può servire da punti di partenza per lo sviluppo di nuove droghe.

Gli scopi a lungo termine del CRC 992 sono l'entrata in vigore dei risultati della ricerca epigenetici per migliorare la diagnosi e terapia di varie malattie.

CRC/TRR 179" fattori determinanti e dinamica dell'eliminazione contro persistenza di infezione virale di epatite„, costituente un fondo per: circa 11,4 milione euro, circa 3 milione euro per Friburgo

Un gruppo piombo da prof. Dott. Robert Thimme, Direttore medico del dipartimento di medicina interna II all'università di Friburgo - il centro medico, è compreso nello SFB/TRR 179 con cinque sottoprogetti.

Facendo uso dei virus di epatite differenti come esempi, il progetto sta studiando la domanda quanto a che cosa determina se le infezioni guariscono in alcuni pazienti, ma sviluppa un corso cronico nella maggior parte dei pazienti.

Gli scienziati egualmente vogliono scoprire come questa conoscenza può essere usata per i nuovi approcci terapeutici - che è di grande importanza clinica tenuto conto del fatto che più di 500,000 persone in Germania cronicamente sono infettati con epatite.