Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il rischio comportato da COVID-19 ai neonati è basso, la ricerca suggerisce

La prima analisi globale degli studi scientifici attuali si è riferita a COVID-19 ed i punti culminanti dei neonati che è raro per i bambini hanno invecchiato vecchio fino a quattro settimane per essere infettati con il virus, con i casi registrati avvertente soltanto i sintomi delicati e facente un ripristino completo.

Il rischio comportato da COVID-19 ai neonati è basso, la ricerca suggerisce

Da un'analisi che considera oltre 200 documenti, che hanno compreso le registrazioni di 75 neonati, i ricercatori hanno identificato soltanto 10 casi dei bambini che secondo le informazioni ricevute avevano verificato il positivo a COVID-19 nelle prime quattro settimane dalla nascita e nessuno di questi avevano richiesto tutto il trattamento supplementare. In ciascuno di questi casi, non hanno trovato effetti significativi sulla salubrità dei neonati come conseguenza di COVID-19.

Dei 10 bambini che sono stati riferiti per avere COVID-19 contratto, solo due hanno catturato il virus dalla madre mentre nell'utero, suggerente che quella trasmissione da una madre al bambino prima della nascita sia rara. Un caso in questione nella ricerca era di un bambino prematuro da 32 settimane consegnato nel Regno Unito dall'emergenza caesarean ed occupato dal gruppo di ricerca, con la madre che indossa una maschera e nessun contatto della famiglia durante la nascita, implicante che questo caso molto probabilmente fosse trasmesso direttamente dalla madre al bambino all'interno dell'utero.

Questa analisi, pubblicata nella pediatria del giornale BMJ aperta, è stata effettuata dai academics all'università di Lancashire centrale (UCLan) in collaborazione con il personale alla fiducia delle fondamenta di NHS delle cliniche universitarie di Blackpool ed ha compreso un esame degli articoli scientifici pubblicati fra il 1° dicembre 2019st ed il 12 maggio 2020th .

Questa analisi della ricerca attuale ci indica verso una tendenza di COVID-19 che è molto raro presso i neonati ed avente un impatto delicato se il neonato è infettato. Tuttavia, è importante da evidenziare che questo è basato solamente sull'analisi degli studi scientifici precedentemente pubblicati ed i nuovi genitori e lavoratori di sanità dovrebbero continuare a catturare tutte le precauzioni necessarie consigliate dai loro rispettivi servizi sanitari. Ci sono ancora molto più da capire circa questo nuovo virus e la ricerca supplementare deve essere effettuata nelle prossime settimane e mesi completamente per capire il rischio comportato da COVID-19 ai bambini ed ai bambini piccoli.„

Il professor Morris Gordon, autore principale e professore della sintesi di prova e dell'esame sistematico all'università di Lancashire centrale (UCLan)

Questa ricerca rinforza che questo virus sembra pregiudicare i gruppi di persone differenti molto nei modi diversi e che ci sia ancora molto da capire circa il suo impatto. Speriamo che queste conclusioni, combinate con la ricerca continua, offrano le comprensioni apprezzate in come la comunità medica globale può il più bene tenere i bambini e le famiglie sicuri e buoni.„

Dott. Taher Kagalwala, co-author e pediatra medio alla fiducia

Source:
Journal reference:

Gordon, M., et al. (2020) Rapid systematic review of neonatal COVID-19 including a case of presumed vertical transmission. BMJ Paediatrics Open. doi.org/10.1136/bmjpo-2020-000718.