Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Grumi profondi del filone nella malattia critica COVID-19

Una nuova pubblicazione ha pubblicato nei rapporti che Open della rete di JAMA del giornale nel maggio 2020 un'alta incidenza del filone profondo si coagula in pazienti con COVID-19 severo ad un singolo centro medico francese. Ciò ha potuto indicare l'esigenza della terapia sistematica dell'anticoagulante in questi pazienti come misura preventiva.

La pandemia di COVID-19 che sta facendo circolare il mondo, causando i feriti a centinaia di migliaia e di milioni di ammissioni, è il risultato dell'infezione dal coronavirus novello 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo di coronavirus. L'infezione è principalmente asintomatica ma può causare la polmonite e la sindrome di emergenza respiratoria acuta (ARDS) in una minoranza significativa dei pazienti.

COVID-19 e grumi

La maggior parte della causa comune della morte è ARDS; tuttavia, gli organi all'infuori dei polmoni egualmente sono influenzati severamente, come veduto con la lesione cardiaca acuta e l'insufficienza renale acuta. Un ad alto livello di infiammazione è egualmente presente in pazienti con la malattia severa, come provato dall'alto D-dimero livella e cambiamenti procoagulant che predispongono a formazione intravascolare del grumo. Di conseguenza, sia gli eventi di coagulazione arteriosi che venosi sono stati riferiti in questi pazienti.

Studio: Trombosi venosa fra i pazienti criticamente malati con la malattia 2019 (COVID-19) di Coronavirus. Credito di immagine: Vincitore Josan/Shutterstock
Studio: Trombosi venosa fra i pazienti criticamente malati con la malattia 2019 (COVID-19) di Coronavirus. Credito di immagine: Vincitore Josan/Shutterstock

Trombosi venosa profonda - complicazioni

La trombosi venosa profonda (DVT) può avere una serie di sequela seria. Per esempio, il grumo può essere spostato dal filone e dal viaggio con la circolazione di nuovo al cuore e nei polmoni per causare un'embolia polmonare (PE).

Il PE causa un blocco nelle arterie del polmone, causanti la dispnea acuta, il dolore toracico sull'inspirare e sull'espettorare il sangue. Il paziente può subire un collasso, soffrire la giusta insufficienza ventricolare, o morire, in alcuni casi.

I superstiti possono soffrire da ipertensione polmonare. Altre conseguenze più croniche sono insufficienza venosa e sindrome post-trombotica.

Trombosi venosa profonda - cause

Le ragioni per una frequenza aumentata in pazienti criticamente malati comprendono la loro immobilità, ferite vascolari provocate dalle frequenti analisi del sangue e dai cateteri indwelling, i problemi renali e l'avviamento delle cascate di coagulazione ed infiammatorie. Gli studi più iniziali hanno indicato che il tromboembolismo venoso si presenta in fino a 10% dei pazienti criticamente malati anche quando sono sulla terapia adeguata di anticoagulazione.

Come lo studio è stato fatto

Lo studio corrente è stato motivato dai rapporti dei livelli aumentati di indicatori infiammatori, dai rapporti iniziali che la trombosi venosa profonda era più frequente nei casi seriamente malati COVID-19 e dalle tariffe aumentate di questa complicazione nei pazienti primissimi con COVID-19 ospedale ai ricercatori'.

Lo studio è stato svolto ad un'unità di cure intensive in Francia, in un sobborgo di Parigi, dalla metà del del marzo 2020 al dell'inizio dell'aprile 2020. C'erano 34 pazienti, interamente diagnosticati per avere ARDS. I tamponi rinofaringei da 26/34 dei pazienti hanno avuti una reazione a catena inversa-transcriptase positiva della polimerasi (RT-PCR), mentre 8 erano negativi sulla PCR ma hanno mostrato i segni tipici di polmonite COVID-19 sulla scansione di CT del torace.

I pazienti nello studio sono stati invecchiati 62 anni, in media e la maggioranza (25/34, o 78%) era uomini. Le malattie di coesistenza più comuni erano il diabete (15/34, o 44%), il diabete (13/34, o 38%) e l'obesità (indice di massa corporea medio, BMI, 31,4).

Un esame venoso sistematico di ultrasuono è stato eseguito ai tempi dell'ammissione e quei pazienti con i risultati negativi, è stato ripetuto dopo 48 ore.

Che cosa lo studio ha mostrato

Dei 34 pazienti, 22, o 65%, hanno avuti trombosi venosa profonda ai tempi dell'ammissione ed in altri 5 pazienti, portanti il totale fino ad un massimo di 27 (79%), ai tempi dell'ultrasuono venoso di ripetizione. In 18 dei pazienti o più di 50%, i grumi profondi bilaterali del filone sono risultati presenti. In un quarto dei pazienti (9/34), il grumo era all'interno dei filoni più vicino il cuore.

Il livello medio del D-dimero in questa popolazione era 5,1 μg/mL, con un livello del fibrinogeno di 760 mg/dL e proteina C-reattiva 22,8 mg/dL.

Fra i 15 pazienti con il diabete nel totale, per esempio, 12 ha sviluppato la trombosi venosa profonda. Similmente, per i 13 pazienti con ipertensione, 9 hanno sviluppato la trombosi. Il BMI medio era significativamente più alto, a 32,2, nel gruppo che ha sviluppato questa complicazione confrontata a 27,8 nell'altro gruppo.

I risultati del laboratorio hanno mostrato un più alto conteggio di globulo bianco, il conteggio del linfocita e la piastrina includono il sangue periferico nei pazienti che hanno sviluppato la trombosi venosa profonda confrontata all'altro gruppo.

Importanza dello studio

È conosciuto che circa la metà dei pazienti con COVID-19 che sviluppano la malattia critica morirà. Dovunque 27% - 69% di loro avranno eventi thromboembolic venosi. Quasi un quarto avrà coaguli di sangue nei polmoni.

Lo studio è limitato dal di piccola dimensione e dal fatto che è stato effettuato ad un singolo centro. Tuttavia, poiché quasi 80% dei pazienti ha sviluppato la trombosi venosa profonda, è ragionevole sospettare che la selezione in anticipo per ed il trattamento di questa complicazione contribuirebbero l'abbassamento del tasso di mortalità alto.

Inoltre, l'utilizzabilità di istituzione della profilassi sistematica dell'anticoagulante per i pazienti tutto il criticamente malati COVID-19 dovrebbe anche essere considerata, poiché uno in sette pazienti nello studio corrente ha avuto trombosi venosa profonda anche mentre erano su un tal regime.

Journal reference:
  • Nahum J, Morichau-Beauchant T, Daviaud F, et al. Venous Thrombosis Among Critically Ill Patients With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19). JAMA Netw Open. 2020;3(5):e2010478. doi:10.1001/jamanetworkopen.2020.10478
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, May 31). Grumi profondi del filone nella malattia critica COVID-19. News-Medical. Retrieved on January 16, 2022 from https://www.news-medical.net/news/20200531/Deep-vein-clots-in-critical-COVID-19-illness.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Grumi profondi del filone nella malattia critica COVID-19". News-Medical. 16 January 2022. <https://www.news-medical.net/news/20200531/Deep-vein-clots-in-critical-COVID-19-illness.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Grumi profondi del filone nella malattia critica COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200531/Deep-vein-clots-in-critical-COVID-19-illness.aspx. (accessed January 16, 2022).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Grumi profondi del filone nella malattia critica COVID-19. News-Medical, viewed 16 January 2022, https://www.news-medical.net/news/20200531/Deep-vein-clots-in-critical-COVID-19-illness.aspx.