Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Cancro ha ragruppato la resistenza alla metastasi di favori di immunosurveillance delle cellule di uccisore naturali

La prova scientifica suggerisce che il cancro possa riprodurrsi per metastasi ad altri organi quando un unicellulare o un cluster delle celle stacca dal tumore originale ed attraversa through il sangue ad un'altra posizione, dove si sviluppa in un nuovo tumore. I cluster sembrano avere un più alto potenziale metastatico che gli unicellulari e un rapporto pubblicato nel Cancro della natura mostra le nuove comprensioni in che cosa contribuisce ai cluster il vantaggio selettivo.

I ricercatori hanno trovato che i cluster delle celle del tumore sono più resistenti di singole celle del tumore all'uccisione dalle celle di uccisore (NK) naturali, celle immuni che si specializzano nella sorveglianza e nella distruzione delle celle del tumore. Essere più resistente alla distruzione comunicata per cellule di NK piombo ad una rappresentazione sproporzionato più alta della metastasi del cluster. I risultati suggeriscono che quello migliorare la capacità naturale delle celle di NK di eliminare i cluster di circolazione della cellula tumorale possa fornire un approccio complementare alla terapia del cancro.

“Stavamo lavorando con differenti modelli animali che studiamo perché i cluster del tumore sono sembrato essere migliori a formare le metastasi del polmone che gli unicellulari, quando abbiamo scoperto inatteso che la capacità dei cluster di riprodurrsi per metastasi sembrasse essere associata con la presenza di celle competenti di NK,„ hanno detto la prima l'autore flora di Hin Ching Lo, dottorando di scienze molecolari di Baylor nel programma integrante del laureato e biomediche. È un membro del laboratorio del Dott. Xiang Zhang, professore di biologia molecolare e cellulare e il Lester ed il centro del petto di Sue Smith a Baylor.

I ricercatori hanno determinato che le celle attivate di NK possono eliminare sia l'unicellulare che ragruppare la metastasi, ma sono più efficienti ad eliminare il precedente. I cluster presentano un vantaggio selettivo e, di conseguenza, il loro contributo alla metastasi è superiore a quello di singole cellule tumorali.

Egualmente abbiamo esplorato che cosa hanno mediato la resistenza dei cluster all'uccisione delle cellule di NK ed abbiamo scoperto che i cluster del cancro sembrano attenuare l'attività delle celle di NK contro di loro. I cluster video sulla superficie delle cellule più molecole che inibiscono l'attività delle celle di NK e meno che aumentano la loro attività. Di conseguenza, quando le celle di NK legano ai cluster per distruggerle, l'effetto combinato è diminuito che uccide l'attività.„

Flora Lo, dottorando di Hin Ching di scienze molecolari di Baylor nel programma integrante del laureato e biomediche

Questo fenomeno può rappresentare un vantaggio supplementare di sopravvivenza complementare ad altre caratteristiche precedentemente conosciute dei cluster del cancro, come essere resistente alla chemioterapia.

“Il nostro studio evidenzia l'importanza delle celle di NK nell'immunoterapia. L'atto attivato delle cellule di NK uccide velocemente ed efficientemente le celle del tumore. Usano un meccanismo di uccisione che è simile all'uso delle cellule di T del meccanismo, ma il riconoscimento delle celle del tumore è differente. Quella è una delle ragioni che pensiamo che migliorare NK-mediato uccidendo l'abilità possa fornire un approccio complementare nell'immunoterapia,„ abbiamo detto Zhang, un membro del Dan L centro completo del Cancro di Duncan e uno studioso di Baylor di McNair.

Source:
Journal reference:

Lo, H.C., et al. (2020) Resistance to natural killer cell immunosurveillance confers a selective advantage to polyclonal metastasis. Nature Cancer. doi.org/10.1038/s43018-020-0068-9.