Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

la sindrome infiammatoria del tipo di Kawasaki sembra essere più comune in bambini dell'ascendenza africana

Una sindrome infiammatoria in bambini ed in adolescenti, creduti di essere collegato a covid-19, sembra essere più comune fra i bambini dell'ascendenza africana, trova un piccolo studio da un ospedale a Parigi, pubblicata oggi Dal BMJ.

La sindrome è stata paragonata alla malattia di Kawasaki, uno stato raro che pricipalmente pregiudica i bambini sotto cinque. Gli esperti hanno detto che può essere “una risposta mediata o in ritardo dell'anticorpo„ a covid-19 che accade parecchie settimane dopo l'infezione.

I casi inoltre sono stati veduti in Italia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

In questo studio, i pazienti hanno avuti caratteristiche che differiscono da quelle con la malattia classica di Kawasaki. Per esempio, una proporzione insolitamente elevata ha avuta i sintomi gastrointestinali (dolore addominale, spesso con il vomito e la diarrea), la pressione sanguigna instabile ed infiammazione del muscolo di cuore (miocardite).

I ricercatori dicono che ulteriori studi sono necessari, ma questi risultati “dovrebbero richiedere l'alta vigilanza„ fra medici, specialmente in paesi con una proporzione elevata dei bambini dell'ascendenza africana.

Descrivono 21 bambini ed adolescente (età media 7,9 anni) con le funzionalità della malattia di Kawasaki che sono state ammesse ad un ospedale a Parigi fra il 27 aprile e l'11 maggio 2020. Più della metà dei bambini (12; 57%) erano dell'ascendenza africana.

Dodici bambini hanno presentato con la sindrome e 16 di scossa di malattia di Kawasaki (76%) con la miocardite. Diciannove (90%) ha avuto prova dell'infezione recente covid-19.

Tutti e 21 i paziente ha avuto sintomi gastrointestinali notevoli durante la fase iniziale di malattia e gli alti livelli degli indicatori infiammatori in loro circolazione sanguigna.

Malgrado 17 pazienti (81%) che hanno bisogno del supporto di terapia intensiva, tutti i pazienti sono stati scaricati a casa dal 15 maggio 2020, dopo una media dei 8 giorni in ospedale, senza le complicazioni serie.

I ricercatori indicano alcune limitazioni, quale il piccolo numero dei pazienti e sollecitano che questo è uno studio d'osservazione, in modo da non possono stabilire un nesso causale con l'infezione covid-19.

Tuttavia, dicono che questa sindrome infiammatoria di sistema multiplo del tipo di Kawasaki sembra essere più comune in bambini dell'ascendenza africana, suggerire un effetto delle condizioni di vita sociali ed o della predisposizione genetica e mostra i sintomi clinici differenti alla malattia classica di Kawasaki.

“Questi risultati clinici dovrebbero richiedere l'alta vigilanza fra medici di emergenza e di pronto intervento e preparazione durante la pandemia di malattia 2019 di coronavirus in paesi con una proporzione elevata dei bambini dell'ascendenza africana e degli alti livelli della trasmissione della comunità,„ concludono.

I ricercatori hanno aggiunto un livello importante alla conoscenza crescente di questo disordine, rinforzante la connessione fra l'infezione covid-19 e questa circostanza, dice il figlio di Maria Beth all'ospedale pediatrico di Boston, in un editoriale collegato. Sollecita che questa circostanza è finora rara ma potenzialmente severa ed autorizza la sorveglianza come pure la ricerca di collaborazione.

Sembra altamente probabile che più rapporti compaiano da tutto il mondo, lei avverte, ma dice la versione rapida delle pubblicazioni come questa, “è il primo punto in questo trattamento critico.„

Source: