Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Esplorando come l'inquinamento atmosferico pregiudica il cervello

L'inquinamento atmosferico si è trasformato in in un fatto di vita moderna, con una maggioranza della popolazione globale che affronta l'esposizione cronica. Sebbene l'impatto di inalazione dell'aria inquinante sui polmoni sia ben noto, gli scienziati ora stanno cominciando a capire come pregiudica il cervello. Un nuovo articolo nelle notizie di assistenza tecnica & del prodotto chimico, il settimanale di attualità settimanale della società di prodotto chimico americano, dettagli come i ricercatori stanno connettendo l'inquinamento atmosferico a demenza, ad autismo e ad altre malattie neurologiche.

Risultando dalle emissioni del veicolo, le centrali elettriche e le fabbriche, inquinamento atmosferico è una minestra complessa dei gas, dei metalli, degli agenti inquinanti organici e di altri materiali. Più di 90% della popolazione del mondo è esposto continuamente ad inquinamento (PM) del particolato, che è conosciuto per penetrare in profondità nei polmoni, ai livelli sopra le linee guida dell'organizzazione mondiale della sanità, scrive l'editore di contributo Janet Pelley. Inalando l'infiammazione di queste cause delle sostanze, che è la risposta sana dell'organismo alla lesione o all'infezione, ma l'infiammazione cronica può danneggiare col passare del tempo i tessuti sani.

Sebbene la correlazione fra PM e danno ai polmoni sia chiara, gli scienziati ritengono che queste particelle nocive possano anche urtare direttamente o indirettamente il cervello. In uno studio recente, i mouse infantili esposti ad inquinamento atmosferico indicato hanno alterato i comportamenti sociali simili a quelli dei bambini autistici. Le osservazioni post mortem hanno rivelato l'infiammazione ed altre anomalie nei cervelli dei mouse che somigliano ai cambiamenti veduti in bambini con autismo. I ricercatori sospettano che le particelle del ferro nel PM potrebbero svolgere un ruolo, come sono conosciute per causare la morte delle cellule in Parkinson e nei morbi di Alzheimer. In mouse, l'infiammazione causata respirando l'aria inquinante egualmente sembra amplificare la produzione delle placche dell'amiloide, i frammenti appiccicosi della proteina connessi con le malattie neurologiche come Alzheimer. Mentre la prova sta montando che l'inquinamento atmosferico può posare una grave minaccia a salubrità del cervello, gli scienziati sottolineano che la loro ricerca deve coincidere con i cambi politici per diminuire l'inquinamento universalmente.