Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le nuove alternative della sigaretta di manifestazioni dell'unità possono essere più pericolose di quanto rivelarici dalla prova del produttore

Le alternative più sensibili di tecnica di una sigaretta di manifestazioni possono essere più pericolose della prova del produttore aveva trovato.

Una tecnica che può valutare meglio i prodotti chimici nocivi aggiunge al toolkit dell'analisi per le alternative della sigaretta.

Questa ricerca aprente la strada dagli scienziati di KAUST rivela che un'unità del tabacco-riscaldamento chiamata “io ha terminato l'ordinario che fuma„ (IQOS), emette molti altri prodotti chimici potenzialmente nocivi che quelli identificati dal produttore.

L'unità di IQOS funziona ad una temperatura più insufficiente che le sigarette ordinarie: riscalda i bastoni del tabacco ad intorno 300 gradi di Celsius, mentre le sigarette tradizionali bruciano il tabacco a fino a 900 gradi centigrado. Egualmente differisce dai sistemi vaping, che riscaldano i liquidi che contengono il nicotina.

IQOS è stato sviluppato dall'internazionale di Philip Morris ed è stato presentato al servizio nel 2014. I reclami del produttore offre un'alternativa più sicura al fumo tradizionale, in base alle loro proprie ed all'altra ricerca.

Ciò ha suggerito che IQOS raggiungesse una riduzione molto significativa dell'esposizione tossica confrontata alle sigarette regolari che bruciano il tabacco.

“Ho voluto valutare i reclami della società,„ dice Bogdan-Dragoș Ilieș, uno studente di Ph.D. al centro di ricerca di combustione di KAUSTClean. Ha proposto una ricerca indipendente al suo supervisore, Mani Sarathy.

Brainstormed gli approcci differenti ad identificare i prodotti chimici rilasciati dai bastoni heated del tabacco.„

Bogdan-Dragoș Ilieș, studente di PhD, centro di ricerca di combustione pulita, re Abdullah University di scienza e tecnologia

Hanno realizzato che c'erano limitazioni serie con il metodo precedentemente usato, in base alle tecniche di campionatura offline perché non potrebbero identificare le molecole potenzialmente significative, quali i composti carbonilici polari di breve durata e reattivi.

Il gruppo ha inventato un metodo di analisi in tempo reale di spettrometria della cromatografia-massa del gas che ha raccolto i vapori direttamente dai bastoni heated del tabacco.

La loro impostazione ha permesso la rilevazione di piccole molecole che non avrebbero persistito nella fase gassosa affinchè un tempo sufficiente abbastanza lungo fossero individuate dalle procedure precedentemente seguite.

I ricercatori tuttavia sono stati sorpresi che hanno identificato l'altrettanto come 62 composti, solo 10 di cui sono stati trovati nelle prove dall'internazionale di Philip Morris.

I prodotti chimici supplementari trovati dai ricercatori hanno incluso il biacetile dei composti, il pentanedione 2,3, l'idrossimetilfurfurolo ed il ftalato tossici conosciuti di diethylhexyl. Gli ultimi possono essere particolarmente significativi mentre è considerato come cancerogeno.

“È cruciale riflettere ed identificare tutti i prodotti tossici e cancerogeni rilasciati da questi nuovi prodotti del riscaldamento del tabacco,„ osservazioni di Sarathy.

Spera che questi risultati dalle indagini indipendenti di KAUST potrebbero piombo ad una collaborazione con le società di tabacco per identificare i rischi sanitari di loro nuovi prodotti e per imparare come attenuare questi rischi.

“Il nostro approccio novello ad identificare i prodotti chimici dai bastoni del tabacco del riscaldamento potrebbe anche contribuire a migliorare la legislazione del tabacco intorno al mondo,„ dice Ilieș.

“Ingrandice l'insieme delle tecniche analitiche disponibili per identificare i prodotti chimici nocivi che erano invisibili ai metodi precedenti.„

Source:
Journal reference:

Ilies, B. D., et al. (2020) Identification of volatile constituents released from IQOS heat-not-burn tobacco HeatSticks using a direct sampling method. Tobacco Control. doi.org/10.1136/tobaccocontrol-2019-055521.