Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La maggior parte dei pazienti ospedalizzati con cancro avanzato ha danno funzionale

Nuova ricerca da generale di massa Cancer Center, pubblicato nell'emissione del giugno 2020 di JNCCN--Il giornale della rete completa nazionale del Cancro, ha trovato 40,2% dei pazienti ospedalizzati con cancro avanzato e incurabile dal punto di vista funzionale è stato alterato ai tempi dell'ammissione, significando essi ha avuto bisogno dell'assistenza con le attività della vita del quotidiano (ADLs) come la camminata, il bagno, vestiresi, o altre mansioni sistematiche. I pazienti con danno funzionale egualmente hanno avuti più alte tariffe di dolore, della depressione e dell'ansia ed erano più probabili avere le degenze in ospedale più lunghe e sopravvivenza peggiore.

Gli interventi che parlano al danno dei pazienti ed alla gestione funzionali di sintomo hanno potuto contribuire a migliorare la consegna ed i risultati di cura per la popolazione altamente sintomatica dei pazienti ospedalizzati con cancro avanzato.

Ciò evidenzia l'esigenza degli sforzi per integrare le valutazioni funzionali nella cura di questi pazienti per identificare le persone che possono trarre giovamento da terapia fisica, da cura palliativa e/o da altri servizi complementari più presto nella loro degenza in ospedale.

La nostra individuazione che le persone con la sopravvivenza peggiore di esperienza funzionale di danno potrebbero anche aiutare le conversazioni della guida circa gli scopi di cura e della pianificazione del centro ospedaliero fra i pazienti ospedalizzati con cancro.„

Daniel E. Lage, MD, MsC, ricercatore del cavo, generale di massa Cancer Center.

“Egualmente attivamente stiamo esplorando gli interventi per aiutare la transizione dei pazienti dal ricoverato alla regolazione del paziente esterno, che abbiamo identificato poichè una sfida chiave per i pazienti con danno funzionale,„ ricercatore senior aggiunto Ryan D. Nipp, il MD, il MPH, generale di massa Cancer Center.

“I lavori futuri sono necessari sviluppare i modelli novelli di cura per migliorare l'accesso ai servizi di cura ed alle barriere palliativi di indirizzo che accesso appropriato di limite a cura palliativa fra i pazienti con cancro avanzato.„

I ricercatori hanno studiato l'età 18 di 970 pazienti e-più vecchia con cancro avanzato--definito come quelli che non sono trattati con l'intenzione curativa--chi ha avvertito un ricovero ospedaliero non pianificato a generale di massa Cancer Center fra il 2 settembre 2014 ed il 31 marzo 2016.

Hanno misurato il danno funzionale facendo uso della documentazione di professione d'infermiera raccolta ad assunzione e memorizzata nelle cartelle mediche elettroniche (EHR) ed i questionari auto-completati anche raccolti dai pazienti. Il danno di ADL è stato definito come tutta l'esigenza di assistenza da un'altra persona.

In generale, 390 pazienti (40,2%) hanno avuti almeno un danno di ADL con 14,8% che hanno uno o due e 25,4% che avvertono almeno tre punti problematici con le mansioni quotidiane.

“Gli oncologi lungamente hanno apprezzato che lo stato funzionale fosse un preannunciatore potente di una serie di risultati importanti compreso i risultati del trattamento e di sopravvivenza,„ Toby commentato Campbell, il MD, capo di cura palliativa all'università di centro del Cancro di Wisconsin Carbone, che non è stato compreso in questa ricerca.

“Sappiamo che la valutazione sistematica del carico di sintomo e dello stato funzionale nella regolazione del paziente esterno provoca la sopravvivenza e la qualità di vita migliori.„

Dott. Campbell, un membro del gruppo di NCCN Guidelines® per cura palliativa, continuato: “Il Dott. Lage e colleghi evidenzia l'importante, spesso mancante, opportunità di usare ordinariamente l'ospedalizzazione come grilletto per una valutazione attenta dei sintomi e dello stato funzionale.

“Un'ospedalizzazione non pianificata per un malato di cancro avanzato è un momento di spartiacque e predice gli più alti sintomi e la più breve sopravvivenza in pazienti con e senza la funzione alterata. L'ospedalizzazione è un'opportunità cruciale di facilitare la cura critica di malattia seria, compreso cura palliativa completa e la pianificazione avanzata di cura, con la promessa del miglioramento delle vite dei nostri pazienti.„

Source:
Journal reference:

Lage, D. E., et al. (2020) Functional Impairment, Symptom Burden, and Clinical Outcomes Among Hospitalized Patients With Advanced Cancer. Journal of the National Comprehensive Cancer Network. doi.org/10.6004/jnccn.2019.7385.