Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Una nuova strategia per combattere influenza A ed il virus di Zika

I ricercatori di Lovanio hanno spiegato gli amiloidi sintetici per avviare la proteina che misfolding come strategia per combattere l'influenza A ed il virus di Zika.

Gli amiloidi sono installazioni particolari della proteina con i beni simili a seta, numerose funzioni di quel servire. Egualmente si formano sopra proteina che misfolding con conseguente inattivazione della proteina.

Frederic Rousseau e Joost Schymkowitz (VIB-KU Lovanio) hanno usato questi beni per inventare i peptidi sintetici dell'amiloide che possono essere adeguati all'opzione-fuori la funzione delle proteine bersaglio desiderate.

Questi peptidi, definiti l'Pept-Istituto centrale di statistica, già rivelato essere un approccio apprezzato agli agenti patogeni batterici dell'attrezzatura o alla crescita del tumore di rallentamento. Ora, il gruppo di Rousseau e di Schymkowitz ha voluto esplorare se l'pept-Istituto centrale di statistica potrebbe anche essere usato per inattivare le proteine virali e quindi per interferire con la replicazione virale.

I ricercatori hanno progettato l'Pept-Istituto centrale di statistica due che codifica le sequenze virus-specifiche dell'amiloide identificate in proteine di influenza A e del virus di Zika, rispettivamente. In collaborazione con Xavier Saelens (VIB-UGent) e Johan Neyts (KU Lovanio), hanno verificato i beni antivirali di queste molecole.

Abbiamo trovato che ogni amiloide interferisce con la replica del virus corrispondente. Per influenza A indichiamo che il nostro amiloide sintetico si accumula al sito dell'infezione ed interferisce con la replicazione virale in mouse. L'amiloide lega alla proteina bersaglio virale, forzante la proteina in una conformazione non funzionale. L'influenza B non è influenzata da questa Pept-in, evidenziando la specificità di sequenza di questa interazione.„

Emiel Michiels, studente di PhD nel laboratorio di Schymkowitz e di Rousseau

Le nuove applicazioni antivirali estendono il potenziale terapeutico del Pept-nella piattaforma della tecnologia, che è esplorata da terapeutica di Aelin--una società secondaria basata su ricerca di Rousseau e di Schymkowitz. I ricercatori sperano di studiare se lo stesso approccio egualmente funzioni per mirare ad altri tipi di virus.

Source:
Journal reference:

Michiels, E., et al. (2020) Reverse engineering synthetic antiviral amyloids. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-16721-8.