Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La pandemia 1918 di influenza può contribuire ad attenuare la diffusione di COVID-19

A che cosa può la pandemia 1918 di influenza insegnare alla gente circa la pandemia corrente COVID-19? Quello è ché gruppo di ricercatori all'università di speranza del Missouri di scoprire con l'aiuto di una concessione RAPIDA recente COVID-19 dal National Science Foundation.

Nel corso di un anno, la concessione permette che i ricercatori studino la pandemia 1918 di influenza nel Missouri per tutte le similarità e differenze alla pandemia corrente COVID-19. I loro risultati hanno potuto contribuire ad informare le strategie globali per l'attenuazione della diffusione del virus corrente negli Stati Uniti.

I ricercatori dalle scienze biologiche schiave del Christopher S. di Mizzou concentrano, istituto universitario delle arti e la scienza, la facoltà di ingegneria, l'istituto universitario di medicina veterinaria, il banco delle professioni sanitarie e la scuola di medicina sono comportati nel progetto.

Lisa Sattenspiel, un professore e una presidenza del dipartimento dell'antropologia nell'istituto universitario delle arti e scienza e Carolyn Orbann, un professore d'istruzione del socio di scienza di salubrità nel banco delle professioni sanitarie, è i ricercatori co-principali sul progetto.

Sattenspiel è un antropologo biologico che ha studiato le malattie infettive umane per più di 40 anni, compreso più di 25 anni studiante la pandemia 1918 di influenza.

Ha detto che l'approccio interdisciplinare del gruppo è importante per sviluppare una comprensione completa di una malattia infettiva e come si sparge fra le popolazioni umane.

“Qualunque genere di malattia infettiva in esseri umani è un problema realmente complesso,„ Sattenspiel ha detto.

Se volete completamente capire l'impatto di una malattia, non solo dovete capire la biologia e l'epidemiologia della malattia, ma anche dovete capire le circostanze sociali -- come la gente è interagente, spargendosi e rispondendo alla malattia e perché la gente sta facendo che cosa fanno.„

Lisa Sattenspiel, il professor e presidenza, dipartimento di antropologia, istituto universitario delle arti e scienza

“Che è che cosa potremo fare qui con tutte varie discipline coinvolgere con questo progetto. “Il progetto userà i dati del certificato di morte del Missouri fra 1918-1920 dalla gente che è morto da influenza e da polmonite, poiché era allora difficile da distinguere che la malattia respiratoria era la causa della morte reale.

I dati saranno usati dal gruppo per sviluppare un'analisi dettagliata della pandemia 1918, compreso la diffusione geografica, le condizioni socioeconomiche di fondo e tutte le differenze fra le aree urbane rurali e nello stato.

I ricercatori hanno detto che la loro analisi egualmente comprenderà le disparità razziali ed etniche ma sarà limitata a causa della quantità di informazioni che sono disponibili a partire da quel tempo.

Orbann ha detto studiando un periodo triennale e non appena 1918, il progetto potrebbe anche fornire informazioni apprezzate sul potenziale per gli scoppi supplementari -- ha chiamato un'onda di eco -- oltre la prima diffusione geografica della malattia.

“La ricerca attuale sulla pandemia 1918 ha indicato che alcuni posti intorno al mondo experieornced che assomigliare ad un eco ondeggiano tutto il modo a 1920,„ Orbann hanno detto.

“Per esempio, alcuni posti nel Missouri hanno riferito più morti alla fine del 1919 ed all'inizio del 1920 che durante il picco nel 1918. Quelle informazioni potrebbero aiutarci meglio a capire se posti che sfuggono alla prima onda del coronavirus -- dove siamo ora -- ha potuto avere il potenziale di ottenere lo sbattere con violenza con il virus in seguito.„