Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Infezione materna SARS-CoV-2 non nociva nelle prime gravidanze di acetonide

Un nuovo studio danese pubblicato sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nel giugno 2020 indica che l'infezione con il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo nella gravidanza iniziale non porta un rischio aumentato di danno fetale.

Il rischio potenziale di COVID-19 nella gravidanza iniziale

La gravidanza è considerata un periodo di immunosoppressione quando le infezioni virali sono capaci di causare i risultati severi per la madre ed il feto. I virus respiratori sono associati specialmente con un ad alto rischio di polmonite severa. La ragione per questa più alta predisposizione nella gravidanza è pensata ad uno stato pro-infiammatorio.

Studio: SARS-CoV-2 nella prima gravidanza di acetonide - pregiudica il feto?. Credito di immagine: DarioSintoni/Shutterstock
Studio: SARS-CoV-2 nella prima gravidanza di acetonide - pregiudica il feto?. Credito di immagine: DarioSintoni/Shutterstock

Mentre le epidemie più iniziali di coronavirus quali la sindrome respiratorio acuto severo (SARS) e gli scoppi respiratori di sindrome (MERS) di Medio Oriente hanno catturato un tributo pesante sulle donne incinte, la pandemia corrente non è stata studiata dettagliatamente riguardo al suo effetto sulla gravidanza. È conosciuto che la trasmissione materno--fetale può accadere nella toxoplasmosi, nella rosolia, in citomegalovirus e nel herpes simplex, tutti collettivamente è conosciuto come gli agenti della TORCIA come pure il virus di Zika, nel primo acetonide della gravidanza, danneggiante i gravi danni i tessuti fetali di sviluppo.

L'infezione SARS-CoV-2 alle fasi iniziali di gravidanza ha potuto essere potenzialmente molto più seria di agli stadi avanzati. Tuttavia, le informazioni sull'effetto di SARS-CoV-2 nella gravidanza sono limitate perché la prova sierologica minima è stata effettuata finora in questo segmento della popolazione.

Valutazione della perdita di gravidanza contro COVID-19

Lo studio corrente è il primo per analizzare l'infezione SARS-CoV-2 nel contesto della gravidanza di primo acetonide. I ricercatori hanno usato la prova sierologica per esaminare le donne che erano state infettate presto nella gravidanza, riguardo all'effetto sul feto facendo uso delle misure come la scansione della traslucidità e la perdita nuchal di gravidanza.

Lo studio è stato basato su un gruppo delle donne incinte in Danimarca che aveva avuta una doppia prova effettuata fra il 17 febbraio 2020 ed il 23 aprile 2020 e le donne che avevano perso una gravidanza prima del momento per la doppia prova erano arrivato, dal 14 aprile al 21 maggio 2020. Per il precedente, il sangue dalla provetta del doppio è stato usato, mentre per la categoria posteriore, un'analisi del sangue è stato effettuato. I dati demografici e medici del riferimento sono stati catturati dai file medici.

Tutti i partecipanti hanno risposto ad un breve questionario circa i sintomi COVID-19 nella gravidanza, nel fumo, nell'indice di massa corporea, nelle iniezioni antinfluenzali nel 2019-2020 ed in altre malattie di coesistenza.

Un breve questionario riguardo ai sintomi di COVID-19 durante la gravidanza, le abitudine di fumare, l'indice di massa corporea (BMI), la vaccinazione di influenza nel 2019 /2020 ed il comorbidity è stato compilato da tutte le donne partecipanti.

Ogni campione di sangue materno è stato provato ad anticorpi dell'immunoglobulina (IgG) G e dell'immunoglobulina (IgM) m. contro SARS-CoV-2. C'erano circa 1.020 donne che hanno completato la doppia prova e 36 donne che hanno perso una gravidanza iniziale prima che la seconda prova potrebbe essere eseguita. Questi si riferiscono a come il gruppo 1 e gruppo 2, rispettivamente.

Gli indici ≤8 AU/mL dell'anticorpo di IgG e di IgM sono stati definiti come risultati negativi, conformemente alle raccomandazioni del kit della prova. I valori ≥12 AU/mL sono stati definiti come risultati positivi. I valori >8.0 e <12.0 AU/mL sono stati considerati come nella zona grigia.

Anticorpi indipendenti dal rischio di aborto

In generale, gli anticorpi SARS-CoV-2 sono stati trovati in 2,9% delle donne in gruppo 1, con 14 (1,4%) che hanno anticorpi di IgG o di IgM e 16 (1,6%) che sono nella zona grigia. Tutte le donne del gruppo 2 erano anticorpo-negative.

Il punto seguente era di cercare un collegamento fra i titoli dell'anticorpo SARS-CoV-2 ed i risultati dell'primo acetonide scandisca la valutazione dello spessore nuchal della traslucidità e la doppia prova. Questa parte dello studio ha escluso i feti con un'anomalia cromosomica.

I ricercatori hanno trovato che non c'era differenza significativa fra le donne che hanno avute anticorpi al virus e coloro che era negativo, riguardo a spessore nuchal della traslucidità ed ai doppi valori della prova dell'indicatore, dopo avere registrato per ottenere l'età materna e l'età gestazionale. La zona grigia contro i titoli negativi dell'anticorpo egualmente ha mostrato la stessa mancanza di differenziazione per questi indicatori dell'anomalia fetale.

C'erano 54 perdite iniziali di gravidanza in tutto, con 36 che accadono prima di doppia prova, 15 fra la doppia prova e la scansione nuchal della traslucidità e tre diagnosticati ai tempi della scansione.

Delle 30 prove positive, soltanto due donne hanno avute una perdita di gravidanza, mentre 27 donne con i titoli di zona positiva o grigia hanno avute gravidanze in corso. Fra il gruppo 1, i sintomi COVID-19 sono stati riferiti più significativamente dalle donne con la zona grigia che con i titoli negativi, con le probabilità che sono quasi quintuple per il precedente. Tuttavia, questo non è stato veduto quando confronta le donne che hanno avute positivo con coloro che ha avuto titoli negativi dell'anticorpo.

Questi risultati indicano che il test sierologico nelle guide di gravidanza identifica le infezioni passate come pure designare i gruppi ad alto rischio. Tuttavia, lo studio corrente indica che l'infezione di primo acetonide COVID-19 non aumenta il rischio di infezione severa. Ciò conferma i risultati dagli studi sulle donne incinte nel terzo acetonide, da Wuhan.

Limitazioni ed implicazioni possibili

Le limitazioni dello studio comprendono la mediana normale BMI, con quasi nessuno delle donne che sono fumatori. Ciò potrebbe piombo per abbassare il generalizability dei risultati alle donne che fumano o sono di peso eccessivo e sono quindi più probabili avere malattie di stile di vita. Questi sono fattori conosciuti per l'infezione più severa COVID-19 e lo studio non indirizza il rischio per i risultati fetali più avversi con la malattia più severa.

Il seroprevalence basso in Danimarca, a circa 1,1%, il 23 maggio 2020, ha potuto essere dovuto le restrizioni generali di mobilità ed altre misure applicate presto dal governo danese nel corso dell'epidemia. Inoltre, le donne incinte stavano ancor più attento probabile ad evitare acquistare il virus, anche prima dell'auto-isolato ufficiale delle istruzioni di governo.

Lo studio conclude, “non abbiamo trovato un più alto spessore nuchal mediano della traslucidità alla scansione di primo acetonide fra le donne con gli anticorpi positivi di SARS-CoV-2 IgM o di IgG che fra le donne senza anticorpi SARS-CoV-2. Le donne con gli anticorpi SARS-CoV-2 non sono state sovrarappresentate fra le donne con perdita di gravidanza prima di doppia prova.„

Per capire l'impatto di COVID-19 più tardi nella gravidanza, gli studi più sierologici saranno necessari da emanare le migliori linee guida per pratica clinica come pure da limitare le interazioni sociali delle donne incinte nell'era COVID-19.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, June 10). Infezione materna SARS-CoV-2 non nociva nelle prime gravidanze di acetonide. News-Medical. Retrieved on August 05, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20200610/Maternal-SARS-CoV-2-infection-not-harmful-in-first-trimester-pregnancies.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Infezione materna SARS-CoV-2 non nociva nelle prime gravidanze di acetonide". News-Medical. 05 August 2020. <https://www.news-medical.net/news/20200610/Maternal-SARS-CoV-2-infection-not-harmful-in-first-trimester-pregnancies.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Infezione materna SARS-CoV-2 non nociva nelle prime gravidanze di acetonide". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200610/Maternal-SARS-CoV-2-infection-not-harmful-in-first-trimester-pregnancies.aspx. (accessed August 05, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Infezione materna SARS-CoV-2 non nociva nelle prime gravidanze di acetonide. News-Medical, viewed 05 August 2020, https://www.news-medical.net/news/20200610/Maternal-SARS-CoV-2-infection-not-harmful-in-first-trimester-pregnancies.aspx.