Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti di guide di telemedicina con dolore cronico ricevono il supporto durante il lockdown

La pandemia covid-19 ha esacerbato i termini per la gente che vive con il dolore cronico intorno al mondo e le sue conseguenze a lungo termine sono probabili essere sostanziali, secondo un nuovo documento dai ricercatori all'università di centro del bagno per la ricerca di dolore.

Il loro esame attuale, pubblicato recentemente nel DOLORE del giornale, suggerisce che con molti medici che si specializzano nel dolore che è reimpiegato per mettere a fuoco sulla crisi immediata, l'accesso ai servizi tradizionali per i pazienti che soffrono dai termini acuti, quali danno del nervo o l'artrite, sia stato interrotto severamente. Mentre questo crea una sfida immediata della capacità per i professionisti di sanità, egualmente ha fornito loro un'opportunità di avanzare verso il maggior uso “di telemedicina„ con consultazione online, dice i ricercatori.

Il dolore cronico o persistente è caratterizzato come dolore che continua per più lungamente di 12 settimane malgrado il farmaco o il trattamento. Considerando che la maggior parte della gente ottiene indietro al normale che segue una lesione o un'operazione, a volte il dolore continua per più lungamente, o accende senza alcuna cronologia di una lesione o di un'operazione. Gli esempi comuni comprendono il dolore lombo-sacrale, l'artrite, la fibromialgia e le emicranie persistenti e frequenti. Globalmente il carico di dolore cronico è alto quanto 1 in 4 degli adulti. I dati dai giovani sono simili.

Per quelli soffrire, fin qui, l'accesso ai professionisti di sanità che possono consigliare su terapia fisica, su contributo psicologico, o sulle prescrizioni agli antidolorifici, ha contato molto sulle consultazioni faccia a faccia. Con lo spostamento recente verso le piattaforme online di comunicazione di Web nella conduzione delle molte delle nostre interazioni quotidiane, i ricercatori vedono una possibilità per permettere all'accesso vitale ai servizi per volta della crisi.

Il gruppo dall'università sta lavorando con i fornitori di cure mediche localmente, nazionalmente ed internazionalmente quanto sul più bene gestire quel trattamento e supportare i pazienti.

C'è chiaramente un'opportunità di riformare come le consultazioni per i pazienti con dolore cronico sono consegnate con le nuove piattaforme e tecnologie online. Ciò è venuto alla parte anteriore come conseguenza di covid-19, la sfida che immediata di salute pubblica stiamo affrontando e che gli spostamenti bruschi abbiamo veduto nella gente che adotta i nuovi modi di lavoro e di interazione. Applicando la telemedicina alla pratica, a cui il nostro gruppo al bagno ha assistito, ha permesso a medici di tenere le loro porte aperte, in un modo virtuale, ai pazienti che sono disperatamente necessitante guida e supporto. Sta avendo impatti importanti.„

Il professor Christopher Eccleston, il professor di psicologia medica e Direttore del centro per ricerca di dolore all'università di bagno

Tuttavia, il professor Eccleston e gruppo sostenga che la più vasta applicazione di telemedicina è complessa ed ora richiede ulteriore ricerca in particolare circa come può essere meglio coordinato, di supporto finanziariamente ed integrato con pratica tradizionale.

Aggiunge: “La pratica cambiante in così modo non pianificato avrà conseguenze positive e negative, molte impreviste. I sistemi possono stabilire le norme che possono permettere loro di sorvegliare, riflettere e catturare il paziente importante e risultati e prospettive del fornitore. Quando veniamo a riprogettare i servizi dopo la pandemia, dovremo condividere quell'esperienza ed usarlo per imparare che impianti, modificare che cosa non lavora e sviluppare i nuovi modelli di cura per la gente che vive con il dolore cronico.„

Source:
Journal reference:

Eccleston, C., et al. (2020) Managing patients with chronic pain during the COVID-19 outbreak: considerations for the rapid introduction of remotely supported (eHealth) pain management services. Pain. doi.org/10.1097/j.pain.0000000000001885.