Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra come combinare due droghe può essere un efficace trattamento per HLH

Gli scienziati all'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude, agli ospedali pediatrici di UCSF Benioff ed all'istituto universitario di Baylor di medicina stanno studiando come al lymphohistiocytosis hemophagocytic del migliore ossequio (HLH), un disturbo immunitario raro. Il loro lavoro, comparente oggi come pubblicazione online di avanzamento nel sangue, dettagli come combinare due droghe può essere un buon trattamento per HLH.

Per i 20 anni ultimi, il trattamento per HLH è rimanere una combinazione del dexamethasone e del etoposide delle droghe. Ma sappiamo che molti pazienti non rispondono a questo regime o ricaduta successiva, in modo da abbiamo scavato nella biologia per fornire una strategia differente del trattamento.„

Kim Nichols, M.D., autore co-senior di oncologia della st Jude

In HLH, il sistema immunitario è sovra-attivato e le celle immuni producono le citochine, che sono prodotti chimici scaricati nella circolazione sanguigna per provare a reclutare ed attivare le celle immuni supplementari. I pazienti con HLH possono avvertire una sindrome della tempesta di citochina dove tante citochine iniziano la circolazione quella essi alimentano sopra se stessi più ulteriormente per determinare l'attivazione immune.

Ci sono parecchie citochine elevate nei pazienti di HLH. Alcune di queste citochine legano ai ricevitori sulla superficie delle cellule. Quando quello accade, quei ricevitori reclutano ed attivano le chinasi di Janus (JAKs), che stanno segnalando le molecole.

Una nuova strategia emerge

La ricerca precedente da Nichols ha rivelato che il ruxolitinib dell'inibitore JAK1/2 ha avuto un effetto positivo nei modelli del mouse di HLH. Inibendo la via di JAK/STAT, il ruxolitinib interferisce con la comunicazione di citochina. Nichols ed il suo gruppo hanno voluto capire meglio il meccanismo dietro questo e studiare se qualunque citochina particolare fosse più importante da inibire.

“Abbiamo voluto sapere se c'è ne delle citochine che sono elevate in HLH contribuissero alla resistenza di dexamethasone ed in caso affermativo, se bloccare la segnalazione di queste citochine potrebbe invertire la resistenza del trattamento,„ ha detto co-prima l'autore Katherine Verbist, Ph.D., dell'oncologia della st Jude.

Il lavoro dei ricercatori in linee cellulari e mouse modella risoluto che di tutte le citochine elevate in HLH, l'interleuchina 2 è estremamente importante a determinare la resistenza al dexamethasone. L'interleuchina 2 è prodotta dalle celle di T attivate e promuove la loro sopravvivenza. I ricercatori hanno indicato che bloccando l'effetto dell'interleuchina 2, le celle di T possono ri-essere sensibilizzate a e distruggersi dal dexamethasone.

I ricercatori hanno trovato che la combinazione di dexamethasone e di ruxolitinib era sensibilmente più efficace nell'acquietamento dei segni di HLH nei modelli animali rispetto al trattamento a qualsiasi droga sola. Lo studio fornisce la prova supplementare a supporto che verifica la combinazione con un test clinico.

“Potevamo catturare le lezioni istruite dai nostri studi sulla leucemia pediatrica, che egualmente è trattata spesso con il dexamethasone ed applicarli al nostro studio delle citochine in HLH,„ ha detto l'autore Michelle co-senior Hermiston, M.D., Ph.D., degli ospedali pediatrici di UCSF Benioff. “Come nella leucemia, potevamo indicare che una segnalazione specifica di citochina con la via di JAK potrebbe promuovere la resistenza al trattamento.„