Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'idrossiclorochina non mostra effetto antivirale su SARS-Cov-2 nei modelli del primate non umano

Uno studio sugli effetti dei macachi di hydroxychloroquinei N infettati con il virus SARS-CoV-2, usato da solo o congiuntamente a azithromycin, è stato prepubblicato sul quadrato della ricerca, dopo la loro osservazione alla natura. Gli scienziati dal CEA, dal Inserm, dal Institut Pasteur, dal Université de Parigi-Saclay, dal Université Claude Bernard Lione 1 e da Aix-Marsiglia Université sono stati coinvolgere nello studio, che è effettuato stato sotto l'egida del consorzio pluridisciplinare, reagire.

Lo studio, lanciato nel febbraio 2020, confronta l'effetto antivirale di idrossiclorochina (HCQ) con il virus SARS-CoV-2 in vivo. Il HCQ è stato amministrato prima dell'infezione, come trattamento profilattico, o nei primi giorni dopo l'infezione per diminuire il caricamento virale. Gli effetti antinfiammatori possibili di HCQ non sono stati provati.

Lo studio in primo luogo dimostra la pertinenza del modello del primate (NHP) non umano. Ciò ha indicato che la malattia osservata in macachi è molto simile alla malattia osservata nella maggior parte dei pazienti COVID-19 che non hanno bisogno dell'ospedalizzazione.

L'uso di un modello animale in questo studio era critico da caratterizzare le farmacocinesi di HCQ, cioè analizzando la concentrazione di HCQ nel sangue e nei tessuti polmonari, che non è fattibile in esseri umani, per assicurarsi che raggiungesse i livelli sufficienti compatibili con quelli richiesti per ottenere un effetto antivirale nelle celle di Vero modelle in vitro.

I risultati principali dello studio sono che HCQ non ha protetto gli animali nella regolazione profilattica e nessuno delle strategie del trattamento di HCQ hanno mostrato tutto l'effetto significativo sui caricamenti virali SARS-CoV-2 una volta confrontate a placebo hanno trattato gli animali.

Questo studio preclinico, complementante gli studi clinici in corso di HCQ, porta i nuovi punti culminanti nella comprensione della patogenesi dell'infezione SARS-CoV-2 e del valore di HCQ per impedire ed il trattamento dell'infezione in esseri umani.

Source: