Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le tasse sugli'alcolici non sono state mai più basse, lo studio dice

L'inflazione ha ridotto dal 1933 le aliquote di imposta di tassa sugli'alcolici americane di 70%, secondo un nuovo studio dal banco di Boston University della salute pubblica (BUSPH) pubblicata nel giornale degli studi sull'alcool e sulle droghe.

Con l'industria dell'alcool che vede il reddito aumentato durante la pandemia COVID-19, è tempo per un aggiornamento?

La crisi di coronavirus ha sferrato un colpo all'economia americana ed ai bilanci pubblici. Ma con i negozi di alcolici designati come commerci essenziali nella maggior parte dei stati e le restrizioni allentate sulla consegna a domicilio dell'alcool e da portar via (e forse anche i cambiamenti di stile di vita ed emozionali di questo tempo senza precedenti), l'industria dell'alcool sta vedendo i guadagni, con le vendite della birra, del vino e del liquore su fino a 53% secondo le figure di Nielsen.

Cioè l'industria dell'alcool sta traendo giovamento dalla pandemia, dice Jason Blanchette, un socio postdottorale nella legge, nella polizza & nella gestione di salubrità a BUSPH.

Prevedo che l'urto pandemico continui, perché è comune per le vendite dell'alcool ad aumento durante i periodi delle difficoltà e dello sforzo economici.„

Jason Blanchette, socio postdottorale nella legge, nella polizza & nella gestione di salubrità a BUSPH

“Perché non dovrebbe l'azione dell'industria dell'alcool nel dolore pandemico?„

Allo stesso tempo, le tasse sugli'alcolici non sono state mai più basse, secondo uno studio piombo da Blanchette.

Il nuovo studio trova che l'inflazione ha ridotto il valore relativo delle tasse sugli'alcolici di 66% per la birra, 71% per vino e 70% per gli alcoolici distillati da quando le tasse americane dell'alcool hanno cominciato nel 1933 al 2018.

Le tasse sugli'alcolici sono aumentato più o meno al passo con inflazione fino al 1970, lo studio mostra, quando i governi hanno cominciato a sollevare la maggior parte dei generi di tasse di meno frequentemente e da di meno. Durante gli anni 70, gli anni 80 e nel presente, le tasse sugli'alcolici sono caduto più ulteriormente e più indietro inflazione.

Ora, affrontando giù gli effetti che COVID-19 avrà sull'economia e sullo stato e sui bilanci federali, Blanchette dice, le tasse sugli'alcolici migliorate potrebbero dare a governi il reddito tanto necessario senza riscuotere le tasse sulle industrie di sofferenza e potrebbero essere strutturate per esentare le barre ed i ristoranti.

Allo stesso tempo, nota, tasse sugli'alcolici lungamente non è riuscito a riguardare i governi della moneta spende sul nuoce a di eccessivo bere.

“L'alcool è rinomato per il costo della moneta di governo, quali per i primi radar-risponditore ed i costi medici per indirizzare violenza domestica,„ Blanchette dice, indicando uno studio che co-ha creato l'anno scorso con il Dott. Timothy Naimi, professore delle scienze di salubrità della comunità a BUSPH e un epidemiologo dell'alcool e del medico al centro medico di Boston. Quello studio ha trovato che le tasse sugli'alcolici dello stato e federali coprono soltanto 25% della somma di denaro spesa dal governo sopra nuoce a dall'alcool.

“Con la gente ha attaccato a casa, sollecitato e senza processi, ora è un buon tempo scoraggiare eccessivo bere con una tassa,„ Blanchette dice.

Per il nuovo studio sulle tasse ed inflazione, Blanchette, Naimi e Dott. Craig Ross, assistente universitario di ricerca di epidemiologia a BUSPH, dati di imposta usata dal sistema di informazione di polizza dell'alcool, istituto pacifico per ricerca e la valutazione, istituto del vino e HeinOnline. Hanno esaminato le aliquote di imposta di tassa statale per la birra, vino ed hanno distillato gli alcoolici dalla conclusione della proibizione nel 1933 su fino al 2018 ed hanno analizzato i valori relativi di queste imposte mentre il dollaro di Stati Uniti si è restretto.

Hanno trovato che il valore medio delle aliquote di imposta realmente è aumentato dal 1933 al 1970, di 28% per la birra, 5% per vino e 8% per gli alcoolici distillati, prima dell'immersione.

Da ora al 2018, l'aliquota di imposta media era $0,31 per gallone della birra, ma la tassa 1933 sarebbe di $0,90 nel 2018 dollari. La tassa essere in media 2018 per gallone degli alcoolici distillati era $4,25, confrontato ad un valore 1933 di $13,95 nel 2018 dollari. E la tassa media su un gallone di vino era nel 2018 $0,86, mentre i 1933 dollari di tariffa nel 2018 erano $2,91.

I ricercatori hanno trovato che soltanto 8% delle tasse sugli'alcolici specifiche nel 2018 ha avuto valori uguali o maggiori che all'inizio. Più di due terzi di queste tasse erano di meno che la metà del valore dell'inizio e 17 stati hanno avuti tasse di birra che erano di meno che un quinto del valore dell'inizio.

La riscossione delle tasse è sempre politicamente difficile, Blanchette dice, “ma il reddito pubblico è male necessario per il nostro miglioramento della situazione economica e l'alcool è uno di quei pochi prodotti non indispensabili che i legislatori possono tassare sicuro durante la pandemia.„

Inoltre, dice, un tal movimento non sarebbe un aumento di imposta così tanto come “adeguamento di inflazione, correggere le riduzioni delle imposte che crescenti l'industria sta ricevendo per 50 anni.„

Source:
Journal reference:

Blanchette, J.G., et al. (2020) The Rise and Fall of Alcohol Excise Taxes in U.S. States, 1933–2018. Journal of Studies on Alcohol and Drugs. doi.org/10.15288/jsad.2020.81.331.