Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova prova ha potuto guidare e migliorare le opzioni del trattamento per le donne con cancro ovarico micidiale

L'università di ricercatori di British Columbia (UBC) piombo un gruppo internazionale nello sviluppare una nuova prova per diagnosticare meglio i tipi differenti di cancri ovarici, uno strumento che potrebbe guida giorna e per migliorare le opzioni del trattamento per le donne diagnosticate con il modulo più comune e più micidiale della malattia.

Lo sviluppo e la convalida della prova sono descritti in un nuovo studio, pubblicato oggi nella ricerca sul cancro clinica, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana. Lo studio--piombo dai ricercatori alla facoltà di UBC di medicina, all'università di New South Wales, all'istituto del Cancro del cacciatore, al centro del Cancro di Peter MacCallum ed alla clinica di Mayo--è una di più grandi indagini del cancro ovarico fin qui, comprendendo i dati compilati da più di 50 istituti di ricerca e facendo partecipare più di 3.800 malati di cancro ovarici universalmente.

“Con questa nuova prova, potremo dare i ricercatori, i clinici ed i pazienti più visione della malattia, in grado di aprire la strada per il trattamento mirato a giù la strada,„ dice l'autore senior dello studio, il Dott. Michael Anglesio, un biologo molecolare, l'assistente universitario nel dipartimento di UBC dell'ostetricia e della ginecologia, il ricercatore all'istituto di ricerca costiero di salubrità di Vancouver (VCHRI) e lo scienziato a OVCARE, B.C. gruppo ginecologico pluridisciplinare di ricerca sul cancro.

La nuova prova, conosciuta come PrOTYPE (preannunciatore del sottotipo molecolare di carcinoma ovarico sieroso di prima scelta), specificamente è destinata per analizzare e classificare il cancro ovarico sieroso di prima scelta, il modulo più comune e più letale di cancro ovarico. I ricercatori principali hanno convalidato BC la prova in laboratori a Cancro ed al policlinico di Vancouver.

Facendo uso di PrOTYPE, i ricercatori ed i clinici potranno egualmente più ulteriormente classificare il tumore di un paziente determinato in uno di quattro sottotipi molecolari conosciuti, ciascuno con le sue funzionalità biologiche distinte ritenute per rispondere diversamente alle opzioni del trattamento.

Ora, i malati di cancro ovarici sierosi di prima scelta tutti sono curati lo stessi, ma conoscendo che sottotipo il loro tumore cade, possiamo cominciare ad esplorare come determinati trattamenti possono provare più utile per i diversi pazienti.„

Dott. Aline Talhouk, l'autore principale dello studio, scienziato di traduzione di dati, assistente universitario nel dipartimento di UBC di ostetricia e ginecologia, ricercatore di VCHRI e scienziato di OVCARE

Prima dello sviluppo di PrOTYPE, subtyping prova usando l'analisi di espressione genica per il cancro ovarico sieroso di prima scelta ha contato sull'aggregazione di grandi gruppi pazienti e sull'esame di tutti geni nel genoma immediatamente -- una situazione che li ha resi poco pratici per uso nelle impostazioni cliniche, dice Anglesio.

“Medici non vederanno mai alcuni cento pazienti camminare attraverso la loro porta della clinica contemporaneamente. Non è appena la realtà,„ dice Anglesio.

Con PrOTYPE, che è stato progettato per uso clinico, una piccola quantità di informazioni--55 geni informativi da un piccolo campione di tessuto--può determinare rapidamente il sottotipo del tumore con più di 95 per cento di accuratezza. I ricercatori egualmente hanno sviluppato uno strumento corrispondente di Web, permettendo ai clinici di stampare fuori un rapporto che può aggiungersi alle registrazioni di un paziente.

“Abbiamo trovato una soluzione a pulsante. Tutto che sia necessario è il tumore dal paziente in questione e un riferimento comune per confrontare i dati a. Prima di questa prova, nessuno potrebbe fare quello,„ dice Anglesio. “Ora abbiamo un modo robusto di capire in cui dei quattro sottotipi un paziente inserisce.„

I ricercatori vedono il grande potenziale per la prova a cura paziente della guida giorna. La prova già sta utilizzanda nei test clinici in corso che studiano se determinati sottotipi sono più sensibili ai trattamenti particolari fra le donne con cancro ovarico sieroso di prima scelta ricorrente.

“Questa prova ha aperto le nuove opportunità ed i viali del trattamento di esplorare. Sarà importante rivalutare le opzioni del trattamento e verificare i nuovi obiettivi a terapeutica alla luce di questa nuova abilità,„ dice Talhouk.

Lo studio ha compreso i contributi significativi dai ricercatori intorno al mondo che fa parte del consorzio ovarico dell'analisi (OTTA) del tessuto tumorale, co-ha fondato dal Dott. David Huntsman, professore di UBC nel dipartimento della medicina del laboratorio & di patologia e dell'ostetricia e della ginecologia, dello scienziato distinto BC a Cancro e del co-fondatore e di Direttore di OVCARE, B.C. del gruppo ginecologico pluridisciplinare di ricerca sul cancro a UBC, di VGH & BC di Cancro. Il gruppo di ricerca di UBC è compreso gli scienziati ospitati all'istituto di ricerca costiero di salubrità di Vancouver, BC istituto di ricerca sul cancro ed istituto di ricerca della salubrità delle donne.

Questa ricerca supporta la visione dell'iniziativa ginecologica del Cancro di fare diminuire l'incidenza, la morte e la sofferenza dai cancri ginecologici vicino dei 50 per cento da ora al 2034.

Source:
Journal reference:

Talhouk, A., et al. (2020) Development and validation of the gene-expression Predictor of high-grade-serous Ovarian carcinoma molecular subTYPE (PrOTYPE). Clinical Cancer Research. doi.org/10.1158/1078-0432.CCR-20-0103.