Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori forniscono all'l'esame basato a prova sulla trasmissione respiratoria COVID-19

In un nuovo articolo, gli scienziati forniscono ad un esame esauriente e basato a prova di come goccioline COVID-19 dalla diffusione infettata dei pazienti attraverso l'aria e descrivono come i professionisti di sanità possono proteggersi.

Questa prospettiva polmonare è pubblicata online nel giornale americano della società toracica americana della medicina respiratoria e critica di cura.

“Nelle tosse e negli starnuti: Il loro ruolo nella trasmissione delle infezioni virali respiratorie, compresi SARS-CoV-2,„ Rajiv Dhand, MD, professore e presidenza, dipartimento di medicina e decano di socio degli affari clinici, scuola post-laurea di University of Tennessee di medicina, con Jie Li, PhD, RRT, il professore associato, il dipartimento dei servizi cardiopolmonari, divisione di cura respiratoria, centro medico di Rush University, descrive i vari tipi e dimensioni di goccioline contenenti virus presenti negli starnuti e nelle tosse, le posizioni negli apparati respiratori dove depositano e come le determinate procedure mediche ed unità possono spargere queste goccioline ed i rischi per i professionisti di sanità.

L'apprensione circa l'uso delle terapie aerosolizzate in pazienti COVID-19 si riferisce al loro potenziale di spandere gli aerosol contagiosi. Le nostre raccomandazioni offrono una prospettiva equilibrata e scientifica sull'uso di tali terapie aerosolizzate in pazienti infettati con SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.„

Rajiv Dhand, MD., il professor e presidenza, dipartimento di medicina, scuola post-laurea di University of Tennessee di medicina

Dhand è egualmente il decano di socio degli affari clinici nella scuola post-laurea di University of Tennessee di medicina

Le particelle sospese nell'aria possono essere prodotte da vario aerosol che genera le procedure (AGPs), quale intubazione suctioning o tracheale come pure dai generatori di aerosol, particolarmente nebulizzatori del jet.

“AGPs quale intubazione, il bronchoscopy, la fisioterapia e suctioning generano i bioaerosols contagiosi potenziali provocando le tosse e sono associati con i gradi di infezione aumentati fra gli impiegati che lavorano nella sanità,„ ha indicato gli autori.

“Al contrario, AGPs quale l'ossigenoterapia, l'uso della cannula nasale umidificata di alto-flusso, la ventilazione non invadente e la ventilazione manuale via la maschera sono di meno circa “la generazione„ dei bioaerosols e più circa gli aerosol “di dispersione„ più lontano dal paziente.„

DRS. Dhand e Li hanno notato che la prova che collega AGPs alla diffusione delle infezioni virali è limitata dallo scarsa qualità degli studi su questo argomento.

Egualmente hanno notato che gli aerosol prodotti dai generatori di aerosol medici non contengono gli agenti patogeni a meno che l'unità dell'aerosol fosse contaminata.

Gli autori fanno una serie di raccomandazioni per la diminuzione della trasmissione delle infezioni delle vie respiratorie, che sono coerenti con le linee guida dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Includono (vedi per favore l'articolo per più dettaglio):

  • Eviti le procedure che irritano le gallerie di ventilazione e provocano la tosse e la prova violente per diminuire l'esposizione ad aerosol contagioso.
  • Se possibile, i fornitori di cure mediche dovrebbero restare sei piedi a partire dai pazienti infettati, particolarmente quando il paziente è tossente o starnutente.
  • Nel per mezzo di un ventilatore meccanico, istituisca le barriere per filtrare il virus o per diminuire la dispersione del virus collocando un filtro alla porta di esalazione del ventilatore o connettendo un filtro alla maschera di ossigeno.
  • Per i pazienti spontaneamente respiranti, collocare una maschera chirurgica sulla fronte di taglio del paziente o usando il tessuto per coprire la sua bocca, particolarmente durante la tosse, starnutendo o parlando, può diminuire la distanza della dispersione o il caricamento virale.
  • Occupi il PPE per i fornitori di cure mediche.
  • Mentre, idealmente, i pazienti infettati dovrebbero essere nelle camere singole impedire la dispersione della gocciolina, è accettabile per due pazienti con la stessa infezione che è sparsa dalle goccioline respiratorie per essere nella stessa stanza.

Il Dott. Dhand conclusivo, “tossisce e gli starnuti creano le goccioline respiratorie della dimensione variabile che spargono le infezioni virali respiratorie. Poiché queste goccioline validamente sono espelse, sono disperse nell'ambiente e possono essere esalate da un host suscettibile.

Mentre la maggior parte delle goccioline respiratorie sono filtrate dal radiatore anteriore o dal deposito nell'orofaringe, i più piccoli nuclei della gocciolina sono sospesi in aria della stanza e le persone più lontano a partire dal paziente possono inalarle.

Queste particelle più fini sono portate dalla corrente d'aria nei polmoni, in cui il loro sito del deposito dipende dalla loro dimensione e forma ed è governato dai vari meccanismi.

La trasmissione respiratoria del virus SARS-CoV-2 che causa COVID-19 è pricipalmente dalle goccioline respiratorie. I provvedimenti cautelari appropriati sono necessari da impedire la trasmissione del virus in varie impostazioni.„

Source:
Journal reference:

Dhand, R & Li, J (2020) Coughs and Sneezes: Their Role in Transmission of Respiratory Viral Infections, Including SARS-CoV-2. American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. doi.org/10.1164/rccm.202004-1263PP.