Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Paradosso SARS-CoV-2: Abbassi il tasso di mortalità durante le fasi iniziali della pandemia

Un'analisi dei tassi di mortalità settimanali nazionali in mezzo dicembre 2019-marzo 2020, confrontata allo stesso periodo per i cinque anni precedenti, dai ricercatori a WMG e a WMS, università di Warwick, ha indicato che ci sono stati meno morti registrate questo anno durante il portare alla pandemia Covid-19. I ricercatori hanno chiamato questo SARS-CoV-2 il paradosso - in grado di essere dovuto il sociale in anticipo che distanzia le misure.

I ricercatori dall'istituto della sanità di Digital, di WMG e della facoltà di medicina di Warwick, all'università di Warwick, hanno analizzato le statistiche della mortalità nel Regno Unito durante le fasi iniziali della pandemia respiratoria acuta severa di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) per capire l'impatto della pandemia sui dati nazionali della mortalità.

Hanno fatto questo effettuando un esame retrospettivo delle statistiche nazionali settimanali della mortalità nel Regno Unito nel corso dei 5 anni precedenti, compreso la valutazione del sottogruppo dei tassi di mortalità respiratori, da novembre fino alla fine di marzo.

L'analisi ha trovato che durante i primi mesi di 2020, quando le fasi in anticipo della pandemia respiratoria acuta severa di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) erano evidenti nel Regno Unito, c'erano coerente meno morti che ogni settimana ha paragonato ai cinque anni precedenti.

Tuttavia, un tal reticolo non è stato veduto durante i cinque anni precedenti di dati, i ricercatori hanno punzonato questo il paradosso SARS-CoV-2 e che propongono che la ragione per la quale il tasso di mortalità era più basso durante le fasi iniziali della pandemia rispetto agli anni prima potrebbero essere dovuto distanziare sociale, come mentre il governo ha applicato il sociale che distanzia verso la metà di marzo, alcuni già si erano impegnati con questo, particolarmente gruppi di elevato rischio/anziani, piombo ad una riduzione della mescolanza di quelle con le malattie infettive compreso, ma non esclusivo di, SARS-CoV-2.

Potrebbe anche essere dovuto l'importanza sottolineata delle mani di lavaggio, restante domestica quando ritenete indisposto e tossente o starnutente in un tessuto, questo è probabile diminuire il numero dei casi dell'altra malattia infettiva e, anche, rallentare la diffusione di varie malattie infettive. Per concludere, la mortalità iatrogenica può essere diminuita, poichè i numeri di ricovero ospedaliero hanno diminuito; e ci può così essere una riduzione della diffusione delle infezioni ospedale-acquistate, quale lo staphylococcus aureus meticillina-resistente (MRSA). Similmente, le riduzioni in ambulatorio elettivo (per preparare terapia intensiva e capacità del letto di ospedale) possono provocare meno morti iatrogeniche.

Il grafico mostra la settimana 12, il 20 marzo là era un aumento nelle morti, con 2020 morti che sono 10.645 e una media precedente di 5 anni essere 10.573, questo potrebbe essere collegato con covid-19, poichè i sintomi quali le emicranie e la perdita di gusto non sono stati identificati, comunque potrebbe anche essere attribuita ai GPs chiusi, ad un A&E enorme e a ITUs che sono sempre più selettivi circa quali pazienti da catturare come lockdown è stato annunciato formalmente che settimana.

Ogni anno, le malattie infettive danno un contributo significativo verso le morti evitabili in Inghilterra e Galles. La gente con le multi-morbosità è al rischio particolare e questo è un campo di ricerca chiave per l'istituto della sanità di Digital. Il sociale che distanzia le misure è probabile urtare la diffusione di tutte le malattie infettive, malgrado il loro obiettivo che è una riduzione della diffusione del virus SARS-CoV-2. Questa mancanza di diffusione di malattia ha potuto causare una riduzione del tasso di mortalità. Un altro fattore potrebbe essere preoccupazioni intorno al virus, in grado di significare che la gente sta prendendo le decisioni più coscienti di salubrità in termini di cibo, esercizio, diminuendo il fumo ed il riposo, quando ritengono indisposte, o il consiglio di ricerca da 111 circa i loro sintomi.

È importante notare quello mentre abbiamo veduto una riduzione della mortalità “nella rincorsa„ a vedere le dimensioni complete di SARS-CoV-2 che questo può anche avere conseguenze future negative. È possibile che possiamo vedere un rimbalzo significativo se questa mortalità è stata ritardata semplicemente piuttosto di quanto evitata nella sua totalità. Se un'influenza di rimbalzo è veduta, questa può coincidere con la domanda di punta dei letti medici SARS-CoV-2, creante un bisogno ancora maggior di sanità.

In generale, questo sottolinea la necessità dell'osservazione e della prospezione in corso attente di queste tendenze della mortalità. Questa valutazione deve tenere conto non appena del picco SARS-CoV-2, ma anche il periodo di tempo prima di e dopo la pandemia.„

Il professor Theo Arvanitis, istituto della sanità a WMG, università di Warwick di Digital

Source:
Journal reference:

Harrison, G., et al. (2020) Mortality statistics in England and Wales: the SARS-CoV-2 paradox. Journal of International Medical Research. doi.org/10.1177/0300060520931298.