Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il blocco del paio delle proteine ditrasporto altera la crescita del tumore del polmone

Il blocco del paio delle proteine ditrasporto può essere un approccio utile del trattamento per il cancro polmonare, suggerisce un nuovo studio in mouse e cellule umane pubblicati oggi nel eLife.

Le cellule tumorali usano molto zucchero per rifornire la loro crescita rapida di combustibile e per spargersi. Ciò piombo gli scienziati studiare la possibilità di tagliare la loro fornitura di zucchero come modo trattare il cancro. Lo studio corrente suggerisce che questo potrebbe essere un efficace approccio ma sarà necessario da bloccare le vie multiple immediatamente per essere efficace.

Le proteine hanno chiamato lo zucchero dell'offerta dei trasportatori del glucosio alle celle che rendono loro un obiettivo supplichevole per le terapie progettate per morire di fame le cellule tumorali. Ma gli scienziati non conoscono i migliori modi fare questo, o se le cellule tumorali passassero appena alle sorgenti del combustibile alternativo se sono negate lo zucchero.

L'uso d'inibizione dello zucchero nei tumori del polmone potrebbe essere una strategia efficiente del trattamento, ma se i trasportatori del glucosio dovrebbero essere mirati a e quale all'obiettivo rimane poco chiaro.„

Caroline Contat, autore principale, Ph.D. Student ed assistente di laurea all'istituto svizzero per ricerca sul cancro sperimentale, EPFL, Losanna, Svizzera

Per scoprire, Contat ed i suoi colleghi geneticamente hanno costruito i mouse con il cancro polmonare che stavano mancando una proteina di trasporto del glucosio Glut1 chiamato o un trasportatore alterno dello zucchero ha chiamato Glut3. Il gruppo ha trovato che i tumori si sono sviluppati appena come velocemente nei mouse che mancano di Glut1 o di Glut3 come hanno fatto in mouse con entrambi i trasportatori.

Tuttavia, quando geneticamente hanno costruito i mouse con il cancro polmonare che mancano sia di Glut1 che di Glut3, hanno trovato che gli animali hanno coltivato meno tumori e sono sopravvissuto a più lungamente. Usando una tecnologia dell'immagine ha chiamato la tomografia a emissione di positroni (PET) e lo zucchero contrassegnato con i tag radioattivi, il gruppo ha confermato che i tumori hanno usato il meno zucchero. Le celle del tumore egualmente si sono sviluppate più lentamente.

Per concludere, hanno cancellato Glut1 e Glut3 in quattro linee cellulari umane differenti del cancro polmonare sviluppate in laboratorio, che ha indotto queste celle a svilupparsi più lentamente. “Questi esperimenti suggeriscono che Glut1 e Glut3 siano insieme necessari rifornire la crescita di combustibile del cancro polmonare,„ Contat dice.

Facendo uso della rappresentazione del nanoscale studia, il gruppo egualmente ha trovato che la maggior parte della biomassa zucchero-derivata in celle del tumore del polmone del mouse si accumula in compartimenti cellulari chiamati enti lamellari e che Glut1 è necessario per questo stoccaggio di combustibile.

“Mentre più studi di questi compartimenti di stoccaggio di combustibile del tumore sono necessari, i nostri risultati indicano un nuovo approccio a trattamento del cancro del polmone che mette a fuoco sulle celle affamate del tumore di energia,„ dice l'autore Etienne senior Meylan, assistente universitario all'istituto svizzero per ricerca sul cancro sperimentale, EPFL. “In particolare, i trattamenti che bloccano simultaneamente Glut1 e Glut3 saranno necessari da contribuire a fermare la crescita del tumore del polmone.„

Source:
Journal reference:

Contat, C., et al. (2020) Combined deletion of Glut1 and Glut3 impairs lung adenocarcinoma growth. eLife. doi.org/10.7554/eLife.53618.