Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'aumento nel comportamento sedentario può contribuire a deterioramento cardiovascolare di salubrità

Gli effetti secondari avversi delle misure sociali di isolamento applicate per combattere COVID-19 comprendono un aumento nel comportamento sedentario e nell'inattività fisica, che possono contribuire ad un deterioramento nella salubrità cardiovascolare anche a breve termine. La gente più anziana e la gente con le malattie croniche tendono ad essere più commoventi.

L'avviso viene da una recensione pubblicata nel giornale americano della fisiologia dai ricercatori all'università di facoltà di medicina di São Paulo (FM-USP) nel Brasile. Secondo gli autori, la radiodiffusione “pantofolaia„ di slogan dai governi ed i capi ispettori sanitari è indiscutibilmente validi in circostanze attuali ma dovrebbero essere accoppiati con un altro: “Non resti ancora.„

“Dovete almeno 150 minuti del moderato ad attività fisica vigorosa alla settimana essere considerato attivo dall'organizzazione mondiale della sanità [WHO] e dalle associazioni mediche. Le palestre, i centri di forma fisica e gli impianti sportivi saranno aperti in misura limitata nei prossimi mesi, anche dopo che le misure di quarantena e di relegazione sono sollevate. L'attività fisica nella casa è un'alternativa proficua,„ ha detto Tiago Peçanha, primo autore dell'articolo. Peçanha ha una borsa postdottorale della ricerca da FAPESP.

L'articolo esamina la letteratura scientifica per compilare la prova per gli effetti dei corti periodi di inattività fisica sull'apparato cardiovascolare. Alcuni degli studi citati mostrano che quello fra una e quattro settimane di riposo a letto può piombo ad atrofia cardiaca ed alla limitazione significativa dei vasi sanguigni periferici. Peçanha ha sollecitato che questo è un modello aggressivo e non riflette che cosa accade durante relegazione o la quarantena sociale. “Tuttavia, altri esperimenti esaminati nell'articolo sono una buona corrispondenza,„ ha detto.

In uno di questi esperimenti, i volontari sono stati chiesti di diminuire la loro attività fisica in modo che intraprendessero meno di 5.000 azione in una settimana invece di più di 10.000 punti come di consueto. Alla conclusione del periodo, i ricercatori hanno osservato una riduzione del diametro dell'arteria brachiale (il vaso sanguigno principale nel braccio), della perdita di elasticità del vaso sanguigno e del danneggiamento dell'endotelio (il rivestimento interno delle cellule di tutti i filoni ed arterie).

In altri esperimenti, i volontari sono restato messi per i periodi che variano fra tre e sei ore. Questa quantità di inattività era sufficiente per causare le alterazioni vascolari, un aumento negli indicatori di infiammazione e un aumento in zucchero di sangue postprandiale.

“Questo primo gruppo di alterazioni osservate negli studi riguarda funzionalità. In volontari sani, il cuore ed i vasi sanguigni funzionano diversamente in risposta ad inattività,„ Peçanha ha detto. “In un periodo di inattività esteso, le alterazioni tendono a diventare strutturali e sono più dure da invertire.„

L'inattività prolungata è particolarmente nociva per la gente con le malattie cardiovascolari ed altri problemi sanitari cronici, quali il diabete, l'ipertensione, l'obesità o il cancro. In gente più anziana, può anche aggravare la perdita di massa del muscolo (sarcopenia) ed aumentare il rischio di cadute, di fratture e di altre lesioni. Il gruppo di FM-USP recentemente ha pubblicato un articolo su questo argomento nel giornale della società americana della geriatria.

“Questi gruppi che sono più vulnerabili agli effetti di inattività sono egualmente gruppi ad alto rischio per COVID-19 e resteranno a casa per i mesi. Nel migliore dei casi, dovrebbero trovare i modi di restare attivi, come fare i lavori domestici, andando su e giù le scale, facendo bruscamente le passeggiate, giocando con i bambini, o ballando nel salone,„ Peçanha ha detto. “La prova scientifica mostra che quello ottenere l'esercizio nella casa è sicuro e efficacemente aiuta la pressione sanguigna di controllo, diminuisce i lipidi di sangue e migliora la composizione corporea, la qualità di vita ed il sonno.„

Per i gruppi ad alto rischio, particolarmente la gente che non è abituale attivo, Peçanha raccomanda il controllo dai professionisti del settore medico-sanitario, che possono essere eseguiti a distanza facendo uso delle macchine fotografiche, dei apps dello smartphone e di altri apparecchi elettronici. “Gli studi lo mostrano che un ambiente online che favorisce il supporto e l'interazione sociali tende a motivare la gente per tenere la misura,„ hanno detto.

Nuova prova

I dati hanno pubblicato negli ultimi mesi dalle società che vendono gli smartwatches e l'esercizio che tiene la carreggiata i apps suggerisce che il numero delle misure quotidiane catturate dagli utenti dall'inizio di relegazione fosse caduto.

“Per esempio, i dati dei presente del blog di Fitbit per 30 milione utenti che mostrano un declino 7%-38% al punto quotidiano contano durante la settimana che cessa il 22 marzo,„ Peçanha ha detto. “Nel Brasile, un'indagine di Internet da Raphael Ritti-Dias che comprende oltre 2.000 volontari ha mostrato più di 60% dicendo che hanno diminuito la loro attività fisica dopo l'inizio di relegazione o del lockdown. Tutta questa prova è preliminare, ma gli studi sono in corso misurare gli effetti su salubrità di inattività fisica durante le restrizioni sociali.„

Uno di questi studia sta conducendo a FM-USP come componente del progetto tematico “che diminuisce il tempo sedentario in popolazioni cliniche: la presa un supporto per lo studio di salubrità„. Il ricercatore principale è Bruno Gualano, un co-author del giornale americano dell'articolo della fisiologia.

“Stiamo lavorando con i gruppi clinici connessi con il progetto tematico, quali le donne con l'artrite reumatoide, i pazienti presentati ad ambulatorio bariatric e gli oggetti anziani con danno conoscitivo delicato. Sono incoraggiati a catturare più esercizio sotto forma di attività quotidiane come la camminata il cane o scendere gli arresti del bus due prima della loro destinazione. Gli effetti sulla loro salubrità stanno studiandi,„ Peçanha ha detto.

Poiché l'entrata in vigore delle restrizioni sociali per contenere la pandemia, i ricercatori ha riflesso più molto attentamente un gruppo di pazienti femminili di artrite reumatoide per misurare il loro livello di attività fisica e per paragonarla al livello pre-pandemico. “I pazienti stanno indossando gli accelerometri [apparecchi elettronici che misurano l'attività fisica e la distanza coperte in un periodo dell'insieme] a casa,„ Peçanha ha detto. “Le chiamiamo frequentemente per chiedere notizie su qualità di vita e per essere a dieta. Alcuni ricercatori li visualizzano a casa per misurare il peso corporeo, la composizione corporea e la pressione sanguigna e per prelevare i campioni di sangue.„

La metà dei volontari sarà incoraggiata a esercitarsi a casa. “Invieremo gli obiettivi, le istruzioni ed i messaggi di testo quotidiani. All'estremità, confronteremo i due gruppi ed analizzare le differenze,„ ha detto.

Source:
Journal reference:

Peçanha, T., et al. (2020) Social isolation during the COVID-19 pandemic can increase physical inactivity and the global burden of cardiovascular disease. American Journal of Physiology. doi.org/10.1152/ajpheart.00268.2020.