Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova il punto di ingresso per la limitazione dell'evoluzione di resistenza a antibiotici

Il gruppo del professor Tobias Bollenbach dall'istituto per fisica biologica all'università di Colonia ha pubblicato uno studio su un nuovo approccio a migliorare l'efficacia degli antibiotici nelle infezioni batteriche. L'evoluzione del laboratorio di parallela di studio “altamente rivela che l'epistasi può porre freno l'evoluzione di resistenza a antibiotici,„ sui modi a resistenza a antibiotici gestente con le interazioni mirate a del gene è comparso “nelle comunicazioni della natura„.

Abbiamo voluto sapere le malattie genetiche nel batterio Escherichia coli interagiscono con l'adattamento evolutivo successivo alla droga.„

Il professor Tobias Bollenbach, istituto per fisica biologica, università di Colonia

Il ricercatore di laurea Marta Lukačišinová ha sviluppato una piattaforma robot insieme a Bollenbach ed il tecnico Booshini Fernando con cui i centinaia di popolazioni geneticamente alterate di Escherichia coli potrebbero essere creati simultaneamente ed il corso della loro evoluzione esaminatrice.

“Il nostro risultato più importante era che abbiamo trovato un punto di ingresso per la soppressione dello sviluppo spontaneo della resistenza alla droga amministrata,„ Lukačišinová ha aggiunto.

Inizialmente, il gruppo ha identificato un reticolo prototipo nello sviluppo della resistenza: Quei ceppi batterici che inizialmente hanno reagito più sensibile alle droghe hanno sviluppato una maggior resistenza alla droga nel corso dell'esperimento evolutivo. Tuttavia, i ricercatori erano particolarmente interessati nelle circostanze nell'ambito di cui questo reticolo è rotto e virtualmente nessuna resistenza si sviluppa. Lo studio ha indicato che questo accade quando il batterio esibisce determinati disordini funzionali. I ricercatori hanno identificato le aree del trasporto e dei chaperon della membrana, che svolgono un ruolo decisivo nella produzione senza errori delle proteine. Se queste funzioni non sono completamente intatte nel batterio, un antibiotico può attaccare queste aree molto più efficacemente e migliorare la sua efficacia a lungo termine. In futuro, questi obiettivi molecolari possono contribuire a migliorare gli antibiotici.

Come testa “della fisica biologica e del gruppo di ricerca di biologia di sistemi„ all'università di Colonia, Tobias Bollenbach sta studiando i nuovi modi minimizzare o persino impedire lo sviluppo di farmacoresistenza.

Source:
Journal reference:

Lukačišinová, M., et al. (2020) Highly parallel lab evolution reveals that epistasis can curb the evolution of antibiotic resistance. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-16932-z.