Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le modifiche del proteina tau possono essere collegate ad eterogeneità nel morbo di Alzheimer

Un nuovo studio rivela una ragione biologica possibile per cui il morbo di Alzheimer (AD) progredisce alle tariffe differenti in pazienti differenti.

Lo studio, che piombo dai ricercatori del policlinico di Massachusetts, ha messo a fuoco sulla tau, una proteina trovata nei grovigli neurofibrillary nel cervello che sono un segno ben noto dell'ANNUNCIO.

La tau può subire varie modifiche nel corso della malattia compreso i phosphorylations. I ricercatori hanno trovato che la presenza di moduli differenti della tau fosforilata potrebbe spiegare perché la malattia ha effetti variabili.

L'autore principale dello studio è Simon Dujardin, il PhD, ricercatore post-dottorato a generale di massa.

I medici lungamente hanno saputo che, dal paziente al paziente, ci può provenire la variazione sostanziale nella presentazione clinica del morbo di Alzheimer, compreso l'età dell'inizio, la tariffa del declino di memoria ed altre misure cliniche.

Inoltre, i livelli elevati della tau patologica nel cervello sono associati con la malattia più severa. Tuttavia, ci sono poche bugne quanto a che cosa causa questa variazione fra i pazienti.

Questo gruppo ha studiato i campioni da 32 pazienti che sono stati diagnosticati con che cosa è considerato “ANNUNCIO tipico„ mentre vive e quella diagnosi è stata confermata dopo la morte.

L'età alla diagnosi e la tariffa della progressione di malattia hanno variato contrassegnato fra questi pazienti.

Più dettagli circa lo studio

I ricercatori egualmente hanno condotto una caratterizzazione approfondita delle funzionalità molecolari dei proteina tau all'interno dei cervelli di questi pazienti.

Ciò ha compreso i livelli di specie differenti di tau, capacità della tau indurre l'aggregazione (anche chiamata seminare) come pure la presenza di modifiche post-di traduzione specifiche facendo uso di biochimico, analisi di bioattività e biofisiche come pure tecniche avanzate di spettrometria di massa, lavoranti con i gruppi all'ospedale pediatrico, Boston e Merck.

I ricercatori hanno trovato d'importanza la variazione “di direzione„ in presenza degli oligomeri fosforilati di tau che si associa con la maggior diffusione di tau e, della malattia peggiore.

Le modifiche specifiche differenti sono state associate con differenti gradi di tariffa di progressione e della severità.

Considerevolmente, queste caratteristiche molecolari specifiche piombo al riconoscimento variabile dagli anticorpi che corrente stanno considerandi per l'ottimizzazione terapeutica dei proteina tau in ANNUNCIO e nelle malattie associate.

Speculiamo che ci sono “driver„ molecolari differenti della progressione di Alzheimer, con ogni paziente che ha loro proprio insieme di questi. Ciò è simile a cui vediamo nel cancro, in cui ci sono parecchi tipi di polmoni o cancro al seno, per esempio ed il trattamento dipende dai driver molecolari particolari nel tumore del paziente.„

Bradley Hyman, MD, PhD, autore senior del rapporto e Direttore del centro di ricerca del morbo di Alzheimer al generale Institute di Massachusetts per la malattia di Neurodegenerative (MENTE)

Ciò era un'multi-istituzione, una collaborazione inter-disciplinare fra i clinici, i neuroscenziati ed i neuropathologists. Il gruppo ha incluso Judith Steen, PhD, professore associato alla facoltà di medicina di Harvard ed a Direttore del laboratorio di Neuroproteomics nel centro di F.M. Kirby la Neuroscience all'ospedale pediatrico di Boston come pure Matthew Kennedy, PhD, del dipartimento della neuroscienza, Merck & Co.

Source:
Journal reference:

Dujardin, S., et al. (2020) Tau molecular diversity contributes to clinical heterogeneity in Alzheimer’s disease. Nature Medicine. doi.org/10.1038/s41591-020-0938-9.