Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I trattamenti del cancro comuni non peggiorano COVID-19 l'infezione, ritrovamenti di studio

Sfondo: La caratterizzazione di COVID-19 in pazienti con cancro rimane limitata negli studi pubblicati e nelle analisi nazionali di sorveglianza. I rapporti dalla Cina e dall'Italia hanno sollevato la possibilità che i pazienti con cancro sulla terapia attiva hanno un elevato rischio degli eventi severi riferiti COVID-19, sebbene ci fosse uno spazio di conoscenza quanto a cui aspetti di cancro e del suo aumento di trattamento il rischio di malattia severa COVID-19.

Un gruppo dei ricercatori al centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering (MSK) riferito sull'epidemiologia della malattia COVID-19 sperimentata ad un centro NSC-designato del cancro all'apice di pandemia in New York.

Riga inferiore: Secondo un nuovo studio da Sloan commemorativo Kettering ha pubblicato il 24 giugno nella medicina della natura, pazienti nel trattamento del cancro attivo che sviluppano l'infezione COVID-19 non vanno affatto peggio che altri pazienti ospedalizzati. Considerevolmente, la malattia metastatica, la chemioterapia recente, o l'ambulatorio principale nei 30 giorni precedenti non hanno mostrato un'associazione significativa con l'ospedalizzazione o la malattia respiratoria severa dovuto COVID-19. I ricercatori dicono che i loro risultati suggeriscono che nessuno dovrebbe ritardare il trattamento del cancro a causa delle preoccupazioni circa il virus.

Osservazioni dell'autore: “Se siete un oncologo e state provando a capire se dare a pazienti la chemioterapia, o se siete un paziente che ha bisogno del trattamento, questi risultati dovrebbero molto rassicurare,„ dice Ying Taur, il MD, il PhD, uno specialista della malattia infettiva a MSK.

Il corso e lo spettro clinico di questa malattia ancora completamente non è capito e questo è appena uno di molti studi che dovranno essere fatti sulle connessioni fra cancro e COVID-19. Ma il grande messaggio ora è chiaro: La gente non dovrebbe fermare o posporre il trattamento del cancro.„

Mini Kamboj, MD, epidemiologo medico principale, controllo di infezione a MSK

Metodo e risultati: Lo studio ha esaminato 423 pazienti di MSK diagnosticati con COVID-19 fra il 10 marzo ed il 7 aprile. In generale, 40 per cento sono stati ospedalizzati per COVID-19 e 20 per cento hanno sviluppato la malattia respiratoria severa. Circa 9 per cento hanno dovuto essere collocati su un ventilatore meccanico e 12 per cento sono morto. Il cancro più frequente digita i tumori solidi inclusi quale il cancro polmonare colorettale e e del petto. Il linfoma era la malignità ematologica più comune. Più della metà dei casi erano i tumori solidi metastatici.

Simile ad altri studi nella popolazione in genere, i ricercatori ha trovato che l'età, la corsa, la malattia cardiaca, l'ipertensione e la malattia renale cronica hanno correlato con i risultati severi. I ricercatori hanno trovato che i pazienti che catturano le droghe di immunoterapia chiamate inibitori immuni del controllo erano più probabili sviluppare la malattia severa e richiedere l'ospedalizzazione. Ulteriore ricerca è richiesta per esaminare gli effetti di queste droghe. Ma altri trattamenti del cancro, compreso la chemioterapia e la chirurgia, non hanno contribuito ai risultati peggiori.

Source:
Journal reference:

Robilotti, E.V., et al. (2020) Determinants of COVID-19 disease severity in patients with cancer. Nature Medicine. doi.org/10.1038/s41591-020-0979-0.