Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'inibizione di ACE in rene ha potuto influenzare la patogenesi di SARS-CoV-2

La dinamica dell'espressione dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2) nel rene potrebbe avere implicazioni per l'infettività e la patogenicità del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, dice i ricercatori.

Poichè ACE2 è il ricevitore per SARS-CoV-2, le preoccupazioni sono sorto più se l'espressione alterata ACE2 fra i pazienti che catturano gli ACE-inibitore o gli stampi del ricevitore dell'angiotensina (ARBs) influenza il trattamento di malattia.

Ora, uno studio piombo dai ricercatori al vasto istituto del MIT, ospedale delle donne e di Brigham, Helmholtz Zentrum München e Harvard ha identificato un importante crescita nell'espressione ACE2 con uso di ACE inhibitor/ARB nel tubulo complicato prossimale, nell'arto ascendente spesso e nelle celle endoteliali del rene.

Tuttavia, una ricerca meccanicistica ulteriore fra i più grandi gruppi è necessaria, dice il gruppo, poiché l'associazione probabilmente è stata confusa dalla malattia di fondo in questo piccolo gruppo.

Una versione della pubblicazione preliminare del documento può essere raggiunta sul bioRxiv* del " server ", mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

Virus SARS-CoV-2 che legano ai ricevitori ACE-2 su una cellula umana, la fase iniziale COVID-19 dell
Virus SARS-CoV-2 che legano ai ricevitori ACE-2 su una cellula umana, la fase iniziale COVID-19 dell'infezione, credito concettuale dell'illustrazione 3D: Kateryna Kon/Shutterstock

COVID-19 pregiudica gli organi multipli, compreso il rene

SARS-CoV-2 - l'agente causativo della malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus - infezione degli iniziati legando al ricevitore ACE2 sulle cellule ospiti umane.

Oltre ai tessuti respiratori quali il polmone e l'epitelio nasale, gli studi hanno indicato che COVID-19 pregiudica un intervallo degli organi, compreso il rene.

Tuttavia, non abbastanza è conosciuto circa l'espressione cella-specifica ACE2 nel rene affinchè i ricercatori rappresenti i fattori quali l'età ed il sesso, che sono conosciuti per influenzare la predisposizione a SARS-CoV-2 ed alla severità di malattia.

Il sistema dell'Renina-Angiotensina-Aldosterone

ACE2 è una componente vitale del sistema dell'Renina-Angiotensina-Aldosterone (RAAS), che regolamenta la pressione sanguigna e l'infiammazione, pricipalmente con gli effetti esercitati sul rene.

ACE2 converte l'angiotensina I e l'angiotensina II in peptidi vasodilatatori, che salda gli effetti dei RAAS quando ACE converte l'angiotensina I in angiotensina vasocostrittore II.

Il trattamento si avvicina a ad ipertensione, circostanze cardiovascolari e la malattia renale cronica comprende spesso mirare ai RAAS con gli ACE-inibitore o ARBs per fermare ACE che converte l'angiotensina I in angiotensina II o per fermare l'angiotensina II che lega al suo ricevitore.

L'effetto del blocco dei RAAS sull'espressione ACE2 è poco chiaro

Fin qui, l'associazione fra l'uso degli ACE-inibitore/ARBs e l'espressione ACE2 e l'attività non è capita buona, ma il dibattito diffuso circonda l'argomento poiché ACE2 è il ricevitore per SARS-CoV-2.

Ancora, il gene ACE2 è situato sul cromosoma X e l'infezione SARS-CoV-2 è stata associata con la malattia più severa negli uomini.

Ora, Anna Greka ed i colleghi hanno usato i dati transcriptomic delle cellule umane determinate del rene per valutare gli effetti dell'età e del sesso sull'espressione ACE2 nel rene e per studiare se l'uso degli ACE-inibitore e di ARBs è collegato all'espressione alterata.

Un'associazione significativa fra l'età, il sesso e l'espressione ACE2 nel rene

Un'analisi di Covariate di 176.421 cella attraverso 49 donatori del rene (29 maschi, 20 femmine; età media 57) identificata un'associazione significativa fra l'età, il sesso e l'espressione ACE2 in celle epiteliali tubolari del ciclo sottile di Henle (tLoH).

Alle più giovani età, l'espressione ACE2 in celle del tLoH è stata aumentata significativamente fra i maschi, rispetto alle femmine. Tuttavia, con l'aumento dell'età, una tendenza relativa ascendente all'espressione ACE2 è stata osservata fra le femmine, mentre una tendenza verso il basso è stata osservata fra i maschi.

“In generale, l'effetto del sesso era statisticamente significativo alle più giovani età, dove i maschi hanno avuti a femmine relative di più alta espressione. Con le vecchiaia, gli stretti di spazio, la direzione finalmente di inversione e non è più significativi,„ scrive il gruppo.

Provando ad associazione fra l'espressione ARBs e ACE2 degli ACE-inibitore/

Per provare ad associazione fra l'uso dell'espressione ARBs e ACE2 degli ACE-inibitore/, i ricercatori hanno usato nove biopsie del rene con le varie funzionalità della malattia renale e di due campioni corticali del nephrectomy dai pazienti con il glomerulosclerosis.

L'analisi facendo uso dei modelli fissi e casuali di effetti che rappresentano l'età ed il sesso ha trovato che l'uso delle droghe è stato associato con un importante crescita nell'espressione ACE2 nel tubulo complicato prossimale (PCT), nell'arto ascendente spesso (TAL) e nelle celle endoteliali (EC) del rene.

Tuttavia, quando l'effetto del gruppo modella il regolato per la categoria di malattia, la nefrite di lupus è stata associata significativamente con l'espressione ACE2 in PCT, in TAL ed in CE.

“L'uso degli ACE-inibitore/ARBs probabilmente è stato confuso con la nefrite di fondo di lupus relativamente ai livelli ACE2 nell'arto ascendente tubolare e spesso prossimale e le celle endoteliali nel rene dopo adeguamento per l'età ed il sesso,„ scrivono Greka ed i colleghi.

“La ricerca più ulteriormente meccanicistica„ è necessaria

I ricercatori dicono che l'ulteriori ricerca e studi meccanicistici che comprendono i più grandi gruppi pazienti sono necessari valutare se l'espressione ACE2 è utile o nociva nel contesto della malattia o del blocco dei RAAS.

“Se tali cambiamenti trascrizionali egualmente giocano un ruolo nel tropismo SARS-CoV-2 per il rene rimane una questione aperta che possiamo soltanto potere rispondere con confidenza che i gruppi clinici una volta grandi sono analizzati alla conclusione della pandemia corrente,„ conclude il gruppo.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
  • Greka A, et al. AAS blockade, kidney disease, and expression of ACE2, the entry receptor for SARS-CoV-2, in kidney epithelial and endothelial cells. bioRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.06.23.167098
Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally first developed an interest in medical communications when she took on the role of Journal Development Editor for BioMed Central (BMC), after having graduated with a degree in biomedical science from Greenwich University.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2020, June 24). L'inibizione di ACE in rene ha potuto influenzare la patogenesi di SARS-CoV-2. News-Medical. Retrieved on June 17, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200624/ACE-inhibition-in-kidney-could-influence-pathogenesis-of-SARS-CoV-2.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "L'inibizione di ACE in rene ha potuto influenzare la patogenesi di SARS-CoV-2". News-Medical. 17 June 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200624/ACE-inhibition-in-kidney-could-influence-pathogenesis-of-SARS-CoV-2.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "L'inibizione di ACE in rene ha potuto influenzare la patogenesi di SARS-CoV-2". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200624/ACE-inhibition-in-kidney-could-influence-pathogenesis-of-SARS-CoV-2.aspx. (accessed June 17, 2021).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2020. L'inibizione di ACE in rene ha potuto influenzare la patogenesi di SARS-CoV-2. News-Medical, viewed 17 June 2021, https://www.news-medical.net/news/20200624/ACE-inhibition-in-kidney-could-influence-pathogenesis-of-SARS-CoV-2.aspx.