Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio valuta l'impatto di plasma convalescente anti-SARS-CoV-2 nella malattia COVID-19

La pandemia corrente COVID-19 è ancora molto attivo nelle maggiori parte del mondo. In assenza di efficaci droghe o vaccini antivirali, gli scienziati stanno studiando l'uso del plasma sanguigno dai pazienti convalescenti COVID-19, contante su suo contenuto di neutralizzazione dell'anticorpo.

Un nuovo studio pubblicato nel giugno 2020 sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare descrive il primo tentativo di correlare le caratteristiche cliniche del donatore convalescente (CP) del plasma con i livelli dell'anticorpo e digita dentro il plasma. I ricercatori dell'università di Chicago egualmente provano ad identificare i preannunciatori dell'aumento nei livelli riceventi dell'anticorpo dopo donazione del plasma.

Fiala che contiene il plasma sanguigno da un paziente COVID-19. Credito di immagine: Produzioni di JHDT
Fiala che contiene il plasma sanguigno da un paziente COVID-19. Credito di immagine: Produzioni di JHDT

Plasma convalescente in COVID-19

L'uso del CP è basato sul trasferimento degli anticorpi di neutralizzazione come pure sui composti immunomodulatory di neutralizzazione e dell'anticorpo. I pazienti con COVID-19 severo sono stati osservati per mostrare il miglioramento significativo che segue l'uso del CP. Ciò piombo alla messa in opera di una catena di fornitura per il CP facendo uso di tantissimi pazienti recuperati.

Tuttavia, il CP è efficace soltanto se il titolo dell'anticorpo è alto. Gli studi più iniziali dell'anticorpo indicano che la maggior parte dei pazienti sviluppano IgM e IgG in due settimane dei sintomi più iniziali, dirette contro gli epitopi virali (RBD) della proteina del dominio e della punta dell'ricevitore-associazione e capace di neutralizzazione del virus. Tuttavia, una piccola percentuale dei pazienti non sviluppa alcuni anticorpi dimostrabili per chiodare o antigeni di RBD.

Lo studio: Titoli dell'anticorpo in COVID-19

Lo studio include 103 donatori, tutti di chi ha avuto CP raccolto i 28 giorni o più dopo i loro sintomi risolti. La durata media dei sintomi era dei 12 giorni e meno di 10% ha avuto altre malattie o precedentemente era stato ospedalizzato con la malattia.

I titoli dell'anticorpo fra i donatori il giorno della raccolta di CP ha una vasta gamma, da 0 quasi al 1:4,000 per gli anticorpi anti--RBD e 0 a circa 1:3,200 per gli anticorpi della anti-punta. Registrando per ottenere i fattori multipli gradisca l'età, il sesso, gruppo sanguigno di ABO e sintomi come la tosse, la fatica e la mialgia, hanno trovato che i seguenti fattori erano premonitori di più alto titolo anti--RBD: età, febbre, cronologia dell'ospedalizzazione, assenza di mialgia e fatica.

i livelli dell'anticorpo della Anti-punta sono stati preveduti dagli stessi fattori, eccetto fatica. Il gruppo sanguigno della O è stato collegato per abbassare i livelli anti--RBD ma non la anti-punta.

Effetto del CP in COVID-19

La seconda parte dello studio ha esaminato 10 pazienti con COVID-19 severo o critico, con un'età media di 62 anni. La durata media di sintomo era dei 12 giorni e la maggior parte di loro erano su ossigeno supplementare. Fra i 10 pazienti, 8 pazienti sono stati scaricati e 1 paziente criticamente malato che era stato sull'ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO) è morto, mentre uno è rimanere su ECMO.

Tre destinatari non hanno avuti anticorpi anti--RBD il giorno della trasfusione, il giorno 0 e tre hanno avuti titoli della anti-punta. Tuttavia, il titolo dell'anticorpo era molto alto in entrambi i pazienti di ECMO il giorno 0 e questo è caduto dopo la trasfusione di CP. Gli altri otto destinatari hanno avuti un aumento nel titolo dell'anticorpo dopo la ricezione del CP, principalmente nei 3 giorni, ma uno ha mostrato un aumento soltanto il giorno 7 ed i giorni 14 per la anti-punta e anti--RBD, rispettivamente.

L'aumento medio in anti--RBD era 31% al giorno, mentre era 40% per l'anticorpo della anti-punta. La tariffa dell'autunno nei pazienti di ECMO era 9% e 8% per anti--RBD e la anti-punta, rispettivamente.

Sicurezza di ed anticorpi di neutralizzazione nel CP in COVID-19

Non c'erano effetti contrari della trasfusione di CP e nessun peggioramento diretto dello stato clinico si è collegato a questa terapia, includente nei pazienti sulle droghe del immunosoppressore dopo la terapia di cellula staminale e ad un paziente con la malattia renale di stadio finale che era su dialisi.

I ricercatori concludono che c'erano più alti titoli di neutralizzazione dell'anticorpo fra i pazienti più anziani e ospedalizzati con una cronologia di febbre ma nessuna mialgia. Allo stesso tempo, anti--RBD era più alto in pazienti con una cronologia di fatica.

Le caratteristiche cliniche variabili dei pazienti convalescenti e le differenze nella loro risposta immunitaria sono alla base dell'omissione del ripristino di correlare con sieroconversione in alcuni pazienti. Una individuazione notevole era il titolo di neutralizzazione aumentato dell'anticorpo nei donatori di ab confrontati ai donatori della O, che sono meno vulnerabili a COVID-19. Gli studi più iniziali hanno indicato che la presenza di anticorpi anti--Un inibisce la S protein-ACE2 che lega in vitro.

Malgrado la vasta gamma del titolo dell'anticorpo nel CP, 80% ha mostrato un aumento significativo in sia formica-punta che anticorpi anti--RBD nei 3 giorni dopo la trasfusione. Il titolo dell'anticorpo ha continuato a mostrare ad un aumento i fino a 14 giorni in quattro dei destinatari, ma i pazienti più illest hanno mostrato un autunno nel titolo dell'anticorpo.

Implicazioni ed orientamenti futuri

La sicurezza del CP è dimostrata bene in questa prova, senza prova del potenziamento dipendente dall'anticorpo della malattia. La possibilità di ottenere il plasma con gli più alti titoli dell'anticorpo può aumentare se il plasma è raccolto presto dopo l'infezione naturale e poco tempo dopo il ripristino. La risposta dell'anticorpo può essere stimolata da altri effetti dell'anticorpo che modulano la risposta immunitaria, quale Fc ricevitore-ha mediato lo stimolo dell'assorbimento virale per aumentare la presentazione di antigene alle celle dell'effettore.

I ricercatori egualmente suggeriscono l'importanza degli impianti locali della raccolta di sangue di messa in opera per usare gli anticorpi sforzo-specifici locali in plasma che sarà ottimamente efficace. Inoltre, la tecnica di preparato di CP è una tecnica piuttosto semplice e rapido evolutiva, che si presta agli impianti in ospedale della banca del sangue.

Lo studio conclude, “lo sviluppo di un programma convalescente del plasma è fattibile, rapido schierabile ed economico quando le risorse esistenti di strumentazione, di spazio e del personale sono usate.„

Ulteriore lavoro per convalidare i preannunciatori clinici di alto titolo dell'anticorpo nel CP e la trasfusione seguente di risposta dell'anticorpo contribuirà a migliorare l'efficacia di questa terapia e capire come impianti di CP come pure stabilire i migliori epitopi virali per questo trattamento.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, June 25). Lo studio valuta l'impatto di plasma convalescente anti-SARS-CoV-2 nella malattia COVID-19. News-Medical. Retrieved on March 03, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200625/Study-assesses-impact-of-anti-SARS-CoV-2-convalescent-plasma-in-COVID-19-disease.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Lo studio valuta l'impatto di plasma convalescente anti-SARS-CoV-2 nella malattia COVID-19". News-Medical. 03 March 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200625/Study-assesses-impact-of-anti-SARS-CoV-2-convalescent-plasma-in-COVID-19-disease.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Lo studio valuta l'impatto di plasma convalescente anti-SARS-CoV-2 nella malattia COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200625/Study-assesses-impact-of-anti-SARS-CoV-2-convalescent-plasma-in-COVID-19-disease.aspx. (accessed March 03, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Lo studio valuta l'impatto di plasma convalescente anti-SARS-CoV-2 nella malattia COVID-19. News-Medical, viewed 03 March 2021, https://www.news-medical.net/news/20200625/Study-assesses-impact-of-anti-SARS-CoV-2-convalescent-plasma-in-COVID-19-disease.aspx.