Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Pazienti neri con cancro esofageo meno probabile ricevere chirurgia per la malattia della fase iniziale

I pazienti neri con cancro esofageo sono ad un elevato rischio della morte confrontato ai pazienti bianchi. Sebbene molte ragioni siano state suggerite per questa, poche hanno fornito a medico le informazioni perseguibili. Un nuovo studio dal centro del Cancro di Sidney Kimmel (SKCC) - salubrità di Jefferson indica una ragione differente - pazienti neri era meno probabile ricevere la chirurgia per le malattie trattabili, in grado di contribuire alle loro più alte tariffe della morte.

I risultati sono stati pubblicati nel giornale di ambulatorio gastrointestinale.

Le linee guida nazionali suggeriscono che il cancro esofageo della fase iniziale dovrebbe essere trattato con chirurgia perché i dati indicano che offrono a pazienti le migliori possibilità di sopravvivenza, piuttosto che la chemioterapia da solo. I nostri dati indicano che i pazienti del nero non stanno avendo chirurgia per la malattia della fase iniziale, che può contribuire alle più alte tariffe della morte. Con questi dati, possiamo ora cominciare ad istruire i pazienti ed i fornitori per cambiare la pratica.„

Nathaniel Evans, MD, autore senior, Direttore della divisione di ambulatorio toracico all'università di Thomas Jefferson e del capo dei servizi del Cancro, divisione concentrare della città allo SKCC

Complessivamente 60.041 paziente è stato incluso nell'analisi che ha ricavato dal database nazionale del Cancro, di cui 4.402 erano il nero e 55.639 erano bianchi attraverso oltre 1.334 ospedali intorno al paese. Per assicurare un confronto imparziale, i pazienti in bianco e nero sono stati abbinati da dati demografici, da comorbidities e dalle caratteristiche del tumore ad un modo di 1:1. Il gruppo di dati definitivo ha incluso 5.858 pazienti.

L'analisi piombo da prima l'autore Samantha L. Savitch, uno studente di medicina e un ricercatore senior che lavorano nel dipartimento di chirurgia ed altri ha mostrato che le tariffe di chirurgia erano significativamente più basse, a 25-40% più di meno per i pazienti neri con cancro esofageo nelle fasi I - III. inoltre, i ricercatori hanno notato che le probabilità di ottenere la chirurgia sono diminuito mentre l'età dei pazienti neri è aumentato ed egualmente sono diminuito se i pazienti stessero ricevendo la radioterapia. I pazienti neri erano più probabili ottenere la chirurgia se fossero curati ad un ospedale che era a più di 5 miglia dalle loro case.

I risultati egualmente hanno suggerito che i pazienti che sono stati diagnosticati con un tipo di cancro esofageo chiamassero il carcinoma spinocellulare, che è più comune in pazienti neri, erano meno probabili ricevere la chirurgia. Tutto questo malgrado chiara prova che la resezione chirurgica è la migliore probabilità per la sopravvivenza in pazienti con cancro esofageo.

“Sebbene i dati ci non diano una ragione per le osservazioni che stiamo vedendo, ci mostra le aree dove possiamo agire,„ dice il Dott. Evans. “Anche quando gestiamo per stato socioeconomico, stato di assicurazione, posizione e gli stati del comorbid, la disparità ancora persiste, è abbastanza profonda. Ciò evidenzia la necessità di istruire i pazienti neri ed i loro fornitori di cure mediche sull'importanza di chirurgia nel cancro esofageo del trattamento.„

“Un modo che stiamo indirizzando questo è sviluppando un gruppo pluridisciplinare del Cancro di GI,„ dice il Dott. Evans. “Esaminiamo i malati di cancro esofagei e che assicuriamo che le loro pianificazioni del trattamento siano adeguate al brevetto determinato e che seguiamo le linee guida stabilite.„

“Questo studio importante fa parte di sforzo molto più grande al centro del Cancro di Sidney Kimmel per capire ed attenuare le disparità del cancro,„ dice Karen Knudsen, PhD, EVP dei servizi dell'oncologia e Direttore di impresa di SKCC. “Questo scopo è centrale alla nostra missione migliorare i malati di cancro di vite e le loro famiglie, indipendentemente da geografia, dal genere, o da demografico. Siamo riconoscenti al Dott. Evans e l'intero gruppo di ricerca per sollevare la consapevolezza circa questa questione nazionale critica.„

Source:
Journal reference:

Savitch, S.L., et al. (2020) Racial Disparities in Rates of Surgery for Esophageal Cancer: a Study from the National Cancer Database. Journal of Gastrointestinal Surgery. doi.org/10.1007/s11605-020-04653-z.