Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Fissando all'indicatore luminoso rosso-cupo può migliorare significativamente la vista diminuente

Fissando ad un indicatore luminoso rosso-cupo per tre minuti un il giorno può migliorare significativamente la vista diminuente, trova nuovo da uno studio guidato UCL, il primo del suo genere in esseri umani.

Gli scienziati ritengono la scoperta, pubblicata nelle pubblicazioni di gerontologia, potrebbero segnalare l'alba di nuove terapie da casa accessibili dell'occhio, aiutante milioni di persone globalmente con la visione naturalmente di diminuzione.

Credito di immagine: Miroslava Hlavacova/Shutterstock
Credito di immagine: Miroslava Hlavacova/Shutterstock

Nel Regno Unito ci sono corrente intorno 12 milione di persone invecchiati oltre 65: durante 50 anni questo aumenterà ad intorno 20 milioni e tutti avranno certo grado di declino visivo a causa di invecchiamento retinico.

L'autore principale, il professor Glen Jeffery (istituto di UCL di oftalmologia) ha detto: “Mentre invecchiate il vostro sistema visivo diminuisce significativamente particolarmente una volta, oltre 40.

“La vostra sensibilità retinica e la vostra percezione del colore sono entrambe insidiate gradualmente e con una popolazione di invecchiamento, questa è un'emissione sempre più importante.

“Per provare a staccare o invertire questo declino dal gambo, abbiamo cercato di ripartire le celle dell'invecchiamento della retina con i burst di scarsità di indicatore luminoso a onde lunghe.„

In esseri umani, intorno 40 anni, celle nella retina dell'occhio cominciano ad invecchiare ed il passo di questo invecchiamento è causato, in parte, quando i mitocondri delle cellule, di cui il ruolo è di produrre l'energia (conosciuta come il trifosfato di adenosina) e di amplificare la funzione delle cellule, egualmente si avvi diminuire.

La densità mitocondriale è più grande nelle celle del fotoricettore della retina, che hanno domande di alta energia. Di conseguenza, la retina invecchia più velocemente di altri organi, con una riduzione del trifosfato di adenosina di 70% durante vita, causante un declino significativo nella funzione del fotoricettore mentre mancano dell'energia per eseguire il loro ruolo normale.

Ricercatori costruiti sui loro risultati precedenti in mouse, in bombi e nelle mosche di frutta, che tutte hanno trovato i miglioramenti significativi nella funzione dei fotoricettori della retina quando i loro occhi sono stati esposti ad un indicatore luminoso rosso-cupo di 670 nanometri (lunghezza d'onda lunga).

I mitocondri hanno caratteristiche leggere specifiche di capacità di assorbimento influenzare la loro prestazione: le lunghezze d'onda più lunghe che misurano 650 a 1000nm sono assorbite e migliorano la prestazione mitocondriale per aumentare la produzione di energia.„

Valletta Jeffery, autore principale di studio ed il professor, istituto di oftalmologia, University College di Londra

La popolazione del fotoricettore della retina è formata dei coni, che percezione del colore e coni retinici mediata, che forniscono la visione periferica ed adattano la visione indicatore luminoso basso/tenue.

Per lo studio, 24 persone (femmina 12 maschio, 12), invecchiate fra 28 e 72, che non hanno avuti malattia oculare, sono state reclutate. Gli occhi di tutti i partecipanti sono stati provati a sensibilità dei loro coni retinici e coni all'inizio dello studio.

La sensibilità di Rod è stata misurata in occhi scuro-adattati (con gli allievi dilatati) chiedendo ai partecipanti di individuare i segnali luminosi tenui nello scuro e la funzione del cono è stata provata dagli oggetti che identificano le lettere colorate che hanno avute contrasto molto basso e sembrate sempre più vaghe, un trattamento ha chiamato il contrasto di colore.

Tutti i partecipanti poi sono stati dati una piccola torcia del LED a netto e sono stati chiesti di guardare il into* il suo raggio luminoso rosso-cupo 670nm per tre minuti un il giorno due settimane. Poi sono stati riprovati per la loro sensibilità del cono e dei bastoncini

Risultati

I ricercatori hanno trovato che i 670nm si accendono non hanno avuti impatto in più giovani persone, ma in quelli intorno 40 anni e più, i miglioramenti significativi sono stati ottenuti.

La sensibilità di contrasto di colore del cono (la capacità di individuare i colori) migliore da fino a 20% qualche gente ha invecchiato intorno 40 e più. I miglioramenti erano più significativi nella parte blu dello spettro di colore che è più vulnerabile nell'invecchiamento.

La sensibilità di Rod (la capacità di vedere alla scarsa visibilità) egualmente ha migliorato significativamente in quelli intorno 40 invecchiati e più, comunque più di meno del contrasto di colore.

Il professor Jeffery ha detto: “Il nostro studio indica che è possibile migliorare significativamente la visione che è diminuito in persone invecchiate facendo uso di brevi esposizioni semplici alle lunghezze d'onda leggere che ricaricano il sistema energetico che è diminuito nelle celle della retina, piuttosto come la ricarica della batteria.

“La tecnologia è semplice e molto sicura, facendo uso di un indicatore luminoso rosso-cupo di una lunghezza d'onda specifica, che è assorbita dai mitocondri nella retina che assicurano l'energia per la funzione cellulare.

“Il nostro costo delle unità circa £12 da fare, in modo dalla tecnologia è altamente accessibili ai membri del pubblico.„

Source:
Journal reference:

Shinhmar, H., et al. (2020) Optically improved mitochondrial function redeems aged human visual decline. Journal of Gerontology: Biological Sciences. doi.org/10.1093/gerona/glaa155.