Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono una proteina che protegge i linfociti B dalla morte indotta da stress delle cellule

Ogni volta che un germe entra nel corpo umano, il sistema immunitario risponde solitamente immediatamente per combattere fuori l'attaccante nemico. Una delle strategie più importanti del nostro sistema di difesa comprende i linfociti di B, anche conosciuti come i linfociti B, che producono gli anticorpi che mirano e neutralizzano agli agenti patogeni. I linfociti B svolgono un ruolo centrale nell'immunità adattabile e, insieme alle celle di T ed alle componenti del sistema innato, proteggono l'organismo dagli agenti patogeni, dagli allergeni e dalle tossine non Xeros.

Molti ricercatori di Berlino addetti allo studio

Un gruppo piombo dal Dott. Michela Di Virgilio, testa della differenziazione del genoma & del laboratorio di integrità al centro massimo di Delbrück per medicina molecolare nell'associazione di Helmholtz (MDC), ora ha identificato una proteina chiamata Pdap1 che supporta i linfociti B in questo compito importante mentre simultaneamente li protegge dalla morte indotta da stress delle cellule.

Gli autori principali dello studio, che è stato pubblicato nel giornale di medicina sperimentale, sono i due studenti di laurea Verónica Delgado-Benito e Maria Berruezo-Llacuna - entrambi i membri del laboratorio di Di Virgilio. I ricercatori dall'istituto di Berlino del MDC di biologia di Medical Systems (BIMSB) e del centro di ricerca sperimentale e clinico (ECRC) egualmente sono stati coinvolgere. Il ECRC è un'istituzione unita del MDC e il Charité - il Universitätsmedizin Berlino.

I linfociti B devono adattarsi continuamente

Una riuscita risposta immunitaria umorale, che è mediata dagli anticorpi, dipende da parecchi fattori.„

Dott. Michela Di Virgilio, testa della differenziazione del genoma & del laboratorio di integrità al centro massimo di Delbrück per medicina molecolare nell'associazione di Helmholtz

I linfociti B maturi devono modificare i loro geni (cioè, istruzioni di costruzione) per creare gli anticorpi quella migliore corrispondenza che la distinzione caratterizza sulla superficie dell'agente patogeno d'invasione. Ciò è conosciuta mentre il principio di blocco-e-tasto ed è raggiunta dal hypermutation somatico, che subisce una mutazione la parte diriconoscimento della molecola dell'anticorpo dopo l'incontro e l'attivazione del linfocita B.

Nel corso della risposta immunitaria umorale, un'altra parte degli anticorpi è trasformata in un trattamento conosciuto come la ricombinazione dell'classe-opzione (CSR). Qui, i linfociti B cambiano l'isotipo degli anticorpi che producono. Invece delle immunoglobuline dell'isotipo IgM, che sono prodotte principalmente all'inizio di un'infezione, possono produrre, per esempio, gli anticorpi di IgG, che hanno una funzione differente dell'effettore. Questo trattamento rafforza la capacità degli anticorpi efficacemente di eliminare l'agente patogeno.

La proteina è stata trovata con l'aiuto “delle forbici del gene„

“In principio, soprattutto abbiamo voluto capire come la commutazione della classe funziona,„ diciamo Delgado-Benito. “Così geneticamente abbiamo modificato una linea cellulare del mouse B facendo uso delle forbici del gene CRISPR-Cas9 per impedirli la produzione di proteine determinate.„ In questo modo, lei ed il gruppo hanno scoperto che senza PDGFA ha associato la proteina 1 (Pdap1), meno classe che commutazione accade.

“Al punto seguente, abbiamo generato i mouse in cui il gene per Pdap1 è stato spento specificamente in linfociti B,„ rapporti Berruezo-Llacuna. “Questo ci ha indicato che la proteina è egualmente cruciale per il hypermutation somatico.„ Senza la proteina, meno tali mutazioni si sono presentate nella parte diriconoscimento dell'anticorpo, così diminuendo la possibilità per generare le varianti alto-specifiche.

I linfociti B muoiono più facilmente senza Pdap1

“Un'individuazione particolarmente sorprendente per uscire dai nostri in vivo esperimenti, tuttavia, era che i linfociti B del mouse che non possono produrre Pdap1 muoiono molto più facilmente normalmente del caso,„ aggiunge Di Virgilio. Il suo gruppo ha scoperto che la proteina protegge i linfociti di B dalla morte indotta da stress delle cellule. “I linfociti B maturi sperimentano i fattori di sforzo cellulari specialmente quando cominciano a svilupparsi rapido e proliferare dopo il contatto con l'agente patogeno,„ spiega il ricercatore.

Sembra quello in animali invariati, linfociti B di guide Pdap1 da fare fronte a questo sforzo. Senza la proteina, tuttavia, un programma è iniziato che infine piombo alla morte delle cellule. “Così Pdap1 non solo aiuta i linfociti di B a produrre coerente gli efficaci anticorpi,„ dice Di Virgilio. “Può inoltre essere veduto come loro protettore.„

Source:
Journal reference:

Delgado-Benito, V., et al. (2020) PDGFA-associated protein 1 protects mature B lymphocytes from stress-induced cell death and promotes antibody gene diversification. Journal of Experimental Medicine. doi.org/10.1084/jem.20200137.