Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il cibo dei lamponi neri può diminuire l'infiammazione dell'interfaccia connessa con le allergie, manifestazioni di studio

Il cibo dei lamponi neri ha potuto diminuire l'infiammazione connessa con le allergie dell'interfaccia, un nuovo studio indica.

In uno studio fatto con i mouse ed ha pubblicato più presto questo mese nelle sostanze nutrienti del giornale, i ricercatori hanno trovato che una dieta alta in lamponi neri ha diminuito l'infiammazione da ipersensibilità del contatto - una circostanza che causa il rossore e l'infiammazione nell'interfaccia.

Molte volte, i trattamenti direttamente si applicano all'interfaccia - cose come gli steroidi. Ed era interessante che il mero consumo di frutta può raggiungere gli stessi effetti.„

Steve Oghumu, autore senior sul documento e assistente universitario di patologia all'Ohio State University

I ricercatori hanno messo un gruppo di mouse su una dieta che ha incorporato i lamponi neri - l'equivalente ad un singolo servizio al giorno per gli esseri umani. Egualmente hanno tenuto un gruppo di controllo, in cui i mouse sono stati alimentati la stessa dieta, ma senza lamponi neri.

Tre settimane dopo che le diete hanno cominciato, i ricercatori hanno esposto una delle orecchie di ogni mouse agli irritanti che hanno causato l'ipersensibilità del contatto. Poi, hanno misurato le riduzioni del gonfiamento, confrontante le orecchie di ogni mouse.

Hanno trovato che in mouse ha alimentato una dieta che i lamponi neri inclusi, rigonfi hanno andato giù confrontato ai mouse che non hanno mangiato i lamponi neri.

I ricercatori hanno trovato che i lamponi neri sembrano modulare le celle dentritiche, che fungono da messaggeri al sistema immunitario dell'organismo, dicente il sistema immunitario di dare dei calci a dentro o non - essenzialmente se creare l'infiammazione oppure no.

“Il sistema immunitario è molto complesso, con i giocatori multipli e così una volta che cominciate ad identificare le celle uniche che stanno influenzande dalle bacche poi ci aiuta a vedere come le bacche stanno inibendo l'infiammazione,„ Oghumu ha detto. “I molti cattivi effetti che vediamo non sono sempre dovuto gli agenti patogeni o gli allergeni stessi, ma sono dovuto il modo che il nostro organismo risponde a questi grilletti.„

Nel caso di ipersensibilità del contatto, per esempio, l'interfaccia di una persona incontra un allergene e l'organismo risponde sommergendo l'area dalle celle che causano l'infiammazione ed il itchiness.

“E così un modo gestire questi tipi di malattie sta gestendo quella risposta e quella è una delle cose che i lamponi neri sembrano potere fare,„ ha detto.

Oghumu ed i colleghi nel suo laboratorio stanno studiando gli effetti dei lamponi neri su infiammazione per anni. I ricchi di una dieta in lamponi neri ha indicato la promessa nella diminuzione dell'infiammazione connessa con alcuni tipi di cancri e Oghumu ed il suo gruppo si sono domandati se la frutta potesse anche contribuire a diminuire l'infiammazione in altre circostanze.

Questo studio è un'indicazione iniziale che quei vantaggi potrebbero esistere, Oghumu ha detto. Ha notato che più lavoro deve essere fatto per determinare che beni specifici dei lamponi neri piombo ad una diminuzione nell'infiammazione.

Questo lavoro è stato costituito un fondo per da una concessione interna dagli alimenti dello stato dell'Ohio per iniziativa di salubrità. Altri ricercatori dello stato dell'Ohio su questo studio includono Kelvin Anderson, Nathan Ryan, Arham Siddiqui, Travis Pero, Greta Volpedo e Jessica L. Cooperstone.

Source:
Journal reference:

Anderson, K., et al. (2020) Black Raspberries and Protocatechuic Acid Mitigate DNFB-Induced Contact Hypersensitivity by Down-Regulating Dendritic Cell Activation and Inhibiting Mediators of Effector Responses. Nutrients. doi.org/10.3390/nu12061701.