Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio collega l'uso prenatale della cannabis con il rischio di problemi di sonno in bambini

Usi la marijuana mentre incinto ed il vostro bambino è più probabile soffrire i problemi di sonno tanto come decade più successivamente, secondo una nuova università di studio di colorado Boulder sulla gioventù quasi 12.000.

Pubblicato nella salubrità di sonno: Il giornale delle fondamenta nazionali di sonno, il documento è il più recente per collegare l'uso prenatale della cannabis ai problemi inerenti allo sviluppo in bambini ed i primi per suggerirlo possono urtare i cicli di sonno a lungo termine.

Avviene in un momento in cui - mentre il numero delle donne incinte che bevono l'alcool e che fumano le sigarette è diminuito negli Stati Uniti - è aumentato a 7% di tutte le donne incinte mentre legalizzazione si sparge e più dispensari la raccomandano per le nausee mattutine.

Come società, ci ha richiesto un attimo per capire che fumare e bere l'alcool non fossero consigliabili durante la gravidanza, ma ora è veduto come buonsenso. Gli studi come questo suggeriscono che sia prudente da estendere quel consiglio del buonsenso fino la cannabis, anche se l'uso ora è legale.„

John Hewitt, autore senior, Direttore dell'istituto per la genetica comportamentistica, CU Boulder

Uno studio del punto di riferimento

Per lo studio, i dati del riferimento analizzati Winiger di Evan dell'autore principale e di Hewitt dal cervello adolescente del punto di riferimento e dallo sviluppo conoscitivo (ABCD) studiano, che sta seguendo la gioventù 11.875 dalle età 9 o 10 nell'età adulta iniziale.

Come componente di un questionario esauriente sopra assunzione, alle madri dei partecipanti sono state chieste se avessero usato mai la marijuana mentre incinte e quanto frequentemente. (Lo studio non ha valutato se hanno usato i edibles o hanno fumato una canna). Le madri egualmente sono state chieste di compilare un'indagine per quanto riguarda i reticoli di sonno del loro bambino, valutanti 26 punti differenti che variano da quanto sono caduto facilmente addormentato ed a quanto tempo hanno dormito se hanno russato frequentemente o svegliato nella notte e quanto sonnolento erano durante il giorno.

Circa 700 mamme hanno riferito usando la marijuana mentre incinte. Di quelli, 184 la hanno usata quotidiano e 262 usati due volte o più giornalmente.

Dopo avere gestito per una miriade di altri fattori, compreso la formazione della madre, parent lo stato civile ed il reddito e la corsa della famiglia, un chiaro reticolo sono emerso.

“Le madri che le hanno dette avevano usato la cannabis mentre incinte erano sensibilmente più probabili riferire i loro bambini che hanno problemi clinici di sonno,„ ha detto Winiger, un dottorando nel dipartimento della psicologia e della neuroscienza.

Coloro che ha usato la marijuana erano frequentemente più probabili riferire i sintomi di sonnolenza (sintomi della sonnolenza in eccesso) nei loro bambini, quale difficoltà sveglianti di mattina e che sono stato eccessivamente stanchi durante il giorno.

Gli autori notano che, mentre la loro dimensione del campione è grande, lo studio presenta alcune limitazioni.

“Stiamo chiedendo alle madri di ricordarci se fumassero la marijuana 10 anni fa ed ammettere ad un comportamento che è aggrottato le sopracciglia su,„ ha detto Winiger, suggerente che le tariffe reali di uso prenatale potessero essere più alte.

Mentre lo studio non prova che usando la cannabis mentre incinti i problemi di sonno di cause, costruisce su un piccolo ma organismo crescente di prova che indica un collegamento.

Per esempio, uno piccolo studio ha trovato che i bambini che erano stati esposti a marijuana nell'utero hanno svegliato di più nella notte ed ha avuto qualità più cattiva di sonno all'età 3. Un altro hanno trovato che l'uso prenatale della cannabis ha urtato il sonno nell'infanzia.

E, nell'altro lavoro precedente, Hewitt, Winiger ed i colleghi hanno trovato che gli adolescenti che hanno fumato frequentemente la marijuana erano più probabili sviluppare l'insonnia nell'età adulta.

Il cervello fetale su THC

I ricercatori non sono esattamente sicuri come l'esposizione della cannabis durante i periodi inerenti allo sviluppo vulnerabili potrebbe modellare il sonno futuro. Ma gli studi in animali suggeriscono che THC ed altri cosiddetti cannabinoidi, i principi attivi in vaso, attaccatura ai ricevitori CB1 nel cervello di sviluppo, influenzante le regioni che regolamentano il sonno. Lo studio di ABCD, che sta catturando le frequenti scansioni di cervello dei partecipanti mentre invecchiano, dovrebbe fornire più risposte, essi ha detto.

Nel frattempo, madre--sia dovrebbe essere accorto dei dispensari che fatturano l'erbaccia come antidoto per le nausee mattutine. Secondo la ricerca del CU, circa 70% dei dispensari di Colorado la raccomandano per quell'uso. Ma i punti di prove crescenti a potenziale nuoce a, compreso basso peso alla nascita ed i problemi conoscitivi successivi. Con marijuana sul servizio oggi compreso i livelli elevati ben di THC che ha fatto una decade fa, è impatti sul cervello fetale sono più profondo probabile di erano una volta.

“Questo studio è un nuovo esempio di perché le donne incinte si consigliano di evitare l'uso della sostanza, compreso la cannabis,„ ha detto Hewitt. “Per i loro bambini, potrebbe avere conseguenze a lungo termine.„

Source:
Journal reference:

Winiger, E.A., et al. (2020) Prenatal cannabis exposure and sleep outcomes in children 9–10 years of age in the adolescent brain cognitive development SM study. Sleep Health. doi.org/10.1016/j.sleh.2020.05.006.