Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati del UCLA identificano la nuova funzione per gli istoni

Risultati

Gli scienziati del UCLA hanno identificato una nuova funzione per gli istoni, le proteine a forma di bobina che regolamentano l'espressione genica ed il servire come ancore per i fili di DNA per avvolgersi. I ricercatori hanno scoperto che gli istoni fungono da enzima che catalizza il trasferimento degli elettroni da una molecola in un metallo, convertente il rame in modulo che può essere usato dalle celle.

L'individuazione confuta le teorie più iniziali che ramano nell'organismo spontaneamente convertono in modulo che le celle possono utilizzare. Invece, gli istoni facilitano l'uso di rame in presenza di ossigeno. Ciò permette al rame di raggiungere le sue destinazioni cellulari e la proteina mira a, compreso le proteine in mitocondri, l'alimentazione delle cellule.

L'assenza di attività dell'enzima in istoni altera molti trattamenti cellulari, quale respirazione mitocondriale, che dipende da rame per funzionare.

Metodo

Gli scienziati hanno mescolato gli approcci di biologia molecolare e della biochimica mentre usando il lievito del panettiere come cella di modello per indicare che gli istoni legano per ramarlo e convertire in modulo utilizzabile. Il gruppo ha duplicato l'esperimento in una provetta ed all'interno delle celle viventi.

Impatto

Lo studio suggerisce che la presenza di istoni in un antenato degli eucarioti -; celle che contengono un nucleo -; ha svolto un ruolo essenziale circa 2 miliardo anni fa nell'evoluzione della prima cella eucariotica della cronologia, provocante una vasta diversità degli esseri umani, gli animali, le piante ed i funghi.

I nuovi risultati hanno potuto approfondire la comprensione degli scienziati dell'evoluzione degli eucarioti. Dato l'importanza di cromatina e di rame alle sanità, la scoperta del UCLA anche potrebbe fornire le comprensioni in come la malattia si sviluppa in vari termini umani, da cancro alle malattie mitocondriali ed ai disordini neurodegenerative.

Autori

Siavash Kurdistani, presidenza della biochimica alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA, piombo lo studio con primo Narsis Attar autori (ora al policlinico di Massachusetts), Oscar Campos e Maria Vogelauer.

Giornale

La scienza pubblica l'articolo del UCLA il 3 luglio.

Finanziamento

Lo studio di otto anni è stato supportato dalle concessioni da W.M. Keck Foundation, gli istituti della sanità nazionali, dal Whitcome e dal programma degli studiosi di Amgen.