Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo approccio di trattamento per il morbo di Alzheimer

Un nuovo studio pubblicato nel giornale della fisiologia ha indicato che l'accumulazione misfolded della proteina nell'intestino potrebbe contribuire allo sviluppo dei sintomi Alzheimer's del tipo di in mouse.

Ciò potrebbe suggerire un nuovo approccio del trattamento per il morbo di Alzheimer che avrebbe mirato all'intestino prima che i sintomi dei deficit conoscitivi comparissero in pazienti.

Poichè queste proteine sono state trovate nell'intestino, che è una finestra al mondo, questo suggerisce che i fattori ambientali potrebbero contribuire ai deficit conoscitivi veduti nel morbo di Alzheimer ed in altre circostanze.

La proteina misfolded, conosciuta per partecipare al morbo di Alzheimer, chiamato beta amiloide, è stata iniettata nelle budella dei mouse ed è stata viaggiata “al intestino-cervello„ (il sistema nervoso nel nostro intestino) e nel alsoto il cervello.

Se alcuno di beta accumulazione dell'amiloide in theoutside thecentral del isoriginatingfrom del sistema nervoso (cervello e midollo spinale) il cervello (sistema nervoso periferico), diminuente l'importo che lo fa al cervello, o ad intrappolare la proteina in theperiphery può ritardare la malattia dei ofAlzheimer di inizio.

Questo trattamento comincerebbe prima che tutti i segni di demenza comparissero nel paziente.

I ricercatori all'università cinese di injectedfluorescently-taggedbeta-amiloide di Hong Kong nell'intestino dei mouse.

Le proteine si sono mosse verso il sistema nervoso nel nostro intestino. Le proteine misfolded sono state vedute un anno più successivamente nelle parti del cervello in questione nei deficit conoscitivi del morbo di Alzheimer compreso l'ippocampo, la parte del nostro cervello che pregiudica la nostra memoria. Questi animali hanno avvertito i danni conoscitivi.

Poichè questi studi sono stati intrapresi in mouse, hanno bisogno della verifica cercando i cambiamenti post mortem nell'infiammazione nell'intestino e nel cervello dei pazienti con il morbo di Alzheimer.

Lo sviluppo dei trattamenti della droga per il morbo di Alzheimer è stato infruttuoso in modo da invece abbiamo bisogno di nuovi approcci per impedire lo sviluppo dell'ANNUNCIO. Ciò ha potuto essere un itinerario potenziale per impedire la malattia mirando a queste proteine misfolded nell'intestino.

Questo concetto issimilar al trasporto delle proteine misfolded dall'intestino come quelle responsabili della malattia della mucca pazza. Se questo è il caso, un simile trattamento può cominciare in esseri umani molti anni davanti alle manifestazioni degli marchi di garanzia classici dell'ANNUNCIO compreso perdita di memoria ed in modo dalle strategie di prevenzione dovrebbero cominciare più presto pure.„

John un Rudd, studia l'autore senior, la società fisiologica

Source:
Journal reference:

Rudd, J. A., et al. (2020) Intra-Gastrointestinal Amyloid-β1-42 Oligomers Perturb Enteric Function and Induce Alzheimer's Disease Pathology. The Journal of Physiology. doi.org/10.1113/JP279919.