Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le microalghe possono offrire una sorgente più rispettosa dell'ambiente delle sostanze nutrienti essenziali che il pesce

Le microalghe hanno potuto fornire una fonte alternativa di acidi grassi sani omega-3 per gli esseri umani mentre però essendo più rispettose dell'ambiente produrre che le specie popolari del pesce. Ciò è il risultato di nuovo studio dagli scienziati dall'università Halle-Wittenberg (MLU) di Martin Lutero.

Lo studio recentemente è stato pubblicato nel giornale dell'algologia applicata ed offre un'indicazione iniziale delle conseguenze sull'ambiente della produzione delle microalghe in Germania.

Le microalghe sono state il fuoco dei parecchi decenni della ricerca - inizialmente come materia prima per i combustibili alternativi, ma più recentemente come sorgente delle sostanze nutrienti nella dieta umana. Pricipalmente sono prodotte in stagni aperti in Asia; tuttavia, questi stagni sono a rischio di contaminazione potenziale. Inoltre, alcune specie di alghe sono più facili da coltivare nei sistemi chiusi, cosiddetti fotobioreattori.

“Abbiamo voluto capire se le microalghe prodotte in fotobioreattori in Germania potrebbero fornire una sorgente più rispettosa dell'ambiente delle sostanze nutrienti essenziali che il pesce,„ diciamo Susann Schade dall'istituto delle scienze agricole e nutrizionali a MLU.

Finora, i fotobioreattori erano stati confrontati solitamente soltanto a coltura dello stagno ed hanno segnato spesso peggiore dovuto i loro più alti impatti ambientali.

“Tuttavia, poca ricerca è stata effettuata sulle dimensioni precise degli impatti ambientali delle alghe prodotte per consumo umano, particolarmente nei termini climatici come quelli trovati in Germania,„ aggiunge Schade.

Per il loro studio, i ricercatori hanno sviluppato un modello per determinare gli impatti ambientali posizione-specifici.

Una delle cose che abbiamo fatto era di confrontare l'orma del carbonio delle sostanze nutrienti dalle microalghe e dal pesce. Egualmente abbiamo analizzato quanto entrambe le sorgenti dell'alimento aumentano l'acidificazione e l'eutrofizzazione negli organismi dell'acqua.„

Dott. Toni Meier, testa del nutriCARD dell'ufficio dell'innovazione, Martin-Lutero-Universität Halle-Wittenberg

I ricercatori potevano indicare che l'agricoltura delle microalghe ha un simile impatto sull'ambiente come produzione del pesce.

“Tuttavia, se confrontiamo le conseguenze sull'ambiente relativamente alla quantità di acidi grassi omega-3 prodotti, il pesce da acquicoltura si stacca lontano peggio,„ dice Schade. Un vantaggio di coltura delle alghe è il suo consumo basso dello sbarco; anche i terreni infertili possono essere usati.

Al contrario, sia apra gli stagni che la coltura di alimentazione per acquicoltura richiede molto le ampie aree di sbarco. In particolare, il pesce che le specie che sono popolari in Germania, quali il salmone e il pangasius, soprattutto sono prodotte con acquicoltura e quindi che ha messo l'ambiente nell'ambito di considerevole quantità di pressione.

Tuttavia, anche pescare il merluzzo di Alaska selvaggio ha avuta valori più difficili che le microalghe per tutti gli indicatori ambientali.

“Le microalghe non dovrebbero e non possono completamente sostituire il pesce come sorgente dell'alimento. Ma se le microalghe potessero essere stabilite come porzione di alimento comune, sarebbe un'altra sorgente rispettosa dell'ambiente eccellente degli acidi grassi a catena lunga omega-3,„ spiega Meier.

Parecchie alghe già sono utilizzate come integratore alimentare nel modulo della compressa o della polvere e come additivo agli alimenti quali pasta o cereali. Sarebbe un modo diminuire lo spazio corrente nell'offerta globale degli acidi grassi omega-3. Allo stesso tempo, fornirebbe il considerevole sollievo agli oceani del mondo.

Source:
Journal reference:

Schade. S., et al. (2020) Distinct microalgae species for food—part 2: comparative life cycle assessment of microalgae and fish for eicosapentaenoic acid (EPA), docosahexaenoic acid (DHA), and protein. Journal of Applied Phycology. doi.org/10.1007/s10811-020-02181-6.