Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I contenitori di aerosol aumentano l'esposizione dei lavoratori di sanità a COVID-19

Un nuovo studio indica che determinati contenitori di aerosol di simile tipo a quelli che sono stati fabbricati ed utilizzato in ospedali nel Regno Unito ed intorno al mondo per proteggere i lavoratori di sanità da COVID-19 può realmente aumentare l'esposizione alle particelle sospese nell'aria che portano il virus e fa sorgere così il dubbio sulla loro utilizzabilità.

Gli autori - chi includono il DRS Peter Chan, Joanna Simpson e colleghi, terapia intensiva e specialisti dell'anestesia a salubrità orientale, Melbourne, VIC, Australia - dicono che “le conseguenze della promozione di tali unità non provate comprendono una sensazione di sicurezza falsa facendo uso di queste unità, o aumento paradossale nell'esposizione dei lavoratori di sanità a COVID-19„. Lo studio è pubblicato nell'anestesia (un giornale dell'associazione degli anestesisti).

Il pericolo posato agli ufficiali sanitari di linea di battaglia esposti a COVID-19 contagioso è significativo. I pazienti più malati COVID-19 devono spesso essere collocati su un ventilatore, che è egualmente quando il rischio per l'ufficiale sanitario dell'esposizione al virus è potenzialmente al suo più grande. Ciò ha creato una corsa per fabbricare le unità di contenimento dell'aerosol compreso le strategie improvvisate della protezione e le unità per uso durante l'intubazione tracheale. Ciò ha intrapreso in secondo luogo ancora maggior urgenza nell'ultima settimana, con “un'onda„ globale che diventa più probabilmente e una lettera aperta recente all'organizzazione mondiale della sanità da 239 scienziati globali in 32 paesi che avvertono che probabilmente stiamo sottovalutando severamente la quantità di COVID-19 sparso attraverso le goccioline fini dell'aerosol sopra le grandi distanze. Mercoledì 8 luglio, il WHO ha riconosciuto formalmente questa prova emergente per quanto riguarda la diffusione di potenziale di COVID-19 attraverso queste goccioline minuscole.

I contenitori di aerosol sono stati promossi dalle organizzazioni mondiali multiple di notizie in stampa, televisione, online ed attraverso i media sociali (vedi gli esempi qui sotto) come non solo un rapido e la soluzione semplice ai lavoratori proteggenti di linea di battaglia ma anche un esempio delle industrie private che aumentano la produzione per supportare i lavoratori di sanità di linea di battaglia. Tuttavia, queste unità sono state prodotte fuori della struttura regolatrice normale e così mai clinicamente sono state collaudate o convalidato state per l'efficacia e la sicurezza. Successivamente sono promosso state molto nei media e sui media sociali. Eppure malgrado questa promozione pesante, nessuna linea guida internazionale su dispositivi di protezione individuale (PPE) ha approvato mai il loro uso.

Negli ultimi mesi ci sono stati crescenti preoccupazioni dalla comunità medica che queste unità potrebbero non aiutare, o potenzialmente dall'esposizione del personale medico di linea di battaglia al danno imprevisto, ma poichè questa non potrebbe essere provata, le unità hanno continuato ad essere utilizzate attraverso il globo. In questo nuovo studio, il DRS Chan e Simpson ed i colleghi partnered con le tecnologie della visione dell'ascesa, ad una società di assistenza tecnica basata a Melbourne, per verificare l'efficacia dei metodi varianti di contenimento dell'aerosol, compreso il cosiddetto contenitore di aerosol (vedi i collegamenti alle foto qui sotto), che le varie aziende private hanno offerto ai loro servizi alla lavorazione.

Lo studio è stato effettuato in una stanza autonoma dell'unità di cure intensive all'ospedale della collina della casella, Melbourne, facendo uso di sette volontari adulti (femmina quattro maschio, tre), che hanno catturato restituiscono l'ordine casuale che funge da paziente o medico (la persona che esegue l'intubazione). L'esposizione simulata studio del medico alle particelle sospese nell'aria ha graduato 0,3 - 5,0 micron secondo la misura facendo uso di cinque metodi di contenimento dell'aerosol (contenitore di aerosol; casella sigillata con e senza aspirazione; il verticale copre; e l'orizzontale copre) confrontato senza intervento. Come ciascuno dei sette volontari ha fatto tutte e sei le prove (i cinque interventi più nessun intervento), lo studio ha generato 42 insiemi dei risultati.

Per simulare la nebulizzazione, il volontario paziente ha tenuto una bottiglia di liquido appena sotto la loro bocca ed ha tossito ogni 30 secondi. Oltre cinque unità di rilevazione della particella di minuti sono stati usati per contare le particelle graduate differenti e per valutare la diffusione della particella.

Confrontato senza uso dell'unità, il contenitore di aerosol sorprendente ha mostrato un aumento nell'esposizione della particella sospesa nell'aria di tutte le dimensioni oltre 5 minuti. Supponendo che le particelle COVID-19 agiscono come il liquido utilizzato in questa simulazione, i risultati di questo studio suggerisce che questo contenitore di aerosol stesse aumentando l'esposizione alle particelle COVID-19, in alcuni casi da un fattore di 5 volte o di più.

Gli autori dicono: “Siamo stati sorpresi trovare la contaminazione della particella sospesa nell'aria del medico aumentato sostanzialmente facendo uso del contenitore di aerosol confrontato a tutte le altre unità e senza uso dell'unità. Le punte delle particelle sospese nell'aria sono state vedute chiaramente, coincidenti con la tosse paziente. Crediamo che questi rappresentino le particelle che sfuggono dai fori di accesso del braccio nel contenitore di aerosol.„

Aggiungono: “La corsa per generare la strumentazione sostenibile per proteggere i lavoratori di sanità durante le procedure di intubazione in pazienti con COVID-19 sospettato o provato, specialmente nelle impostazioni in cui il PPE fornisce è limitata, ha sommerso i media del sociale e della comunità scientifica da varie unità novelle destinate per contenere gli aerosol potenzialmente contagiosi prodotti dai pazienti. La prova per la sicurezza e l'efficacia di queste unità sta mancando di.„

Concludono: “Questo studio dimostra che le unità quale l'aerosol ci inscatolano hanno provato - che è tipico delle progettazioni ha usato universalmente - confer minimo a nessun vantaggio nel contenere gli aerosol durante la procedura digenerazione e possono aumentare piuttosto dell'esposizione della particella sospesa nell'aria. L'uso di tutta l'unità di contenimento dell'aerosol si è eliminato dai nostri protocolli di intubazione finché la loro sicurezza non potesse essere stabilita correttamente.„

Se questa casella fosse venduto poichè un prodotto e quindi regolamentato, probabilmente avrebbe dovuto essere immediatamente richiamato dovuto un rischio potenziale di infezione al lavoratore di sanità. Purtroppo, perché queste unità sono state donate e non sono regolamentate in tutti i modi, i lavoratori di sanità potrebbero continuare ad aumentare la loro esposizione a COVID-19 mentre pensavano stanno proteggendo.„

Dott. Peter Chan, terapia intensiva e specialisti a salubrità orientale, Melbourne, VIC, Australia di anestesia

Source: