Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo studio per esaminare impatto di COVID-19 sulla salute mentale degli adulti più anziani

Le tariffe della depressione e dello sforzo sono aumentato fra la popolazione in genere da quando la pandemia COVID-19 ha cominciato. Tuttavia, conosciamo piccolo circa lo stato corrente della salute mentale degli adulti più anziani (65+), che è ad un elevato rischio per la malattia ed alla morte dovuto l'infezione e rappresentiamo più di 95% delle morti COVID-19 in Ontario. Sono egualmente vulnerabili agli effetti di isolamento sociale, come la depressione e peggioramento delle condizioni mediche, che possono derivare dal distanziare di fisico medica - una delle difese che principali abbiamo nella lotta contro COVID-19.

Un nuovi, studio uniti da Baycrest e dal centro per dipendenza e salute mentale (CAMH) mira ad approfondire la nostra comprensione di questo problema ed ad identificare i modi supportare gli adulti più anziani durante questo tempo. Piombo dal Dott. Linda Mah, scienziato del clinico all'istituto di ricerca del Rotman di Baycrest (RRI), lo studio esaminerà gli effetti del distanziare pandemico e fisico di COVID-19 sulla salute mentale degli adulti più anziani. Inoltre, esaminerà l'elasticità e fare fronte fra questo gruppo, di cui tutt'e due è conosciuto per supportare la salute mentale. Lo studio comprende Sunnybrook, la rete di salubrità dell'università e l'ospedale di St Michael oltre a Baycrest e a CAMH.

Co-principale la ricerca è il Dott. Benoit Mulsant, scienziato del clinico nell'istituto di ricerca di salute mentale della famiglia di Campbell a CAMH e presidenza della famiglia di Labatt del dipartimento della psichiatria nella facoltà di medicina all'università di Toronto (U di T).

“La salute mentale degli anziani è un'emissione altamente pertinente ora,„ dice il Dott. Mah, che è egualmente un nuovo professore associato della psichiatria a U del T. “che sappiamo che durante l'epidemia di SAR nel 2003, c'erano aumenti nei problemi psichiatrici fra gli adulti più anziani nelle aree con i grandi scoppi del virus. Oggi, un terzo della gente inferiore a 65 anni sta avvertendo la depressione e l'alto sforzo, anche quando non sono stati infettati o non esposto stati a COVID-19. Questi numeri possono essere ancora più alti in adulti più anziani, che sono più vulnerabili a COVID-19 e ad isolamento sociale.„

In questo studio, DRS. Il Mah e Mulsant ed i loro colleghi rifletteranno i cambiamenti nella salute mentale e nell'incidenza della malattia psichiatrica durante la pandemia fra 475 adulti più anziani a Toronto. Lo studio è preveduto per essere terminato nell'anno, con alcuni risultati iniziali preveduti nei prossimi quattro - sei mesi.

La salute mentale durante il COVID-19 non dovrebbe essere catturata leggermente. I risultati di questo studio aumenteranno la nostra conoscenza dell'impatto di COVID-19 e di distanziare fisico come una salute pubblica misura su benessere emozionale in canadesi più anziani.„

Dott. Benoit Mulsant, scienziato del clinico, istituto di ricerca di salute mentale della famiglia di Campbell a CAMH

“I nostri risultati informeranno le decisioni dei funzionari di salute pubblica su quanto il più bene applicare le restrizioni per attenuare l'impatto di COVID-19, mentre rischi di minimizzazione di salute mentale in anziani,„ dice il Dott. Mah. “Inoltre, esaminando i fattori che pregiudicano la salute mentale degli anziani durante la pandemia, questo studio fornirà informazioni che possono essere usate per sviluppare gli interventi per supportare gli anziani durante il questo e le pandemie future.„

Aggiunge il Dott. Mulsant, “il nostro studio dovrebbe avere un impatto diretto ed immediato sulla salute pubblica.„