Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Altimmune annuncia i risultati preclinici positivi del candidato intranasale del vaccino COVID-19

Altimmune, Inc., una società biofarmaceutica della clinico-fase, ha annunciato i risultati positivi dagli studi preclinici intrapresi in mouse all'università di Alabama a Birmingham del suo candidato vaccino intranasale COVID-19, AdCOVID.

Gli studi -- una collaborazione fra UAB e il Gaithersburg, a Altimmune basato a Maryland -- attività di neutralizzazione indicata del forte siero ed immunità mucosa potente di IgA nelle vie respiratorie. L'induzione dell'anticorpo di IgA nelle vie respiratorie può essere necessaria da bloccare sia l'infezione che la trasmissione del virus per impedire ulteriore diffusione di COVID-19. Sulla base di questi risultati, AdCOVID si pensa che avanzi ad un 1 studio della sicurezza e dell'immunizzazione di fase in Q4 di questo anno.

AdCOVID è destinato per esprimere il dominio obbligatorio del ricevitore della proteina della punta del virus SARS-CoV-2, un obiettivo immune chiave che è essenziale affinchè il virus leghi alle celle ed all'infezione iniziata. Mettendo a fuoco la risposta immunitaria a questa parte della proteina virale della punta, AdCOVID ha suscitato una forte risposta sistematica dell'anticorpo contro il dominio obbligatorio del ricevitore in mouse, raggiungenti microgrammi di concentrazioni nell'anticorpo di IgG del siero i maggiori di 800 per millilitro gli appena 14 giorni dopo amministrazione di singola dose intranasale. Inoltre, AdCOVID ha stimolato i titoli virali di neutralizzazione del siero del 1:320 di giorno 28, due-tempi superiore al titolo raccomandato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per plasma convalescente d'investigazione come trattamento per COVID-19 severo.

In uno studio separato con UAB, una singola dose intranasale di AdCOVID ha stimolato un'induzione di 29 volte di IgA mucoso in liquido broncoalveolare dei mouse vaccinati. Questo livello di stimolo dell'anticorpo di IgA è ben sopra quello connesso con la protezione dalla malattia negli studi clinici di altri vaccini mucosi.

Frances Lund, Ph.D., ricercatore del cavo UAB per la prova preclinica dei candidati vaccino di AdCOVID, ha detto, “lo stimolo potente di immunità mucosa di IgA nelle vie respiratorie può essere cruciale efficacemente da bloccare l'infezione e la trasmissione del virus SARS-CoV-2, dato che la cavità nasale è un punto chiave dell'entrata e della replica per il virus SARS-CoV-2.„

Lo stimolo di immunità a questo livello gli appena 14 giorni dopo che un d'una sola dose è impressionante per tutto il vaccino ed è particolarmente notevole per un vaccino potenziale di coronavirus.„

Frances Lund, il Charles H. McCauley professore e presidenza del dipartimento di UAB di microbiologia

Il laboratorio di Lund ha fatto la prova preclinica in collaborazione con i laboratori di Randall troy, il Ph.D., professore di medicina nella divisione di UAB dell'immunologia e della reumatologia cliniche; Kevin Harrod, Ph.D., professore nel dipartimento di UAB di anestesiologia e di medicina Perioperative; e dipartimento di tre nuovo UAB dei laboratori di microbiologia piombo da re di Rodney, dal Ph.D., dall'assistente universitario, dal verde di Todd, dal Ph.D., dal professore associato e da John Kearney, il Ph.D., professore.

In dettaglio altri dal lavoro preclinico di collaborazione, Altimmune ha annunciato che le risposte dell'anticorpo sono state accompagnate da un'assunzione rapida delle celle di T di CD8+, delle celle di T di CD4+, delle celle dentritiche e delle celle di uccisore naturali nelle vie respiratorie. Le celle di assistente follicolari di T come pure di memoria che del centro linfociti B germinali sia in di aumenti, tutto l'associate nella ricerca priore di sviluppo del vaccino con la generazione di risposte longeve dell'anticorpo, sono state osservate nei linfonodi regionali e nella milza.

I dati preclinici per la risposta a cellula T antigene-specifica sono preveduti nelle prossime settimane, con le letture supplementari dell'immunizzazione.

La collaborazione di Altimmune-UAB è stata annunciata il 30 marzo e Lund ha fatto che funziona il più prioritario per il suo gruppo. “Lo scopo,„ ha detto a marzo, “è ottenere i dati a Altimmune al più presto possibile, in modo da useranno le informazioni ottenute dallo studio preclinico per progettare il loro test clinico nella gente.„

Il dosaggio intranasale fornisce AdCOVID il potenziale di essere amministrato rapido e senza l'esigenza dei aghi di stampa, delle siringhe o del personale di sanità formato. Inoltre, il profilo previsto della stabilità della temperatura ambiente di AdCOVID può tenere conto vasta distribuzione del vaccino senza l'esigenza della logistica costosa della catena del freddo, come la refrigerazione o congelamento.

UAB ha estesa esperienza nel intraprendere gli studi clinici dei vaccini ed ha partecipato agli studi promossi dall'unità vaccino di prova e di valutazione, dalla parte dell'istituto nazionale dell'allergia e dalle malattie infettive agli istituti della sanità nazionali.

A UAB, Randall tiene la cattedra di William J. Koopman la Endowed in reumatologia e l'immunologia, Harrod tiene Benjamin Monroe Carraway, M.D., presidenza dotata nelle tenute di Kearney e di anestesiologia la cattedra dotata in immunologia.