Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La maggior parte dei neozelandesi accumulano un gran quantità di paracetamolo nelle loro case, manifestazioni di studio

Mentre il paracetamolo era la sostanza più comune dell'indagine per le chiamate al centro di veleni nazionale nel 2018, la nuova ricerca rivela la maggior parte dei neozelandesi fa un gran quantità accumulare di antidolorifico nelle loro case.

Nel 2018, il centro di veleni nazionale della Nuova Zelanda basato all'università di Otago a Dunedin ha fornito la valutazione ed il consiglio per 64.358 indagini, un numero simile agli anni prima, un nuovo studio mostra.

La maggior parte delle chiamate al centro di veleni sono state collegate con le esposizioni della sostanza che fanno partecipare i pazienti molto giovani con la metà invecchiati al di sotto di 5 anni. La maggior parte delle esposizioni riferite si sono presentate nella propria casa del paziente ed erano involontarie e la maggior parte erano auto-ossequio consigliato l'esposizione a casa, o che non c'era nessun trattamento necessario.

Il paracetamolo era il più delle volte la sostanza riferita in tutte le chiamate al centro di veleni e nelle ricerche del database di informazioni dei veleni, che è utilizzato dai fornitori di cure mediche nella loro gestione dei pazienti avvelenati.

L'università di Dott. Eeva-Katri Kumpula del collega postdottorale di Otago piombo l'analisi delle indagini fatte al centro di veleni come pure di uno studio interamente separato costituito un fondo per dalle fondamenta di ricerca di salute mentale di Oakley, studianti le azioni di paracetamolo memorizzate nelle case dei neozelandesi.

Mentre i due studi in nessun modo sono collegati, erano entrambi recentemente pubblicati ed il Dott. Kumpula dice che i risultati non sono sorprendente forniti risultati da entrambi gli studi.

L'indagine di 201 casa in tutto la Nuova Zelanda, indicata una grande maggioranza ha avuta azioni del paracetamolo prontamente accessibili, con la maggior parte che sono ottenuti con una prescrizione.

Il Dott. Kumpula dice che questo non è per quanto il co-pagamento per una prescrizione di paracetamolo spetti sorprendente soltanto $5 per ad offerta di tre mesi o 360g di paracetamolo nel totale.

Sulla base del campione di studio, il preventivo dei ricercatori circa un terzo delle famiglie della Nuova Zelanda ha 30g o più del presente prescritto del paracetamolo. Soltanto 27 della 201 famiglia esaminata non hanno avuti prodotti del paracetamolo, evidenzianti l'alta prevalenza del farmaco nelle case.

Il paracetamolo è principalmente sicuro, una volta usato come istruito. È importante che la gente controlla con il loro farmacista o medico quanto al dosaggio ed alla frequenza di uso e quando usando il Dott. liquido Kumpula del paracetamolo raccomanda di per mezzo di uno strumento di misura adeguato, non un cucchiaio.

Lo studio evidenzia l'importanza di valutazione se e quanta paracetamolo è vero necessario quando prescrive e dispensando il farmaco, lei dice.

Assicurando la gente abbia accesso sufficiente a paracetamolo per la gestione di dolore deve essere saldato con impedire la capitalizzazione inutile dell'azione inutilizzata nelle famiglie per minimizzare l'uso inadeguato quale per auto-avvelenamento intenzionale.

I prescrittori ed i farmacisti devono essere informati dei rischi di tale capitalizzazione e valutare i bisogni terapeutici dei loro pazienti.„

Dott. Eeva-Katri Kumpula, collega postdottorale, università di Otago

Le iniziative pubbliche dovrebbero essere srotolate regolarmente per incoraggiare la gente a restituire inutilizzato o le medicine scadute per le farmacie per disposizione sicura, lo studio conclude.

Il centro di veleni nazionale è 24/7 disponibile per assistere i professionisti pubblici e medici nella gestione degli avvelenamenti. Per il pubblico, il parere è espresso sopra se ulteriore assistenza medica è le misure necessarie e appropriate del pronto soccorso. Per i professionisti di sanità che curano i pazienti in tempo reale, il consiglio dalla pratica dei tossicologi clinici è immediatamente disponibile sopra il telefono ed anche via il database di informazioni dei veleni del centro.