Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Prova dell'infezione placentare SARS-CoV-2 in COVID-19 delicato

La diffusione della pandemia in corso COVID-19 ha risparmiato nè il maschio nè femminile, vecchio né giovane e molte donne incinte hanno vittima caduta a pure. Tuttavia, l'impatto di questa infezione sulla madre incinta ed il bambino sono finora atipici.

Ora, un nuovo studio pubblicato sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nel luglio 2020 rivela la prova dell'infezione e dell'ipossia placentari, malgrado la mancanza di sintomi seri nella madre. Ciò ha potuto indicare l'esigenza di un'analisi più rigorosa di danno hypoxic fetale possibile nella ricerca futura come pure contribuire a modellare le linee guida di polizza in donne incinte.

Novello questa immagine del microscopio elettronico a scansione di Coronavirus SARS-CoV-2 mostra SARS-CoV-2 (giallo) - anche conosciuto come 2019-nCoV, il virus che causa COVID-19-isolated da un paziente negli Stati Uniti, emergente dalla superficie delle celle (blu/rosa) coltivate in laboratorio. L
Novello questa immagine del microscopio elettronico a scansione di Coronavirus SARS-CoV-2 mostra SARS-CoV-2 (giallo) - anche conosciuto come 2019-nCoV, il virus che causa COVID-19-isolated da un paziente negli Stati Uniti, emergente dalla superficie delle celle (blu/rosa) coltivate in laboratorio. L'immagine ha catturato e colorized ai laboratori della montagna rocciosa di NIAID (RML) a Hamilton, Montana. Credito: NIAID

Lo studio: Risultati normali di gravidanza con COVID-19

Gli affari correnti di studio con una donna incinta hanno invecchiato 29 anni, un multigravida, ammesso scorso 40 settimane per induzione di lavoro. Aveva avvertito il dolore del muscolo una coppia di giorni prima della presentazione ed è stata provata a coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo da reazione a catena della transcriptase-polimerasi inversa (RT-PCR), che era positiva.

I genitori del paziente sono stati conosciuti per essere positivi per l'infezione. Auto-stavano isolando, mentre il suo marito era stato in contatto con uno scoppio del posto di lavoro ma la quantità negativa provata ed era asintomatico per la malattia.

La gravidanza era stata semplice finora ed il paziente è rimanere in buona salute in tutto la gravidanza, con dolore di muscolo normale che è alleviato prima dell'ammissione. Ha consegnato un neonato che pesa circa 3.500 G. Sia la madre che il bambino sono stati scaricati 36 ore dalla nascita. A 24 ore di post-nascita, il RT-PCR era negativo per il bambino e ad una settimana, l'infante stava allattando normalmente senza alcuni sintomi indicativi di COVID-19.

Istopatologia placentare anormale

L'esame istopatologico della placenta ha mostrato la prova di ipossia uterina acuta come indicata da necrosi laminare subchorionic, con ipossia uterina cronica di fondo, indicata dai trophoblasts extravillous e dal villitis cronico focale. L'analisi (IHC) del Immunohistochemistry ha mostrato la presenza di antigeni SARS-CoV-2 distribuiti estesamente in tutto la placenta. Questi erano presenti sotto il cordone ombelicale, sia in placenta centrale che periferica, nelle celle endoteliali dei villi coriali ed insolitamente all'interno dei trophoblasts.

Vasculopathy placentare in una donna incinta con la malattia delicata COVID-19. Le membrane placentari hanno mostrato la decidua con le arteriole sparse con il muscolo liscio ispessito, coerente con arteriolopathy ipertrofico (vasculopathy) (figura 1a - cordone ombelicale e membrane placentari) e necrosi laminare subchorionic (figura 1b - parenchima placentare sotto il cordone ombelicale). Il disco placentare ha mostrato le aree focali di infiammazione lympho-histiocytic coerenti con il villitis cronico (figura 1c - parenchima placentare centrale) e le isole sparse dei trophoblasts extravillous (figura 1d - parenchima placentare periferico).
Vasculopathy placentare in una donna incinta con la malattia delicata COVID-19. Le membrane placentari hanno mostrato la decidua con le arteriole sparse con il muscolo liscio ispessito, coerente con arteriolopathy ipertrofico (vasculopathy) (figura 1a - cordone ombelicale e membrane placentari) e necrosi laminare subchorionic (figura 1b - parenchima placentare sotto il cordone ombelicale). Il disco placentare ha mostrato le aree focali di infiammazione lympho-histiocytic coerenti con il villitis cronico (figura 1c - parenchima placentare centrale) e le isole sparse dei trophoblasts extravillous (figura 1d - parenchima placentare periferico).

Ricerca priore su COVID-19 nella gravidanza

Finora, le 12 serie di caso hanno pubblicato in letteratura COVID-19 riguardo a questa malattia nel rapporto di gravidanza che COVID-19 severo non è tipico nella gravidanza. Infatti, su 431 caso, 36 hanno avuti una malattia seria o critica e un'ammissione richiesta di ICU. Altri studi hanno confermato l'a basso rischio nella gravidanza.

Tuttavia, due studi, uno dalla Svezia ed uno da U.S.A., indicano una maschera meno ottimistica. Nel primo, il rischio di ammissione di ICU era quintuplo ed il rischio di ventilazione meccanica quattro volte tanto, riguardante le donne non gravide, quattro volte più su.

Nello studio degli Stati Uniti, effettuato su quasi 330.000 donne durante gli anni riproduttivi che erano positivi per COVID-19, hanno trovato che le donne incinte erano circa 50% più probabili essere ammesso al ICU e 70% più probabilmente per ricevere la ventilazione meccanica. Ciò viene ad un rischio assoluto di 1,5% che le donne incinte avranno bisogno della cura di ICU. In generale, la mortalità materna è 0,2% da questa malattia.

Le tracce di COVID-19 nella placenta

La trasmissione verticale dalla madre al feto egualmente sembra essere bassa, ma parecchi rapporti hanno indicato la presenza del virus sulle membrane fetali. Nella placenta, COVID-19 è pensato per infettare le celle endoteliali che piombo ad uno stato procoagulable.

Ciò può indurre il microthrombi a formarsi, che a loro volta può causare l'aspersione insufficiente del sangue attraversa la placenta. Ciò è provata tramite maturazione villous accelerata, infarto, emboli intervillous, lesioni di necrosi laminare trophoblast e e subchorionic extravillous.

L'effetto sulla circolazione fetale è riflesso dai grumi all'interno di più grandi imbarcazioni, della sclerosi villous e della ripartizione delle celle endoteliali all'interno dello stroma villous. Uno studio placentare indicato ha alterato l'aspersione dal lato fetale in 8/20 ed il lato materno in 3/20 delle placente. Un altro studio ha indicato che le placente dei pazienti COVID-19 sono state tracciate comunemente dagli emboli arteriopathy e intervillous decidual.

La cosa importante è che i segni del malperfusion fetale e materno non sono specifici per COVID-19, essendo vedendo in altri stati hypercoagulable come l'anticoagulante di lupus, la proteina C o la carenza di S, ipertensione gestazionale e pre-eclampsia, o persino nelle gravidanze altrimenti normali.

Raccomandazioni correnti per i pazienti incinti

L'impulso continuo nei casi COVID-19 in U.S.A. ha causato moltissima preoccupazione circa la possibilità delle mutazioni virali. Conformemente al suo rapporto più iniziale, il centro di controllo delle malattie (CDC) ha pubblicato le raccomandazioni recenti circa la gravidanza in COVID-19.

Questi comprendono le raccomandazioni restare a partire da altre il più possibile, proteggersi da COVID-19 nel caso delle interazioni inevitabili ed anche un avviso che alcuni bambini hanno verificato il positivo a virus. Tuttavia, la sincronizzazione dell'infezione rimane poco chiara.

Infezione placentare in COVID-19 materno delicato

Il documento corrente è il primo per descrivere i risultati di IHC del tessuto placentare dalle donne con COVID-19 delicato, sebbene ci siano sei che riferiscono la presenza del virus nelle placente delle donne con il moderato alla malattia severa. Il paziente in questo studio non ha avuto febbre, tosse, o dispnea, sintomi tipici dell'infezione.

Ha avuta una cronologia del contatto con la gente e i myalgias malati. Nondimeno, il tessuto placentare ha mostrato la possibilità della partecipazione vascolare. Ciò è fra il più serio delle emissioni placentari poiché può piombo alla restrizione fetale della crescita, all'pre-eclampsia ed alla trasmissione verticale se la madre è infettata nella gravidanza iniziale.

L'articolo corrente descrive che il virus ha fatto il suo modo attraverso la placenta e la presenza delle perturbazioni vascolari placentari. Ciò ha provocato l'aspersione difficile dal lato materno della placenta, con le lesioni della necrosi laminare trophoblast e subchorionic extravillous.

Tuttavia, il malperfusion fetale non è stato veduto. Malgrado la presenza di SARS-CoV-2 nella placenta, il virus era assente nel neonato. Ciò non è un'individuazione generalizzabile da quando la donna ha verificato successivamente il positivo a virus nella gravidanza. Le esposizioni iniziali o multiple hanno potuto avere effetti differenti. Ciò richiederà la più ricerca, compreso queste circostanze specifiche.

Implicazioni

Lo studio conclude: “Prova di preoccupazione placentare di aumenti COVID-19 per la trasmissione verticale vasculopathy e potenziale placentare. Il nostro rapporto solleva il problema di se l'orientamento futuro di gravidanza dovrebbe comprendere ancora le precauzioni pandemiche più rigorose, quale selezione prenatale per una più grande selezione dei sintomi COVID-19, ha aumentato le raccomandazioni prenatali di sorveglianza e possibilmente COVID-19 che prova in maniera regolare in tutto la gravidanza.„

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, July 16). Prova dell'infezione placentare SARS-CoV-2 in COVID-19 delicato. News-Medical. Retrieved on May 14, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200716/Evidence-of-SARS-CoV-2-placental-infection-in-mild-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Prova dell'infezione placentare SARS-CoV-2 in COVID-19 delicato". News-Medical. 14 May 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200716/Evidence-of-SARS-CoV-2-placental-infection-in-mild-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Prova dell'infezione placentare SARS-CoV-2 in COVID-19 delicato". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200716/Evidence-of-SARS-CoV-2-placental-infection-in-mild-COVID-19.aspx. (accessed May 14, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Prova dell'infezione placentare SARS-CoV-2 in COVID-19 delicato. News-Medical, viewed 14 May 2021, https://www.news-medical.net/news/20200716/Evidence-of-SARS-CoV-2-placental-infection-in-mild-COVID-19.aspx.